Ucraina, la Svizzera ospiterà a giugno una conferenza per la pace: ma la Russia non ci sarà
Top

Ucraina, la Svizzera ospiterà a giugno una conferenza per la pace: ma la Russia non ci sarà

La Svizzera ha dichiarato a gennaio che avrebbe ospitato un vertice di pace su richiesta del presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy e da allora ha tenuto colloqui con l’UE, gli Stati membri del G7 e paesi come Cina e India per ottenere il loro sostegno.

Ucraina, la Svizzera ospiterà a giugno una conferenza per la pace: ma la Russia non ci sarà
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Aprile 2024 - 15.33


ATF

A giugno il governo svizzero ospiterà una conferenza ad alto livello di due giorni volta a raggiungere la pace in Ucraina, anche se la Russia ha chiarito che non prenderà parte all’iniziativa.

La Svizzera ha dichiarato a gennaio che avrebbe ospitato un vertice di pace su richiesta del presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy e da allora ha tenuto colloqui con l’UE, gli Stati membri del G7 e paesi come Cina e India per ottenere il loro sostegno.

Lo afferma il Consiglio federale in un comunicato:

 Attualmente esiste un sostegno internazionale sufficiente per una conferenza ad alto livello che avvii il processo di pace.

La conferenza si terrà il 15 e 16 giugno presso la località di Bürgenstock, nel cantone di Nidvaldo, fuori dalla città di Lucerna. Mirerà a creare un quadro favorevole ad una pace globale e duratura in Ucraina, nonché “una tabella di marcia concreta per la partecipazione della Russia al processo di pace”.

Mentre Mosca ha affermato di non essere contraria ai negoziati per porre fine alla guerra, i funzionari russi hanno affermato che non prenderanno parte ai colloqui in Svizzera, un paese che ritengono abbia rinunciato alla sua neutralità rispetto al conflitto.

Leggi anche:  Da Kharkiv all'Africa: spigolature di politica internazionale

La Russia, che ha lanciato un’invasione su vasta scala dell’Ucraina nel febbraio 2022, ha affermato che l’iniziativa svizzera è inutile senza la partecipazione di Mosca.

Le autorità svizzere non hanno ancora divulgato l’elenco completo dei partecipanti.

Native

Articoli correlati