Quel "marchio di Caino" su Israele
Top

Quel "marchio di Caino" su Israele

A coniare questa possente metafora è B.Michael. Che su Haaretz rimarca: “La "vittoria totale", così sembra, è qualcosa di simile all'equivalente israeliano del Santo Graal di Re Artù

Quel "marchio di Caino" su Israele
Militari israeliani
Preroll

globalist Modifica articolo

28 Febbraio 2024 - 14.24


ATF

Il “marchio di Caino” su Israele.

A coniare questa possente metafora è B.Michael. Che su Haaretz rimarca: “La “vittoria totale”, così sembra, è qualcosa di simile all’equivalente israeliano del Santo Graal di Re Artù. Il premio, sacro e magico, con il presunto potere di garantire al suo possessore forza, ricchezza, onore e status – e, nel caso israeliano, un sacco di legislatori della coalizione che potranno mantenere il loro seggio alla Knesset – è svanito.

Tutti sono alla ricerca del graal della vittoria: l’esercito e il governo, i partiti e le fazioni, la destra e l’estrema destra, gli accusati e i sospettati. Lo stanno cercando e non lo hanno trovato. Poco più di cinque mesi fa sembrava alla loro portata, ma la loro stupidità l’ha allontanata.

Era l’8 ottobre, il giorno dopo l’attacco alle comunità di confine di Gaza (o forse era la sera del 7 ottobre) quando Israele è entrato in guerra, non solo contro i terroristi di Hamas, ma in una guerra totale. Quel giorno il portavoce delle Forze di Difesa Israeliane, un robot parlante, riferì di “migliaia di vittime a Gaza… 426 obiettivi attaccati, tunnel, infrastrutture militari, decine di edifici del terrore [alti non meno di] 10 piani…” e altro ancora. Lo stesso giorno l’aviazione ha iniziato la sua campagna di morte e distruzione che non ha conosciuto soste fino ad oggi.

Così, nel giro di 36 ore, senza un briciolo di preparazione e pianificazione, senza un’idea di quale fosse il suo scopo o una strategia di uscita, Israele si è imbarcato in una guerra selvaggia – una guerra dettata dalla bile, dalle manie di grandezza, da un ego ferito e dalla sua nudità esposta. Un paese sano di mente non entrerebbe in guerra in questo modo. È così che si conduce un linciaggio.

Il giorno successivo, il 9 ottobre, il Ministro della Difesa Yoav Gallant annunciò un “blocco totale” di Gaza: niente acqua, niente cibo, niente elettricità, niente medicine. Questo è stato il momento in cui ci siamo privati per sempre della “vittoria totale”.

Se Israele avesse mostrato un briciolo di buon senso, avrebbe contenuto le sue passioni. Avrebbe guardato alla moderazione mostrata da Golda Meir dopo il massacro di Monaco, dal presidente degli Stati Uniti George Bush dopo l’11 settembre e persino dagli iraniani, che rispondono con un laconico “risponderemo nel momento e nel luogo appropriati” dopo ogni “assassinio” israeliano o altra operazione contro di loro.

Se avessimo agito correttamente, Israele si sarebbe trovato nella sua posizione preferita: la vittima, il perseguitato, il sofferente, lo sfortunato. E questa volta, tanto per cambiare, ci sarebbe stata anche una buona dose di giustizia. Il mondo intero avrebbe sentito il nostro dolore e ci avrebbe inondato di amore. Saremmo stati invitati volentieri all’Eurovisione. Hamas sarebbe stato considerato il male assoluto, Israele, identificato in Benjamin Netanyahu, il meglio assoluto.

Leggi anche:  Israele, Iran e Hamas: le principali notizie di lunedì 15 aprile

Ma Israele-Netanyahu non è un uomo di buon senso. Il suo istinto ha avuto di nuovo la meglio. Era più importante ottenere una spinta per l’ego, distrarre tutti dal disastro, deliziare le masse con una dose di vendetta. Non è così che si ottiene una “vittoria totale”, è così che si acquisisce il marchio di Caino.

E mentre la montagna di cadaveri palestinesi e di case in rovina cresce sempre di più, cresce anche il marchio di Caino sulla fronte di Israele. E quando abbiamo raggiunto le decine di migliaia di vittime, di cui più della metà bambini e donne, Israele è entrato a far parte del club dei paesi ostracizzati, marchiati, lebbrosi, bersaglio di indignazione, proteste e sanzioni, un paese sgradito alla società civile.

Oggi non possiamo nemmeno sognare una “vittoria totale” (anzi, una qualsiasi vittoria) da questa malvagità e ancor più da questa stupidità.

E l’apice del grottesco è che lo “Stato ebraico”, che per anni si è arrabbiato per il silenzio del mondo crudele durante l’Olocausto, ora chiede a gran voce che il mondo taccia e non interferisca nel nostro lavoro”.

Quell’unanimismo inquietante

Ne coglie l’essenza politica Odeh Bisharat, che sul quotidiano progressista di Tel Aviv scrive: “Nonostante il leader dell’opposizione Yair Lapid abbia gridato con angoscia “di cosa stiamo parlando – non c’è un solo organismo ufficiale al mondo che proponga il riconoscimento unilaterale dei palestinesi”, la Knesset, con un voto di 99 dei 100 deputati ebrei e membri dei partiti sionisti, ha approvato una risoluzione presentata dal Primo Ministro Benjamin Netanyahu che si oppone al “riconoscimento unilaterale di uno stato palestinese”.

L’unico legislatore ebreo che si è opposto a questa imbarazzante risoluzione, il deputato Ofer Cassif, era stato al centro di un vergognoso putsch politico solo pochi giorni prima. Una maggioranza di 85 deputati ebrei e membri dei partiti sionisti della Knesset ha votato per estrometterlo dalla Knesset; solo un coraggioso deputato sionista, Gilad Kariv, ha votato contro la mozione.

Si tratta di un altro capitolo oscuro della storia di Israele o è solo una brutta ondata che passerà? E i sondaggi che prevedono il crollo della coalizione di Netanyahu sono condotti sulla luna? Dopo tutto, al momento, la politica di Netanyahu è l’unica all’ordine del giorno. E pochi giorni dopo aver fatto luce sul suo piano “day after” per Gaza, nessun membro dell’opposizione ha osato toccare la patata bollente che gli ha lanciato.

Leggi anche:  Aharon Haliva: il generale che guidava l'intelligence si è dimesso dopo il fallimento del 7 ottobre

Questo è il suo scenario vincente: Netanyahu inventa una “minaccia” e tutti i cavalieri della democrazia e dello stato di diritto si allineano dietro di lui e fanno il dito medio al mondo – ma invece di dire “Israele è contro il mondo intero”, tornano all’amata e autocommiserante abitudine di “tutto il mondo è contro di noi”.

E poi, prima che abbiamo avuto la possibilità di riprenderci, Netanyahu annuncia il suo piano “day after” che, secondo la maggior parte degli esperti, prevede la continuazione dell’occupazione con una brutalità ancora maggiore.

Alcuni hanno già notato il deputato Gideon Sa’ar, uno dei pilastri del blocco anti-Netanyahu, stringere calorosamente la mano al primo ministro. Così, invece di smantellare la coalizione di governo, l’opposizione sta smantellando volontariamente se stessa.

Domani, i due rivoluzionari di spicco, i membri del gabinetto di guerra Benny Gantz e Gadi Eisenkot, scopriranno di non avere soldati alle spalle e allora, forse, almeno uno di loro guiderà una defezione dal blocco di Netanyahu. Abbiamo già visto errori del genere in passato.

L’aspetto interessante della versione israeliana del piano postbellico è la terribile rabbia nei confronti dell’Unrwa. Basta dire “Unrwa” e tutti i demoni di Israele si risvegliano dal loro sonno.

L’Unrwa ricorda agli israeliani il peccato originale: i rifugiati palestinesi della guerra d’indipendenza del 1948. I propagandisti israeliani hanno versato montagne di inchiostro per giustificare l’espulsione. Ma nel profondo sanno che quello che è successo è un peccato terribile. Eppure, invece di rimediare, continuano a vivere nella menzogna.

Israele soffre della sindrome dell’Unrwa. E proprio come un assassino è angosciato da chi piange la sua vittima, Israele odia chiunque gli ricordi questo crimine. Di conseguenza, ai palestinesi viene chiesto di cingere i lombi e distruggere l’Unrwa. Dopo tutto, è intollerabile che i loro fratelli ebrei continuino a soffrire di rimorsi di coscienza a causa della tragedia dei palestinesi.

Il “giorno dopo”, Israele vuole imporre ai palestinesi dei leader di sua scelta, guidati dal disprezzo e dal desiderio di controllo. Ma non preoccuparti. Proprio come in passato, questi piani finiranno nel cestino della storia. Purtroppo, il prezzo sarà un ulteriore spargimento di sangue.

Leggi anche:  Stallo nei negoziati tra Israele e Hamas per una tregua a Gaza e il rilascio degli ostaggi

Vorrei fare un appello al Presidente di Israele, Isaac Herzog. Invece di dire che la sua retorica sull’assenza di civili non coinvolti a Gaza era sbagliata, si guardi intorno e conti quanti civili ebrei non coinvolti nella disastrosa politica del governo. Il conto è molto facile: un solo legislatore.

Inoltre, la dichiarazione di Herzog si basava su una sua impressione, non su alcun tipo di ricerca. In Israele, invece, se si esclude la vera sinistra e gli arabi, il 99% degli ebrei è coinvolto in questa politica.

Quindi forse il Presidente dovrebbe occuparsi del suo gregge e far sì che smetta di dare al mondo il “ba’abus” (a beneficio dei miei lettori, suggerisco di usare la cruda parola araba “ba’abus” invece di “dito medio”, che suona più come un segnale stradale che come un’imprecazione).

A proposito di tolleranza

Yuval Abraham, il regista israeliano di 29 anni, che ha vinto sabato il premio per il miglior documentario con “No Other Land” al festival del cinema di Berlino, ha denunciato di aver ricevuto minacce di morte e intimidazioni fisiche anche ai membri della famiglia dopo aver descritto sul palco “la situazione di apartheid” dei palestinesi e chiesto il cessate il fuoco a Gaza. Un discorso che gli aveva già attirato l’accusa di antisemitismo da parte di funzionari tedeschi. Abraham, insieme al suo coregista palestinese Basel Adra, ha raccontato nel documentario lo sradicamento dei villaggi palestinesi a Masafer Yatta in Cisgiordania. Il giorno dopo il discorso dal palco, come riportano i media internazionali, si erano scatenate proteste sui media tedeschi, con diversi politici che avevano parlato di discorso antisemita. “Essere sul suolo tedesco come figlio di sopravvissuti all’Olocausto e chiedere un cessate il fuoco e poi essere etichettato come antisemita non solo è oltraggioso, ma mette anche letteralmente in pericolo le vite degli ebrei”, ha detto Abraham al Guardian. “Non so cosa stia cercando di fare la Germania con noi – ha aggiunto – Se questo è il modo in cui la Germania affronta il senso di colpa per l’Olocausto, lo stanno svuotando di ogni significato”. Oltre a ricevere minacce di morte sui social media, Abraham ha detto che diverse persone si sono presentate a casa dei suoi familiari in Israele, costringendoli a lasciare l’abitazione per paura per la loro sicurezza.

Native

Articoli correlati