Israele, nuova marcia dei parenti degli ostaggi: obiettivo Gerusalemme
Top

Israele, nuova marcia dei parenti degli ostaggi: obiettivo Gerusalemme

 È partita da Reim -uno dei kibbutz di confine con Gaza più colpiti dall'attacco di Hamas del 7 ottobre - la Marcia fino a Gerusalemme organizzata dalla famiglie degli oltre 130 ostaggi israeliani ancora in mano della fazione islamica

Israele, nuova marcia dei parenti degli ostaggi: obiettivo Gerusalemme
La marcia dei parenti degli ostaggi in Israele
Preroll

globalist Modifica articolo

28 Febbraio 2024 - 11.53


ATF

Netanyahu ha messo la vita degli ostaggi al secondo posto. Ma non è così che fa uno statista.

 È partita da Reim -uno dei kibbutz di confine con Gaza più colpiti dall’attacco di Hamas del 7 ottobre – la Marcia fino a Gerusalemme organizzata dalla famiglie degli oltre 130 ostaggi israeliani ancora in mano della fazione islamica. La Marcia – che si concluderà sabato prossimo – passerà attraverso alcuni dei luoghi dell’attacco di Hamas, compresa la cittadina di Sderot.

A parteciparvi non sono solo i parenti dei rapiti ma anche diversi ex ostaggi. Tutti si auguranto che l’arrivo a Gerusalemme coincida con l’annuncio di un nuovo accordo per la liberazione degli ostaggi.

Leggi anche:  Iran, attacco flop contro Israele: pochi danni e tanta propaganda. Tutte le notizie della notte
Native

Articoli correlati