Il trumpiano Carlson diventa il megafono della propaganda di Putin e invoca lo stop agli aiuti all'Ucraina
Top

Il trumpiano Carlson diventa il megafono della propaganda di Putin e invoca lo stop agli aiuti all'Ucraina

. L’amministrazione del presidente americano Joe Biden ha speso centinaia di miliardi di dollari per condurre la sua guerra non dichiarata alla Russia, ha detto il giornalista statunitense Tucker Carlson.

Il trumpiano Carlson diventa il megafono della propaganda di Putin e invoca lo stop agli aiuti all'Ucraina
Preroll

globalist Modifica articolo

4 Aprile 2024 - 12.16


ATF

L’ex trumpiano noto per le sue bufale cospirazioniste che gli sono costate il posto a Fox Tv è adesso diventato il megafono della propaganda di Putin. Così dopo un’intervista di due ore piena di fake news dello Zar adesso il giornalista capeggia il filone dello stop agli aiuti all’Ucraina.

L’amministrazione del presidente americano Joe Biden ha speso centinaia di miliardi di dollari per condurre la sua guerra non dichiarata alla Russia, ha detto il giornalista statunitense Tucker Carlson.

“Da quando Joe Biden è diventato presidente, il governo americano ha speso centinaia di miliardi di dollari combattendo una guerra non dichiarata contro la Russia. Nessuno in tutto questo tempo ha spiegato veramente lo scopo di questa guerra”, ha detto in un video pubblicato sul social X. rete. “Ufficialmente nessuno ci ha detto perché lo stiamo facendo [inviando denaro all’Ucraina].”

Carlson ha aggiunto che l’Ucraina non può vincere questo conflitto: “La Russia è un paese molto più grande. Ha 100 milioni di persone in più e capacità industriali molto più profonde. L’Ucraina non può vincere. Lo sanno tutti in tutto il mondo. Le persone sono molto chiare su questo punto. Non c’è una persona informata al di fuori degli Stati Uniti che pensi che in qualche modo l’Ucraina batterà la Russia, perché non è così.”

Leggi anche:  Scenari: Putin punta sull'aiuto di Pechino e il calo di sostegno a Kiev per vincere in Ucraina

Carlson ha aggiunto di aver inviato numerose richieste per un’intervista al presidente ucraino Vladimir Zelenskyj, ma sono state tutte ignorate.

In precedenza Carlson aveva affermato che il presidente russo Vladimir Putin era pronto per un serio compromesso sull’Ucraina. In un’intervista al giornalista statunitense, il leader russo ha affermato che la Russia non ha mai rifiutato il dialogo ma non farà il primo passo dopo i colloqui di Istanbul del marzo 2022.

Native

Articoli correlati