Israele: perché per l'inquisito Netanyahu quella di Gaza è una guerra meravigliosa
Top

Israele: perché per l'inquisito Netanyahu quella di Gaza è una guerra meravigliosa

Anshel Pfeffer è un grande del giornalismo israeliano. Lo è da inviato di guerra, da analista, e per la sua onestà intellettuale. Su tutto, la firma storica di Haaretz è un giornalista con la schiena dritta.

Israele: perché per l'inquisito Netanyahu quella di Gaza è una guerra meravigliosa
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

7 Marzo 2024 - 14.42


ATF

Anshel Pfeffer è un grande del giornalismo israeliano. Lo è da inviato di guerra, da analista, e per la sua onestà intellettuale. Su tutto, la firma storica di Haaretz è un giornalista con la schiena dritta. Che non fa sconti al potente di turno, che non liscia il pelo dell’opinione pubblica e sa andare controcorrente

Verità scomode

A riprova, il suo focus sull’uso politico-militare che il governo israeliano fa della gestione degli aiuti umanitari alla popolazione di Gaza.

Scrive Pfeffer: “Lo sgancio aereo di sabato scorso di pasti pronti nella Striscia di Gaza da parte di un aereo cargo dell’Aeronautica Militare degli Stati Uniti non risolverà certo la crisi della fame. Dopotutto, 38.000 “MRE” non bastano a tamponare l’imminente carestia. L’iniziativa è vista da molti in tutto il mondo come un tentativo da parte dell’amministrazione Biden di far vergognare l’alleato israeliano affinché faccia di più per rifornire i 2 milioni di persone nella devastata Striscia di Gaza.

Se questa era l’intenzione, gli americani dovranno lavorare di più per trasmettere il messaggio. Persino il ministro del Gabinetto di Guerra Benny Gantz, arrivato a Washington il giorno successivo per incontrare i più alti funzionari dell’amministrazione, è rimasto sorpreso dalla ferocia delle loro critiche sulla questione.

La sorpresa di Gantz è il riflesso di quanto questo tema sia stato poco presente nell’agenda del governo israeliano. Durante i cinque mesi di guerra non c’è mai stata una politica israeliana chiara sulle forniture a Gaza. Si è sempre trattato di una posizione mutevole, che cambiava a seconda del sentimento pubblico, della retorica politica, delle circostanze sul campo e delle pressioni estere.

All’indomani dell’attacco di Hamas del 7 ottobre, la reazione istintiva è stata che Gaza dovesse essere isolata fino al rilascio degli ostaggi. L’idea stessa che Israele dovesse assumersi una qualsivoglia responsabilità per il luogo da cui erano usciti coloro che avevano ucciso, stuprato e saccheggiato era vista come un abominio morale.

L’annuncio dell’allora ministro dell’Energia, e ora ministro degli Esteri, Israel Katz, l’8 ottobre, di aver dato ordine di tagliare le forniture di acqua e di energia, racchiuse l’umore dell’opinione pubblica. Inoltre, ha stabilito la falsa idea di molti israeliani che il paese potesse effettivamente tagliare i rifornimenti a Gaza e che, nonostante la presenza di ostaggi israeliani a Gaza, rifiutare di far passare i rifornimenti fosse la cosa più morale e pragmatica da fare.

Durante la guerra, nessun ministro israeliano ha fatto uno sforzo serio per spiegare all’opinione pubblica che facilitare i rifornimenti a Gaza è una necessità morale, legale e pratica.

Inoltre, si è creata una situazione in cui i ministri del governo, anche quando sapevano di dover consentire il passaggio dei rifornimenti, hanno cercato di nascondere il fatto che ciò stesse accadendo. Ad esempio, dopo aver annunciato la sospensione dell’acqua, Katz non ha detto nulla due giorni dopo, quando le forniture sono state ripristinate.

In nessun momento della guerra nessun ministro ha fatto uno sforzo serio per spiegare all’opinione pubblica israeliana che facilitare i rifornimenti a Gaza è una necessità morale, legale e pratica. Nemmeno lo stesso Gantz, che non molto tempo fa – nella prima campagna elettorale che ha condotto nel 2019 – ha parlato di come sua madre, sopravvissuta all’Olocausto, lo avesse esortato durante i precedenti scontri a Gaza a continuare a combattere assicurandosi che i palestinesi avessero cibo a sufficienza.

Nella mente dei politici, permettere l’ingresso di rifornimenti a Gaza è diventato così vergognoso che ogni cambiamento di politica è avvenuto in segreto, a volte senza alcuna discussione nel gabinetto, ed è diventato noto al pubblico israeliano solo attraverso le fughe di notizie nei media. In primo luogo, c’è stata la decisione di far passare i camion di rifornimento dall’Egitto attraverso il valico di Rafah con solo i generi alimentari di base, poi l’aggiunta di autocisterne di carburante. Poi è arrivata la decisione di permettere ai convogli di rifornimento di passare attraverso il valico israeliano di Kerem Shalom, ma solo se provenivano dall’Egitto. A ciò ha fatto seguito la graduale autorizzazione a far arrivare più rifornimenti direttamente da Israele o attraverso il porto di Ashdod.

Leggi anche:  Sde Teiman, la Guantanamo della 'democratica' Israele

Poi, la scorsa settimana, è arrivata la decisione che le stesse Forze di Difesa Israeliane avrebbero facilitato e accompagnato i convogli di rifornimento che si recavano nella città di Gaza, che è diventata di dominio pubblico solo dopo che uno di questi convogli è stato travolto lo scorso giovedì mattina e decine di gazawi sono stati uccisi. Che siano stati o meno i soldati dell’Idf a provocare l’assalto non ha importanza. Per il mondo, compresi gli alleati di Israele, era responsabilità di Israele garantire che gli aiuti umanitari raggiungessero in sicurezza i civili nelle aree in cui l’Idf ha affermato, per oltre due mesi, di avere il “controllo operativo”.

La mancanza di determinazione nel garantire le forniture umanitarie ha reso molto più facile per coloro che sono determinati a impedirle. Membri del gabinetto come il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich, ad esempio, che è riuscito a bloccare un carico di farina dagli Stati Uniti, destinato a Gaza, che su suo ordine era stato bloccato ad Ashdod. È anche il motivo per cui le folle che cercano di bloccare il valico di Kerem Shalom riescono a farlo spesso per ore e ore.

La politica del governo in materia di forniture umanitarie a Gaza è una combinazione di vendetta, ignoranza e incompetenza. “Se qualcuno di loro, che all’epoca faceva queste dichiarazioni roboanti, ci avesse pensato per qualche secondo, sarebbe stato chiaro che avrebbe dovuto abbassare la cresta”, ha detto un ufficiale dell’Idf coinvolto nella questione. “Invece, si sono legati a ridicole posizioni populiste e hanno impiegato settimane per andare avanti. Era ovvio che avremmo usato Kerem Shalom per rifornire Gaza; quindi, perché sprecare più di due mesi facendo finta che non sarebbe successo?”.

Per alcuni alti ufficiali dell’Idf era chiaro che, in quanto potenza occupante, avrebbero dovuto assumersi la responsabilità. “Ovviamente è un nostro obbligo”, ha detto un generale durante una discussione a porte chiuse. “È ovvio che se ora abbiamo il controllo operativo di un’area, dobbiamo assicurarci che chi ci vive abbia tutto ciò di cui ha bisogno per la sua esistenza di base. Non si tratta solo di un obbligo legale, ma anche di un obbligo morale. Inoltre, se riceviamo l’ordine di rifornire la popolazione palestinese, abbiamo i piani e le capacità per farlo”.

Fino ad ora, a cinque mesi dall’inizio della guerra, quell’ordine non è arrivato.

L’Idf non ha solo i piani. Ha il personale – sia tra i soldati regolari e gli ufficiali professionisti dell’unità di coordinamento e amministrazione di collegamento il cui compito quotidiano è quello di occuparsi di queste questioni, sia tra gli ufficiali addetti agli affari della popolazione, veterani riservisti, che hanno seguito un corso di formazione per diventare esperti del loro battaglione nel gestire le esigenze di una popolazione civile nemica in una zona di guerra.

Leggi anche:  Il ministro israeliano preferisce Trump a Biden: "Ci lascerebbe attaccare Rafah"

“Non ho avuto molto da fare”, ha detto uno degli ufficiali di un battaglione corazzato. “Mi sono limitato a fare qualche lavoretto nel gruppo di comando”. Un altro ufficiale addetto agli affari della popolazione ha detto che lui e altri con la sua formazione specialistica non sono stati nemmeno richiamati insieme agli altri riservisti.

Non è una carestia

Non sorprende che ci siano opinioni diverse al riguardo all’interno dell’Idf e dell’establishment della sicurezza. In diversi momenti della guerra, quando i media non israeliani hanno parlato di “carestia” a Gaza e hanno dato ampio credito a ciò che veniva detto dalle organizzazioni umanitarie, alcuni esperti dell’Amministrazione di Coordinamento e Collegamento hanno insistito sul fatto che non c’era una reale carenza di cibo e di beni di prima necessità a Gaza.

“Conosciamo le quantità di beni e alimenti che sono entrati a Gaza prima della guerra”, ha dichiarato il comandante dell’unità, il Col. Moshe Tetro, a novembre. “Conosciamo le scorte e la quantità di cibo che sta arrivando ora. Non è una carestia e non permetteremo che ci sia una carestia”.

“Chiamarle solo forniture umanitarie a Gaza non fa capire che si tratta anche di un’ancora di salvezza per Hamas e, quindi, di una delle leve che Israele ha per fare pressione su Hamas, che tiene in ostaggio il nostro popolo”, ha detto un alto funzionario della difesa. “Questo non significa che non dovremmo inviare quelle forniture, ma significa che ci sono anche altre considerazioni da fare”.

“In definitiva”, ha proseguito il funzionario, “la politica dovrebbe essere decisa a livello politico – e abbiamo visto quanto siano stati pessimi nel fare politica in questa guerra. Si tratta di decisioni che nessun politico vuole prendere, e di certo non vuole essere visto dall’opinione pubblica come tale. Quindi non si decide nulla, non c’è una politica e ci si limita a reagire alle pressioni sul campo. Il problema è che il mantenimento delle forniture è un elemento chiave per la nostra legittimità internazionale a continuare a combattere questa guerra, e i politici hanno paura di spiegarlo all’opinione pubblica israeliana, per non parlare dell’argomento morale”, conclude Pfeffer

Una guerra benedetta. Per “Bibi”

Le ragioni le elenca sul quotidiano progressista di Tel Aviv Uri Misgav: “Questa settimana l’imputato Benjamin Netanyahu ha chiesto alla corte di ritardare le testimonianze di tre testimoni chiave dell’accusa e di ridurre significativamente la frequenza delle audizioni di altri sei. Il motivo: “Il continuo stato di guerra”, che impedisce alla difesa di prepararsi adeguatamente.

Questo si aggiunge a una richiesta precedente, in cui il suo avvocato Amit Hadad ha spiegato che il Primo Ministro non ha il tempo da dedicare ai suoi avvocati. Quando sono state presentate petizioni all’Alta Corte di Giustizia sulla sua capacità di operare come primo ministro durante un processo penale di vasta portata a suo carico, Netanyahu ha insistito che non aveva problemi a gestire entrambe le cose. Ora sostiene di avere una guerra da condurre e che è impossibile gestire un processo allo stesso tempo.

Sono passati cinque mesi dal massacro del 7 ottobre e dalla guerra condotta da allora nel sud e nel nord del paese. Netanyahu sostiene di essere troppo impegnato per parlare con i suoi avvocati? Ti ricordo per cosa ha tempo. Cominciamo con l’illustre barbiere Adi Nizri. Nizri si presenta ogni domenica alla residenza di Netanyahu a Cesarea. Nella maggior parte delle occasioni, arriva anche un truccatore di Or Akiva. Per loro, così come per i barbieri e i truccatori che si occupano regolarmente dei suoi capelli e del suo viso a Gerusalemme, il primo ministro ha molto tempo a disposizione.

Leggi anche:  Israele-Iran, tragedia o opportunità: un dilemma che può cambiare il volto del Medio Oriente

Ha anche molto tempo per i giornalisti di lingua inglese. Da quando è avvenuto il massacro, ha rilasciato interviste non meno di nove volte a reti mediatiche straniere, quattro delle quali alla sua preferita, Fox News, e cinque ad altri intervistatori che sono stati clementi con lui. Uno di questi è stato l’autore britannico Douglas Murray, i cui libri sono pubblicati in ebraico da Sella Meir – per coincidenza, la stessa casa editrice che ha pubblicato l’autobiografia di Netanyahu, “Bibi: La mia storia”. Ha avuto tempo anche per la carta stampata, soprattutto per il Wall Street Journal, che da ottobre gli sta leccando i piedi – sia con un’intervista lusinghiera che con una rubrica d’opinione firmata da Netanyahu.

Il prossimo: Netanyahu ha fatto 30 tour di pubbliche relazioni con l’esercito. Li ho contati. L’ultimo è stato sul Monte Hermon. Ho cercato di capire come si svolge un tour di questo tipo. Equipaggi di carri armati della 188ª Divisione e alcuni combattenti dell’Unità Alpina (una parte considerevole non ha accettato di incontrarlo) hanno fatto da sfondo. Netanyahu è arrivato in un elicottero militare, accompagnato, tra gli altri, dal capo del Consiglio di Sicurezza Nazionale, Tzachi Hanegbi, dal suo capo di gabinetto Tzachi Braverman, dal suo portavoce Topaz Luk e dal direttore generale dell’Ufficio del Primo Ministro Yossi Shelley (perché?). È stato accompagnato in auto dai servizi segreti sul posto, ha scambiato qualche parola con i comandanti, si è fatto fotografare con i soldati nella neve e ha annunciato: “Hezbollah deve capire che pagherà un prezzo”.

Il contributo di un simile tour alla sicurezza dello Stato e alla popolazione è pari a zero. Non sarebbe stato possibile includere nel viaggio anche il suo avvocato Hadad?

Il processo a Netanyahu dura da quattro anni. È un monumento al crollo dell’uguaglianza davanti alla legge. Il primo ministro Yitzhak Rabin si è dimesso per un conto in dollari. Il Primo Ministro Ehud Olmert fu rapidamente processato, condannato e mandato in prigione. Anche il Presidente Moshe Katsav e il Ministro delle Finanze Avraham Hirschson furono processati e puniti. Ma a Gerusalemme c’erano giudici, procuratori generali e pubblici ministeri che non potevano essere intimiditi.

Guardate l’incredibile storia di Shlomo Filber, che ha trasformato le prove dello Stato ed è il principale testimone nel processo di Netanyahu. La società di sondaggi d’opinione di cui è proprietario lavora durante il processo per il Likud e per Channel 14, generando un reddito costante e cospicuo. In qualche modo, mentre si recava al banco dei testimoni, Filber ha cambiato schieramento. Non c’è nessuno che possa chiamarlo a rispondere. I giudici hanno respinto la richiesta dell’accusa di dichiararlo testimone ostile. Il Procuratore di Stato Amit Aisman è paralizzato.

Se i giudici accetteranno la richiesta di Netanyahu anche questa volta, aumenteranno la motivazione che lo spinge a impedire il cessate il fuoco con le proprie mani. Per lui, finché c’è una guerra, la politica, le proteste, le elezioni o una commissione d’inchiesta non sono permesse. Ora non sarà permesso nemmeno un processo. Che guerra meravigliosa!”.

Native

Articoli correlati