Perché l'estrema destra in Francia e in Italia si stringe attorno a un Israele in guerra
Top

Perché l'estrema destra in Francia e in Italia si stringe attorno a un Israele in guerra

Su Haaretz Andrea Mammone, uno storico dell'Università di Roma La Sapienza. Il professor Mammone Ha pubblicato numerose pubblicazioni sul nazionalismo, l'estrema destra e la politica, la storia e la società europea.

Perché l'estrema destra in Francia e in Italia si stringe attorno a un Israele in guerra
Giorgia Meloni e Marine Le Pen
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

12 Marzo 2024 - 22.02


ATF

Un’analisi importante. Un contributo prezioso per decodificare il cambio di atteggiamento della destra, più o meno estrema, in Italia e in Francia, in rapporto a Israele e alla destra radicale che governa lo Stato ebraico.

Un contributo prezioso

È quello di Andrea Mammone, uno storico dell’Università di Roma La Sapienza. Il professor Mammone Ha pubblicato numerose pubblicazioni sul nazionalismo, l’estrema destra e la politica, la storia e la società europea.

Così su Haaretz: “Quando a fine febbraio la polizia italiana in tenuta antisommossa ha represso con violenza una manifestazione pro-palestinese di studenti delle scuole superiori che chiedevano il cessate il fuoco a Gaza, piombando su alcuni di loro e picchiandoli, si è scatenato un putiferio in tutto il paese, con tanto di condanna da parte del Presidente Sergio Mattarella.

Il governo di estrema destra guidato da Giorgia Meloni, uno dei leader di destra più potenti d’Europa, ha però immediatamente difeso la polizia.

Solo due settimane prima, due cantanti del popolarissimo Festival di Sanremo, considerato il più grande evento musicale dell’anno in Italia, che avevano chiesto un cessate il fuoco (uno dei quali era stato più esplicito, definendo le azioni di Israele a Gaza un genocidio) erano stati criticati da funzionari del governo.

Un tempo l’estrema destra in Italia, in particolare i fascisti, erano strettamente associati all’antisemitismo. Sotto Mussolini l’antisemitismo divenne parte dell’ideologia ufficiale dello Stato e dopo la Seconda Guerra Mondiale fu l’estrema destra in Italia e in altri paesi a continuare a svolgere un ruolo nel perpetuare l’antisemitismo in Europa.

Negli ultimi anni, e in particolare dopo il 7 ottobre, stiamo assistendo a una storia molto diversa. Marine Le Pen, leader dell’estrema destra francese del partito National Rally, ha monopolizzato una recente “Marcia contro l’Antisemitismo”. – I media si sono concentrati più sulla presenza del suo partito che sul problema reale dell’aumento dell’antisemitismo in Francia dal dopoguerra. La Le Pen, che si è candidata più volte alla presidenza e ha intenzione di farlo di nuovo, ha sfruttato la guerra a Gaza per aiutare la sua missione di rilanciare il partito estremista e antisemita fondato da suo padre.

Leggi anche:  Europee, Giorgia Meloni: "L'Europa ha limitato la libertà degli Stati nazionali, è ora di tornare indietro"

Anche un’altra figura di spicco dell’estrema destra francese, Éric Zemmour, presidente del partito Reconquête, che in inglese si traduce in “Riconquista”, ha sfruttato la guerra come un modo per costruire credibilità. Ha suggerito che anche il popolo israeliano sta combattendo per la civiltà francese. Ha persino dichiarato che la battaglia contro Hamas è “cruciale per il futuro della Francia”.

Il primo ministro italiano Meloni ha opinioni simili. Ha incontrato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e si presenta come una protettrice della comunità ebraica italiana, anche se molti di loro non sono fan del primo ministro israeliano.

Anche un altro influente politico italiano di estrema destra, Matteo Salvini, vice primo ministro e leader del partito della Lega, si è espresso apertamente a favore di Israele. L’anno scorso ha organizzato una manifestazione a favore di Israele e ha promesso che, se fosse stato eletto presidente, avrebbe spostato l’ambasciata italiana a Gerusalemme.

Gran parte di questo atteggiamento pro-Israele ha a che fare con l’immagine che i partiti cercano di dare agli elettori. Sia Zemmour che Le Pen cercano una legittimazione politica a livello nazionale. Questo tipo di retorica pro-ebraica o pro-Israele può potenzialmente attirare gli elettori conservatori e anche alcuni ebrei.

Alle elezioni presidenziali francesi del 2022, Zemmour ha ottenuto oltre il 50% dei voti dei cittadini francesi che votano da Israele. Anche Le Pen, il candidato più serio alle presidenziali, sta cercando di conquistare credibilità tra gli elettori moderati. In Italia, dove la Meloni è già al potere, il sostegno a Israele e all’Ucraina l’ha aiutata a migliorare la sua reputazione internazionale, sminuendo il passato neofascista del suo partito.

Schierarsi con Israele e gli ebrei europei è anche perfettamente in linea con l’approccio islamofobico dell’estrema destra europea. I musulmani sono visti come una minaccia alla “purezza” delle comunità cristiane (bianche) europee, mentre Israele – soprattutto con un governo di estrema destra al potere – è visto come un alleato più naturale.

I partiti di estrema destra italiani e francesi, come altri in Europa, ammirano Israele come modello di etno-stato duro, un’isola di civiltà occidentale nel Medio Oriente musulmano.

Leggi anche:  Meloni si inebria davanti ai fascio-franchisti di Vox e tira fuori il meglio del peggio del nero reazionario

Ma quanto è autentica questa svolta politica pro-Israele e pro-Ebrei, visti i precedenti di antisemitismo dell’estrema destra? I leader dell’estrema destra francese e italiana hanno davvero modernizzato la loro ideologia?

Jean Marie Le Pen, che ha fondato quello che oggi è il partito National Rally, ha tristemente descritto l’Olocausto come un “dettaglio minore” nella storia e non ha mai condannato il regime filonazista di Vichy nella Francia tra le due guerre. Eppure, ci sono ancora dei politici del National Rally che si rifiutano di denunciare il suo antisemitismo.

Zemmour ha persino affermato falsamente che il governatore di Vichy, Philippe Pétain, salvò gli ebrei francesi, spingendo il rabbino capo di Francia a etichettarlo come antisemita. Zemmour dovrà ora affrontare un processo per il reato di “contestazione di crimini contro l’umanità”.

Mentre i politici francesi di estrema destra hanno un passato antisemita da espiare, l’Italia ha una storia più complessa. Alcuni partiti politici minori dicono di sostenere l’Iran, Hezbollah, la Siria o la Palestina, mentre i partiti più grandi sono sempre stati più favorevoli a Israele. Dall’inizio della guerra di Gaza, gli episodi di antisemitismo sono aumentati in Italia.

La Meloni condivide l’approccio pragmatico sviluppato in precedenza dal Movimento Sociale Italiano (MSI), il principale partito neofascista europeo fondato nel 1946, precursore del suo partito.

Il leader dell’MSI, Giorgio Almirante, scriveva sulla rivista antisemita La Difesa della Razza, la rivista razzista del movimento fascista italiano tra le due guerre. Almirante rimane un modello per il partito della Meloni. Viene ancora ritratto come un patriota e un politico che ricorderanno per sempre.

Sin dalla guerra arabo-israeliana del 1967, questo antenato neofascista del partito della Meloni ha sostenuto Israele, soprattutto per interessi anticomunisti dell’epoca della Guerra Fredda, quando il comunismo era popolare nel mondo arabo. Ma l’antisemitismo all’interno di alcune sue fazioni non è mai scomparso. Durante la festività ebraica di Shavuot nel 1958 e di nuovo nel 1962, ad esempio, scoppiarono scontri tra i militanti del partito che giravano per il quartiere ebraico di Roma cantando canzoni pro-Mussolini e gli ebrei. La Voce della Comunità Israelitica di Roma, il giornale ebraico di Roma, lamentò l’incidente del 1958 come un “triste e doloroso episodio di intolleranza”.

Leggi anche:  AfD giustifica le Ss naziste e Marine Le Pen ha annunciato la rottura con i tedeschi

I pregiudizi sono continuati nel tempo e i neofascisti hanno continuato a diffondere stereotipi antiebraici.

L’approccio contraddittorio del fascismo italiano nei confronti di arabi ed ebrei viene replicato oggi con CasaPound, il partito neofascista più attivo in Italia, che è filopalestinese e ha legami con Hezbollah, la forza militante islamica che combatte in Libano. La scorsa primavera ha guidato l’associazione Fronte Europeo di Solidarietà per la Siria in un incontro con un funzionario siriano a Damasco.

D’altra parte, la Meloni, che cerca di apparire più moderata, sostiene Israele, ma ha anche definito Soros un usuraio nel 2020 per aver finanziato l’immigrazione in Europa durante un evento in cui l’ala giovanile del suo partito stava onorando un ufficiale del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche, un’ala dell’esercito iraniano.

Come si possono conciliare le contraddizioni della Meloni e del suo partito?

Chiaramente non si può fare a meno di sottolineare l’enorme ipocrisia dell’ambiente dell’estrema destra europea.

Gli attivisti che sostengono i paesi arabi contro Israele continuano una tradizione neofascista radicale, ma, soprattutto, sono anche le stesse persone che rifiutano l’immigrazione musulmana e le minoranze etniche arabe in Europa. I principali politici di destra sostengono invece le figure di destra in Israele e ammirano il suo governo di estrema destra che comprende suprematisti ebrei come Itamar Ben-Gvir. Detto questo, non necessariamente tagliano i ponti con i gruppi antisemiti radicali.

Forse la cosa più preoccupante è che sembrano abbracciare gli ebrei solo se si conformano a una visione di estrema destra. Gli ebrei “alla Soros”, in codice per gli ebrei liberali, vengono ancora incolpati dei problemi economici del mondo.

Le comunità ebraiche liberali, progressiste o centriste starebbero meglio con un tipo di alleati completamente diverso, sia a livello nazionale che internazionale. Perché questi politici italiani e francesi di estrema destra non offrono nulla di buono agli ebrei – o a chiunque altro”.

Così Mammone. Una ricostruzione storico-politica ineccepibile. Per questo, introvabile sulla stampa mainstream di casa nostra.

Native

Articoli correlati