Orban e i suoi deputati sovranisti hanno rifiutato il minuto di silenzio in memoria di Alexsei Navalny
Top

Orban e i suoi deputati sovranisti hanno rifiutato il minuto di silenzio in memoria di Alexsei Navalny

Il primo ministro ungherese e i deputati della sua coalizione si sono rifiutati di rendere omaggio al leader dell'opposizione russa Alexsei Navalny, morto lo scorso 16 febbraio in una colonia penitenziaria.

Orban e i suoi deputati sovranisti hanno rifiutato il minuto di silenzio in memoria di Alexsei Navalny
Preroll

globalist Modifica articolo

26 Febbraio 2024 - 17.55


ATF

Il primo ministro ungherese e i deputati della sua coalizione si sono rifiutati di rendere omaggio al leader dell’opposizione russa Alexsei Navalny, morto lo scorso 16 febbraio in una colonia penitenziaria.

Quando un deputato dell’opposizione del Paese ha chiesto di alzarsi per un minuto di silenzio, due terzi dell’Aula sono rimasti seduti. La loro “compostezza” è stata acclamata dal loro leader, Viktor Orban, che ha gridato dalla tribuna: “Gli sciovinisti non meritano il rispetto del Parlamento ungherese”.

“Quanti hanno descritto i georgiani come roditori”, quando le forze russe invasero questa ex repubblica sovietica nel Caucaso nel 2008, “non saranno rispettati”. Altrimenti, ha concluso il leader sovranista, “riposate in pace”.

L’avvocato Alexsei Navalny, che in passato ha “flirtato” con il nazionalismo, all’epoca aveva sostenuto l’intervento della Russia in Georgia. Si è scusato nell’aprile 2023. Navalny, che era diventato il critico numero uno del presidente russo Vladimir Putin, è morto in una remota colonia carceraria nell’Artico all’età di 47 anni. Le circostanze della sua morte, che ha sconvolto il mondo, restano poco chiare.

Leggi anche:  Il sedicente piano di pace di Orban per l'Ucraina fa infuriare la Ue
Native

Articoli correlati