Israele: cosa sarà scritto su Wikipedia nell'aprile del 2048
Top

Israele: cosa sarà scritto su Wikipedia nell'aprile del 2048

Viaggio nel futuro. Un futuro che si fa già presente. Quella che state per fare è una lettura affascinante. Dove l’immaginazione s’intreccia con la realtà.

Israele: cosa sarà scritto su Wikipedia nell'aprile del 2048
Ebrei ortodossi
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

13 Aprile 2024 - 15.14


ATF

Viaggio nel futuro. Un futuro che si fa già presente. Quella che state per fare è una lettura affascinante. Dove l’immaginazione s’intreccia con la realtà. L’autore è Eran Yashiv, professore di economia all’Università di Tel Aviv

Così su Haaretz: “Voce di Wikipedia, aprile 2048.

Israele è una repubblica ebraica religiosa con una minoranza laica sulle rive del Mar Mediterraneo. Il suo regime è attualmente teocratico e autoritario. La storia di Israele come Stato è relativamente breve (100 anni), anche se fa parte della lunga storia del popolo ebraico. La sua lingua ufficiale è l’ebraico.

Motto nazionale: Il popolo eletto

Inno nazionale: Inno a Davide

Capo dell’esecutivo: Presidente dello Stato

Presidente dello Stato: Rabbi Ovadia Yosef (72 anni, nipote dell’omonimo fondatore del partito Shas)

Assemblea legislativa: Il Sinedrio

Popolazione: 15 milioni

Demografia: 25% ebrei ultraortodossi; 40% ebrei religiosi; 15% ebrei laici; 20% musulmani e drusi

Breve panoramica su storia, governo ed economia

Nei suoi primi 75 anni di vita, Israele è stato uno stato occidentale liberale che ha dovuto affrontare tre sfide principali: gli attacchi dei paesi arabi e di varie organizzazioni terroristiche in sei guerre e numerosi conflitti minori; l’assimilazione di grandi ondate di immigrazione provenienti da un’ampia varietà di comunità ebraiche in tutto il mondo; la crescita economica che lo ha portato da un paese relativamente povero a un paese tra i primi 20 classificati per PIL pro capite.

Nel 2023, due grandi crisi portarono a cambiamenti di vasta portata nel carattere dello Stato, nella sua demografia e nella sua economia. La prima è stata una serie di tentativi di cambiamenti giudiziari e di regime da parte di un governo di estrema destra, comprendente partiti ultraortodossi, guidato da un politico populista, Benjamin Netanyahu.

Questi tentativi di cambiamento, che hanno danneggiato i processi democratici di Israele, hanno provocato un’ampia protesta pubblica. Questa protesta e la Corte Suprema dello Stato misero fine al progetto di revisione del sistema giudiziario. Nel decennio successivo, però, Israele ha subito profondi cambiamenti, dapprima lentamente e al di fuori dell’attenzione pubblica, poi più rapidamente. Le guerre descritte di seguito sono state una delle cause della disattenzione nei confronti di questi cambiamenti.

La seconda crisi è iniziata il 7 ottobre, quando migliaia di attivisti del gruppo terroristico Hamas hanno massacrato oltre 1.200 persone in Israele vicino alla Striscia di Gaza, ne hanno ferite molte centinaia, hanno bruciato e distrutto case e hanno rapito 253 israeliani e cittadini stranieri a Gaza.

Leggi anche:  Militari israeliani 'talpe' dei coloni di estrema destra: davano indicazioni sui convogli da assaltare

Questi eventi hanno portato a una lunga guerra tra Israele e Gaza. La guerra si estese ad altri fronti, il Libano e la Cisgiordania, con un crescente coinvolgimento iraniano. La guerra andò avanti per diversi anni con intensità variabile. Alcuni mesi furono tranquilli, altri videro intensi combattimenti.

Queste crisi portarono a molti cambiamenti: Israele non riuscì a fissare obiettivi raggiungibili per la fine della guerra, concentrandosi sulla rappresaglia contro l’aggressione. Dovette ricorrere a ingenti forze di riserva, causando continui danni alla sua economia; rifiutò di accettare una soluzione diplomatica proposta dagli Stati Uniti, dall’Unione Europea e dagli Stati arabi moderati, perdendo anche il favore di questi ultimi. Senza un chiaro orizzonte diplomatico, il sostegno americano a Israele diminuì; la debolezza militare di Israele incoraggiò l’aggressione.

Le elezioni parlamentari del 2026 furono annullate a causa dello stato di emergenza. La magistratura vacillava per mancanza di nomine giudiziarie e per paura del governo. Questa perdita di infrastrutture democratiche, la crisi economica e la crescente incertezza sul futuro intensificarono l’emigrazione di settori forti dell’economia.

I primi ad andarsene sono stati i dipendenti dell’alta tecnologia, seguiti da medici, accademici e persino da professionisti militari, in particolare dell’aeronautica e dell’intelligence militare. Questa emigrazione continua ancora oggi, a distanza di oltre due decenni. Gli emigranti si sono trasferiti in parte negli Stati Uniti, in parte in altri paesi anglofoni e il resto in paesi dell’Europa meridionale come Grecia, Spagna e Portogallo.

Nel frattempo, il regime è gradualmente cambiato. La Knesset e il governo furono sciolti e sostituiti da un parlamento religioso, il Sinedrio, eletto dall’ultimo governo e dai principali rabbini. Il Sinedrio elegge il presidente, che dirige il governo senza limiti di mandato. La giurisdizione dei tribunali è stata severamente ridotta, mentre quella dei tribunali rabbinici è stata ampliata. La polizia fu rafforzata con una guardia nazionale ed entrambe le organizzazioni assunsero una posizione dura nei confronti dei dissidenti. Fu imposta una severa censura e i media liberali come Haaretz e Channel 13 News furono chiusi.

Gli investimenti stranieri in Israele diminuirono rapidamente fino a quasi azzerarsi nel 2033. Il PIL pro-capite crollò e la crescita del PIL rallentò notevolmente. Nonostante l’ondata di emigrazione, la popolazione israeliana continuò a crescere grazie agli alti tassi di natalità della popolazione rimanente. Israele scese al 65° posto nella classifica mondiale del PIL pro capite, al pari di paesi come l’Argentina e la Malesia.

Lunghe siccità e gravi ondate di calore hanno colpito duramente la regione a causa del riscaldamento globale, accelerando l’emigrazione e il declino socioeconomico.

Leggi anche:  Il Belgio chiede il divieto totale per i paesi Ue di esportare le armi a Israele

Poiché Israele non è più una democrazia e alla luce della sua condotta politica e militare, gli Stati Uniti hanno interrotto il loro sostegno di lunga data, arrivando a imporre sanzioni. Al suo posto, Israele si è rivolto alla Cina e alla Russia per ottenere supporto e ora si trova nella loro sfera di influenza. La minaccia di Israele di usare armi nucleari è il motivo principale per cui non è stato conquistato o sconfitto.

Il declino del tenore di vita, i cambiamenti di regime e il crescente isolamento dall’Occidente hanno portato anche a un aumento della criminalità e a un incremento dei conflitti tra i vari settori della società. Gli ultraortodossi rimangono economicamente svantaggiati e solo pochi di loro prestano servizio nelle forze armate; tuttavia, i loro leader politici costituiscono la spina dorsale dell’organo di governo dello Stato, in modo simile ai regimi di diversi Stati musulmani vicini.

Di tanto in tanto sale al potere un politico che promette di risolvere i problemi di Israele. Tuttavia, come Benjamin Netanyahu, il cui governo è stato la causa principale della crisi del 2023, finiscono solo per peggiorare le cose. La leadership civile è tipicamente composta da funzionari religiosi, mentre la leadership militare è principalmente religiosa-nazionalista.

Con il passare del tempo, Israele è diventato sempre più simile all’Iran, che ha subito processi politici ed economici simili, sebbene questi abbiano avuto origine da una rivoluzione piuttosto che da un cambiamento graduale. L’ebraismo mondiale, ad eccezione della comunità ultraortodossa, ha preso le distanze da Israele. Israele è considerato uno stato estremo e fallito, non democratico e illiberale, che sposa un ramo radicale dell’ebraismo e promuove valori teocratici e autoritari”, conclude il professor Yashiv.

Vedi alla parola “sionismo”

Così la declina, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, Linda Dayan: “Internet ha scoperto una nuova parola. Sebbene sia in uso da generazioni in alcuni angoli, negli ultimi sei mesi ha preso piede tra nuove e diverse comunità. Come gli studenti di un programma di scambio con un nuovo vocabolario, le persone sembrano inserire questa parola in ogni frase e contesto, che sia adatta o meno. Ora pervade i post e le sezioni dei commenti su TikTok, la patria della Gen Z; Instagram, la patria dei millennial; e X, la patria delle persone che cadono nelle truffe di criptovaluta. La parola è “sionista”, un termine flessibile che può riferirsi a una vasta gamma di persone, comportamenti e credenze. È stato applicato, tra gli altri, a fanatici suprematisti ebrei, a persone che approvano la soluzione dei due Stati, a obiettori di coscienza all’IDF – che tuttavia condannano Hamas – e a una star del K-pop che teneva in mano una tazza di Starbucks. Ci sono persone che si dichiarano antisionisti convinti perché si oppongono alle politiche del Primo Ministro Benjamin Netanyahu e alla carneficina di Gaza, ma che potrebbero comunque rientrare nella definizione di sionismo di qualcun altro se non credono che gli israeliani debbano essere espulsi dal Levante.

Leggi anche:  Scozia-Israele di calcio femminile si giocherà a porte chiuse

Per chiarire questa confusione, ho chiesto alle persone su X di mettere una moratoria su questa parola per motivi di chiarezza: Quando si dice sionista, si parla del Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir e della sua schiera di kahanisti? Stanno parlando di chiunque sostenga qualcosa che non sia lo smantellamento di Israele? Stanno parlando degli ebrei in generale, che non amano per motivi non legati a Theodor Herzl? Le risposte sono state di segno misto a negativo, con alcuni che si sono detti d’accordo, alcuni che hanno detto che intendevano “tutto quanto sopra”, altri che hanno detto che i sionisti sono nazisti e altri ancora che mi hanno detto che in realtà sono peggio di Ben-Gvir (non ho preso una posizione politica o filosofica). Mi hanno anche dato del colonizzatore europeo suprematista bianco, il che mi ha fatto male, perché significava che avevo fallito nel mio dovere di ricordare a tutti che sono siriano ogni 15 minuti. Mi hanno anche dato spesso del sionista, anche se i miei accusatori non hanno chiarito cosa intendessero.

Questa tendenza spaventa la comunità ebraica in generale per diversi motivi. C’è quello più ovvio: la parola “sionista” a volte, se non spesso, fornisce una copertura agli antisemiti che hanno capito che l’uso della parola “ebreo” può avere delle conseguenze. Ma c’è anche il fatto che questa terminologia divergente forma un cuneo crescente tra la maggioranza degli ebrei che si considerano sionisti (ovvero che sostengono l’autodeterminazione del popolo ebraico in tutta o parte della biblica Terra d’Israele) e un gruppo crescente che si considera antisionista (ovvero che non sostiene un sistema che eleva gli ebrei opprimendo i palestinesi).

Questa divisione dà potere agli estremisti che vogliono vedere gli israeliani o i palestinesi allontanati dalla terra ed emargina gli aspiranti costruttori di pace, che credono e lavorano per un futuro in cui entrambe le nazioni possano prosperare. È quasi certo che si aggraverà”, conclude Linda Dayan.

Tutto condivisibile, aggiungiamo noi di Globalist. Togliendo il quasi. 

Native

Articoli correlati