La Francia invoca sanzioni contro Israele se non consentire maggiori aiuti a Gaza
Top

La Francia invoca sanzioni contro Israele se non consentire maggiori aiuti a Gaza

Il ministro degli Esteri francese, Stéphane Séjourné, ha suggerito che la comunità internazionale dovrebbe fare pressione su Israele imponendo potenzialmente sanzioni per costringerlo a consentire maggiori aiuti a Gaza.

La Francia invoca sanzioni contro Israele se non consentire maggiori aiuti a Gaza
Preroll

globalist Modifica articolo

9 Aprile 2024 - 11.04


ATF

Il ministro degli Esteri francese, Stéphane Séjourné, ha suggerito che la comunità internazionale dovrebbe fare pressione su Israele imponendo potenzialmente sanzioni per costringerlo a consentire maggiori aiuti a Gaza.

“Ci devono essere leve di influenza e ci sono molteplici leve, fino alle sanzioni per consentire agli aiuti umanitari di oltrepassare i posti di blocco”, ha detto ad Al Jazeera ai media francesi RFI radio e France 24.

“La Francia è stata uno dei primi paesi a proporre sanzioni dell’Unione Europea contro i coloni israeliani che stanno commettendo atti di violenza in Cisgiordania. Continueremo, se necessario, a ottenere l’apertura degli aiuti umanitari”, ha aggiunto.

Il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite, Volker Turk, ha affermato il mese scorso che le restrizioni israeliane sugli aiuti umanitari a Gaza potrebbero equivalere a una tattica di fame che potrebbe essere un crimine di guerra.

La carestia è “prevista e imminente” nella metà settentrionale di Gaza, afferma un rapporto sostenuto dalle Nazioni Unite il mese scorso, e secondo Oxfam il numero di persone che affrontano “livelli catastrofici” di fame è quasi raddoppiato da dicembre.

Leggi anche:  Giorno della memoria: contestati diversi ministri israeliani durante le cerimonie di commemorazione

Israele nega di aver bloccato gli aiuti, affermando che la carenza è il risultato di fallimenti logistici da parte di organizzazioni umanitarie o di Hamas che ha deviato le forniture.

Ma le agenzie umanitarie affermano che la consegna è stata gravemente ostacolata da una combinazione di ostacoli logistici, strade danneggiate, crollo dell’ordine pubblico e lunghi controlli burocratici imposti da Israele.

Alcuni gruppi umanitari hanno affermato che inviare convogli di camion a nord è stato troppo pericoloso a causa dell’incapacità dei militari di garantire un passaggio sicuro.
Invia commenti

Native

Articoli correlati