I leader mondiali in Svizzera per un piano di pace per l'Ucraina: ma non ci sono Russia e Cina
Top

I leader mondiali in Svizzera per un piano di pace per l'Ucraina: ma non ci sono Russia e Cina

Il vertice arriva mentre i leader del G7 riuniti in Italia stringono un nuovo accordo per un prestito di 50 miliardi di euro per l’Ucraina

I leader mondiali in Svizzera per un piano di pace per l'Ucraina:  ma non ci sono Russia e Cina
Il resort Burgenstock vicino Lucerna sede della conferenza sull'Ucraina
Preroll

globalist Modifica articolo

15 Giugno 2024 - 12.39


ATF

Più di 100 leader, tra cui la vicepresidente degli Stati Uniti, Kamala Harris, e i presidenti o capi di stato dell’UE, dei paesi sudamericani, del Medio Oriente e dell’Asia, sono in Svizzera per uno dei tentativi più ambiziosi fino ad oggi di creare un accordo piano di pace per l’Ucraina. Ma Russia e Cina sono assenti.

Il vertice arriva mentre i leader del G7 riuniti in Italia stringono un nuovo accordo per un prestito di 50 miliardi di euro per l’Ucraina, cartolarizzato attraverso l’utilizzo dei profitti inattesi derivanti dagli interessi sugli asset della banca centrale russa congelati dall’UE e da altre nazioni occidentali dopo l’invasione dell’Ucraina nel 2022. .

La conferenza di pace di due giorni, che si svolgerà presso il lussuoso resort Bürgenstock nei pressi di Lucerna, discuterà il piano in 10 punti proposto da Kiev per porre fine alla guerra insieme ad altri tre temi: la minaccia nucleare, la sicurezza alimentare e i bisogni umanitari in Ucraina.

Ciò segue la richiesta del presidente russo Vladimir Putin venerdì a Kiev di cedere più terre, ritirare le truppe all’interno del proprio paese e abbandonare la candidatura alla Nato per poter porre fine alla guerra in Ucraina – proposte che sono state respinte dall’Ucraina, dagli Stati Uniti. e Nato.

Leggi anche:  Ucraina, per l'Europa la diplomazia può attendere e la parola è solo alle armi

Domenica è previsto un comunicato congiunto incentrato sull’importanza dei principi delle Nazioni Unite sul mantenimento e il rispetto della “sovranità e dell’integrità territoriale”.

Anche se questo non è visto come un progresso della pace in sé, è progettato per “ridurre lo spazio per qualsiasi iniziativa inutile”, dicono coloro che sono a conoscenza della conferenza.

Ciò sarà visto come un successo per Volodymyr Zelensky che mira a creare sostegno internazionale per il suo piano di pace che include il ritiro completo delle truppe russe dall’Ucraina e il ritorno ai confini post-sovietici del 1991.

Gli organizzatori del vertice di pace hanno minimizzato la decisione della Cina di non partecipare, una mossa che ha spinto Zelensky ad accusare Pechino di aver aiutato Mosca a indebolire l’incontro, cosa che il ministero degli Esteri cinese ha negato.

Kiev ha fatto pressioni affinché una delegazione cinese partecipasse al vertice per conferire ulteriore legittimità alla conferenza e creare un cuneo tra Mosca e Pechino.

C’erano anche speranze che l’Arabia Saudita potesse partecipare dopo quelli che Zelenskiy ha descritto come colloqui “produttivi ed energici” con il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman mercoledì.

Leggi anche:  Gli ucraini hanno attaccato con i droni una fabbrica nella città russa di Korenevo

Mosca ha liquidato l’incontro come inutile.

La Cina, che ha stretti legami con la Russia, ha detto che non parteciperà perché la conferenza non soddisfaceva i suoi requisiti, inclusa la partecipazione della Russia.

Che decine di leader saranno in Svizzera in un momento in cui l’Ucraina è militarmente in difficoltà e con crescenti voci sulla fatica della guerra, è un’impresa impressionante, hanno detto alti esponenti statunitensi.

Native

Articoli correlati