Israele, paria del mondo: il responsabile ha un nome e un volto, ossia Benjamin Netanyahu
Top

Israele, paria del mondo: il responsabile ha un nome e un volto, ossia Benjamin Netanyahu

Agli occhi del mondo Israele sta diventando un paria. E il principale responsabile è chi lo guida: Benjamin Netanyahu

Israele, paria del mondo: il responsabile ha un nome e un volto, ossia Benjamin Netanyahu
Benjamin Netanyahu
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

9 Marzo 2024 - 15.38


ATF

Agli occhi del mondo Israele sta diventando un paria. E il principale responsabile è chi lo guida: Benjamin Netanyahu

Un j’accuse possente

A vergarlo, su Haaretz, è Carolina Landsmann.

“Benjamin Netanyahu non si dimetterà perché crede di poter portare Israele in un porto sicuro. È convinto che, nonostante le terribili carte che ha in mano al momento, possa ancora vincere la partita conducendo mosse militari, politiche e diplomatiche che salveranno la sua eredità.

“Re Bibi” crede ancora che Dio verrà in suo aiuto e gli darà la “vittoria totale” e successivamente la pace con l’Arabia Saudita, che gli impedirà di essere ricordato nella storia come l’uomo che ha portato Israele al suo più grande disastro, il più grande disastro che si sia abbattuto sul popolo ebraico dopo l’Olocausto, e gli permetterà di scendere dal palco con un po’ di onore.

Netanyahu ha le allucinazioni. Non ha alcuna possibilità. Nella sua tragica battaglia contro il suo destino, contro tutte le probabilità e alzando la posta in gioco, sta trascinando Israele verso il basso. Con più di 30.000 gazawi morti, di cui circa 12.500 bambini, con la fame estrema, un disastro umanitario, immagini di rovina e distruzione, con tutto il mondo che grida “genocidio” e ci vede come criminali di guerra, non ci sarà una vittoria totale. Israele sta diventando un paria.

Di conseguenza, sta mettendo in pericolo le sue alleanze in tutto il mondo, in primo luogo con gli Stati Uniti. E tragicamente – la consapevolezza arriva troppo tardi. Quando Israele capirà di essere un paria, non potrà cambiare la situazione. Quando le sue alleanze cadranno come tessere del domino una dopo l’altra, sarà troppo tardi per cambiare.

Il fatto è che Israele non riesce a immaginare che l’alleanza con gli Stati Uniti possa rompersi. Anche questa è una concezione che Netanyahu ha alimentato nello stesso momento in cui si è concesso un margine di manovra e ha costantemente minato le relazioni con Washington.

La misura del distacco di Israele dalla realtà è data dal forte aumento del numero di permessi di costruzione negli insediamenti. Proprio mentre il mondo parla del sionismo come progetto coloniale, Israele ha deciso di intraprendere un nuovo ciclo di appropriazione di terre nei territori occupati.

Questa settimana, l’Alto Comitato di Pianificazione ha autorizzato migliaia di unità abitative costruite da privati a Efrat, Ma’aleh Adumin e Keidar. La scorsa settimana, inoltre, l’Amministrazione Civile ha dichiarato che migliaia di dunams di terreno intorno a Ma’aleh Adumin sono terre statali e il capo del Comando Centrale dell’Idf ha firmato un ordine che delimita la giurisdizione per un nuovo insediamento che sarà conosciuto come Mishmar Yehuda.

Al ritmo attuale, presto inizieranno i lavori per le infrastrutture del Terzo Tempio. (Tra l’altro, questo non è del tutto inverosimile. Da tempo si parla di piani architettonici dettagliati per un futuro Tempio; sono stati fatti dei tentativi per riprendere i sacrifici sul Monte del Tempio e l’attivista del Monte del Tempio/Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir cerca di cambiare lo status quo di Al-Aqsa e, insieme al suo complice Netanyahu, ha provocato il “Diluvio di Al Aqsa” (il nome dato da Hamas al 7 ottobre).

Leggi anche:  Netanyahu insiste nel mostrare i muscoli: "Vincere a Gaza e difenderci ovunque"

La condotta di Israele è così distaccata dalla realtà che dobbiamo chiederci se non stia operando per un inconscio desiderio di autodistruzione. Forse era questo che intendevano in tutti questi anni coloro che dicono che gli ebrei non sono in grado di essere sovrani. Forse questa tendenza anti-sovrana degli ebrei si sta manifestando nel moderno stato di Israele?

Nel 2017, il primo ministro e sua moglie hanno ospitato un corso biblico a casa loro. Durante l’evento, Netanyahu ha ricordato come il regno asmoneo sia sopravvissuto per soli 80 anni e che stava lavorando per portare Israele al suo centesimo anno. Chi avrebbe mai pensato che sei anni dopo Israele avrebbe subito un attacco senza precedenti e che il mondo avrebbe discusso del diritto all’esistenza dello Stato ebraico.

Netanyahu è certo di essere il “prescelto”, ma se è così, Dio ci protegga dalla missione per cui è stato scelto: smantellare lo Stato di Israele. È lui la figura tragica che, nel tentativo di salvare gli ebrei dal destino di perdere ancora una volta la loro sovranità, ha ottenuto esattamente il contrario e ha anticipato l’inevitabile incontro con il destino?”.

Sbandamento totale

Ne dà conto, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, Raviv Drucker: “Durante l’ultimo mese o due di offensiva di terra, la parola “trascinamento” è tornata a far capolino. I militari sono inorriditi: Smettete di dire “trascinare”. Questo trauma linguistico durato 18 anni è ancora tra noi.

A un certo punto, durante la guerra in Libano del 2006, durata 34 giorni, questa parola ha preso piede negli studi televisivi e sui giornali. Quanto eravamo impazienti allora: due settimane e mezzo e le cose sembravano trascinarsi. Questa volta, nonostante la nostra infinita pazienza, ci stiamo davvero trascinando, sicuramente nell’ultimo mese. Persino i militari lo ammettono a malincuore.

Il motivo è la road map originale presentata dall’esercito e approvata dal governo: un’offensiva di un anno in tre fasi. Alla terza fase, quella attuale, è stata assegnata una forza più piccola che non può fare più di quanto stia facendo attualmente. I combattimenti a Khan Yunis vanno avanti da tre mesi.

Senza sottovalutare i risultati ottenuti, l’assedio di Beirut è durato due mesi. Nelle ultime settimane, la frustrazione sul campo e tra i leader militari è stata enorme. C’è un senso di blocco. Non ci sono abbastanza uomini sul campo per lanciare operazioni nei campi profughi del centro di Gaza e certamente non a Rafah, nel sud, ma non c’è nemmeno un accordo sugli ostaggi che imponga un cessate il fuoco.

Leggi anche:  Israele-Iran, tragedia o opportunità: un dilemma che può cambiare il volto del Medio Oriente

I membri del gabinetto di guerra Benny Gantz e Gadi Eisenkot sanno di aver commesso un errore nell’approvare il piano dell’esercito senza fine. Un piano del genere non è stato pensato per un paese occidentale moderno che vuole riportare la sua popolazione su una base normale. Il ritmo di questo piano è più adatto a Hamas e anche a un primo ministro i cui interessi impongono una guerra senza fine.

È in corso una battaglia politica per quanto riguarda l’accordo sugli ostaggi. Le informazioni trapelate parlano di un irrigidimento della posizione di Hamas. Yahya Sinwar, che aveva appena detto di volere un accordo entro il Ramadan, improvvisamente vuole una guerra durante il Ramadan. Le fughe di notizie sarebbero basate su informazioni di intelligence, a loro volta basate su fonti “fantastiche” che hanno sempre saputo interpretare così bene le intenzioni di Sinwar. Qualcuno sta preparando l’opinione pubblica israeliana a rifiutare l’accordo.

La verità è un po’ diversa. Hamas ha abbandonato la sua richiesta più dura (che ha bloccato i negoziati per tre mesi), ovvero che l’accordo iniziasse con l’impegno di Israele a smettere di combattere e a ritirarsi dalla Striscia di Gaza. È vero che, a sua volta, Hamas sta cercando di ottenere un premio su ciascuna delle componenti elaborate dai negoziatori a Parigi.

In altre parole, il gruppo non vuole 10 prigionieri per ogni ostaggio, ma forse 20 o più. Vuole che vengano rilasciati molti più di 15 prigionieri “con le mani sporche di sangue”. Vuole anche un ritiro più ampio di quello dai centri di Gaza. E vuole che anche gli uomini possano tornare nel nord di Gaza.

Queste richieste sono difficili per Israele. Ma la domanda è: se questo accordo è sul tavolo – 40 ostaggi israeliani, tra cui cinque soldati (che siano ancora tutti vivi) per 800 prigionieri della sicurezza, tra cui 30 “con le mani sporche di sangue” e un ampio ritorno dei gazawi nel nord – Israele non lo accetterà? Il prezzo che abbiamo pagato nello scambio del 2011 per il soldato rapito Gilad Shalit è stato molto più alto. Dobbiamo accettare questo accordo.

Benjamin Netanyahu si rende conto della situazione in cui si troverà se questa sarà la linea di fondo dei colloqui al Cairo. Sa che i ministri del gabinetto di guerra sono d’accordo, anche il militante Yoav Gallant e il lealista Ron Dermer. Questi due, Gantz, Eisenkot e il leader ultraortodosso Arye Dery credono che un accordo sia necessario.

Anche l’esercito lo vuole, ha bisogno di una pausa. Ma un accordo di questo tipo fallirà nel compito più importante per Netanyahu: tenere insieme la sua coalizione di governo, il che significa tenere a bordo i leader dell’estrema destra Itamar Ben-Gvir e Bezalel Smotrich. Forse è per questo che Netanyahu sta improvvisamente inventando nuove condizioni, come ricevere i nomi degli ostaggi ancora vivi prima di qualsiasi accordo.

Leggi anche:  Così Netanyahu e i suoi alleati hanno "sequestrato" Israele

In realtà quest’ultima condizione esiste solo nei media; nessuno l’ha richiesta formalmente. È questo il modo di Netanyahu di preservare la sua coalizione fino al momento della verità, quando dovrà finalmente accettare l’accordo?”.

Una lettera importante. Destinatario: Joe Biden

“Le scriviamo in qualità di ebrei americani – organizzazioni membri del Progressive Israel Network – che rappresentano la grande maggioranza degli ebrei americani liberali.

La ringraziamo per la sua sincera, profonda e costante solidarietà con gli israeliani e la diaspora ebraica negli Stati Uniti e nel mondo.

Lei è stato al fianco delle vittime delle atrocità di Hamas del 7 ottobre, ha condiviso il dolore e la sofferenza di coloro i cui cari sono stati presi in ostaggio e ai chiarito – a parole e nei fatti – che gli Stati Uniti difenderanno Israele dalle minacce esistenziali.

Per la sua compassione, i suoi principi e il suo sostegno duraturo, si è guadagnato la profonda e duratura fiducia del popolo israeliano e del popolo ebraico di tutto il mondo.

Tutti noi che siamo coinvolti nelle sorti della guerra in corso nella regione ci troviamo a un punto critico. Sta per iniziare mese sacro musulmano del Ramadan e ci troviamo sull’orlo di una potenziale campagna militare israeliana a Rafah, dove trovano rifugio oltre 1,2 milioni di civili palestinesi, la situazione sul campo ha il potenziale per deteriorarsi ulteriormente. Come ebrei americani, siamo profondamente preoccupati per i rischi che questo momento comporta per gli israeliani, i palestinesi e l’intera regione.

Crediamo fermamente che non esista una soluzione militare a questo conflitto; l’unico futuro per israeliani e palestinesi è un futuro condiviso e che in questo momento dobbiamo elevare, e non chiudere, la nostra comune umanità.

A tal fine, noi, membri della Rete Israele Progressista, ci uniamo a sostegno dei suoi sforzi per cercare una via d’uscita praticabile da questo incubo: un cessate il fuoco bilaterale che ponga fine ai combattimenti, la liberazione di tutti i prigionieri di guerra, cessazione dei combattimenti, il rilascio di tutti gli ostaggi e un aumento dell’assistenza umanitaria. Ci rivolgiamo anche a Lei 

per avere un’ulteriore guida nella definizione di un piano per la pace, la sicurezza, la libertà e l’autodeterminazione di tutti.

Da questo capitolo buio della storia di israeliani e palestinesi possiamo scriverne uno nuovo e migliore.

Un capitolo che mantenga la promessa di sicurezza, libertà e pace per gli israeliani e i palestinesi. ora e per le generazioni a venire.

Con gratitudine per la sua leadership,

ALEPH

Ameinu

Americans for Peace Now

Habonim Dror North America

J Street

New Israel Fund

New York Jewish Agenda

Partners for Progressive Israel

Reconstructing Judaism

T’ruah: The Rabbinic Call for Human Rights

Native

Articoli correlati