L'uccisa dall'ex mentre chiedeva aiuto (inutilmente) alla polizia: dolore e indigazione in Grecia
Top

L'uccisa dall'ex mentre chiedeva aiuto (inutilmente) alla polizia: dolore e indigazione in Grecia

Tra gli agenti sospesi figurano il comandante della stazione e l'operatore del centralino di emergenza che stava parlando al telefono con la vittima nel momento in cui è stata uccisa.

L'uccisa dall'ex mentre chiedeva aiuto (inutilmente) alla polizia: dolore e indigazione in Grecia
Kyriaki Griva, 28 ann, uccisa dall'ex compagno ad Atene
Preroll

globalist Modifica articolo

6 Aprile 2024 - 12.07


ATF

Cinque agenti di polizia sono stati sospesi dalle loro funzioni in seguito all’omicidio di una donna di 28 anni avvenuto il primo aprile fuori dalla stazione di polizia del sobborgo di Agioi Anargyroi, a nord di Atene.

Tra gli agenti sospesi figurano il comandante della stazione e l’operatore del centralino di emergenza che stava parlando al telefono con la vittima nel momento in cui è stata uccisa.

La denuncia alla polizia e l’omicidio della 28enne

 In base alle ricostruzioni dei media greci, Kyriaki Griva, 28 anni, si era recata la sera del primo aprile nella stazione di polizia, perché temeva per la propria vita dopo che aveva avvistato l’ex compagno, a cui era impedito di avvicinarsi a lei in base a un ordine restrittivo, che si aggirava nei pressi della propria casa. La donna è rimasta otto minuti all’interno della stazione di polizia di Agioi Anargyroi, e dopo essere uscita ha chiamato il centralino di emergenza della polizia per chiedere che un’auto la scortasse a casa.

Leggi anche:  Grecia, exit poll: Nuova Democrazia con il 30%, dietro Syriza e i socialdemocratici del Pasok

Nella telefonata, riportata dai media greci, l’agente del centralino avrebbe detto alla donna che “l’auto della polizia non è un taxi”, e che non avrebbe potuto scortarla a casa da dove si trovava, ma avrebbe potuto inviare una volante direttamente all’abitazione della donna. Mentre si svolgeva la conversazione l’ex compagno ha raggiunto la donna fuori dalla stazione di polizia e l’ha pugnalata a morte più volte.



L’indagine sugli agenti coinvolti

 La sua uccisione ha suscitato profonda indignazione sui social media e nel dibattito televisivo del Paese. Come riporta Kathimerini, tra le azioni previste per gli agenti in questi casi c’è quella di avvisare il call center di emergenza. Uno degli interrogativi ancora senza risposta, però è perché sia stata la donna una volta uscita dal commissariato, e non l’agente di turno a chiamare il centralino di emergenza. Il capo della procura di Atene, Antonis Eleftherianos, ha ordinato un’indagine a tutto campo sulle “possibili mancanze da parte degli agenti di polizia in servizio al momento della tragedia”

Native

Articoli correlati