Orban da Zelensky dimostra che la piovra putiniana riesce sempre ad infiltrarsi coi tentacoli ovunque
Top

Orban da Zelensky dimostra che la piovra putiniana riesce sempre ad infiltrarsi coi tentacoli ovunque

Presto nominato alla presidenza dell'UE, in semplici turni, Orban è andato a Kiev chiedendo a Zelensky di cessare il fuoco. Null'altro che questo, dimostrando solo una cosa: la piovra russa riesce sempre ad infiltrarsi coi tentacoli ovunque. 

Orban da Zelensky dimostra che la piovra putiniana riesce sempre ad infiltrarsi coi tentacoli ovunque
Orban e Zelensky
Preroll

globalist Modifica articolo

3 Luglio 2024 - 21.41


ATF

di Beatrice Sarzi Amade

Presto nominato alla presidenza dell’UE, in semplici turni, Orban è andato a Kiev chiedendo a Zelensky di cessare il fuoco. Null’altro che questo, dimostrando solo una cosa: la piovra russa riesce sempre ad infiltrarsi coi tentacoli ovunque. 

La risposta che ne è seguita, è stata chiara: gli Stati Uniti hanno fornito immediatamente 3,7 miliardi di dollari in assistenza militare aggiuntiva.

Ovunque, significa ovunque. 

Molti sono i tentacoli specializzati nella denigrazione. 

Con più o meno sottigliezza. 

Un nuovo sito russo ha diffuso la voce che la signora Zelenski si era appena comprata la nuova Bugatti Tourbillon per 4,5 milioni di euro. 

Questa è stupidità, ed è stupido chi ci crede, la notizia si è palesata senza la minima prova e immediatamente, si conforti la gente che ogni volta si esprime e crede senza aver sondato e senza conoscere nulla dei media, è avvenuta la smentita dalla Bugatti. Nessuno farebbe una cosa del genere in piena guerra, tranne forse la moglie di un miliardario russo. In effetti è quello che è successo. 

Si chiama: “Propaganda di stupidi frustrati”. 

Ma funziona, alcuni ci credono. E il problema è che questi idioti hanno anche il diritto di voto

In Francia, la RN manca visibilmente di candidati preziosi. 

Se gli Insoumis hanno osato proporre un candidato black block registrato S,  la PMI Le Pen deve singolarmente abbassare i suoi criteri di assunzione: molti hanno dovuto dimettersi dopo proposte apertamente naziste e razziste. Cosa che succede piuttosto raramente in altre parti. 

Leggi anche:  La Ue contro le manovre putiniane di Orban: "Non ci rappresenta, sta facendo giochetti"

E poi ci sono quelli per cui Bardella rappresenta un faro nella notte del loro nulla intellettuale. Una candidata del genere che propone di togliere l’obbligo di studio medico per curare persone, o simili, agitate nei Tik Tok, dove afferma di non essere razzista “perché il suo oculista è ebreo”, per non parlare di quella condannata dal tribunale per “sequestro con pistola”.

La Russia si infiltra anche in modo molto più insidioso quando tenta di dinamizzare la diga repubblicana per aiutare la RN, il suo partito preferito, ad assicurarsi la maggioranza assoluta. Si tratta di un lavoro sape sviluppato in anni, o anche decenni, come spiega un’ampia indagine del CNRS pubblicata questa settimana sotto forma di un resoconto preciso e documentato da oltre 50 pagine. 

Un po’ indigesto durante le elezioni, specialmente quando l’elettorato preso di mira raramente legge un’intera pagina di qualcosa.

Scopriamo che la manipolazione è al massimo. 

Quando si diffonde il sostegno dell’Ucraina, a cui stiamo dando priorità, è perché le truffe del Cremlino hanno funzionato. I metodi descritti nello studio sono stati conosciuti e testati almeno dalla prima elezione di Trump, confermati da documenti interni del Cremlino e dichiarazioni di Medvedev, ad esempio. 

Troll, campagne con meme degradanti, false voci e inserzioni su Facebook, sono le manifestazioni più visibili.

In Francia quest’anno, tra l’altro, c’è stata una falsa campagna volta a sostenere il macronismo, promettendo 100 euro in cambio della procura. Sapendo che una vera campagna si svolgeva parallelamente, senza soldi, semplicemente proponeva agli attivisti assenti il giorno del voto di trovare loro un corrispondente nel loro comune. I 100 euro potrebbero consentire accuse di comprare voti, sconvolgendo i creduloni iscritti e che ovviamente non hanno mai ricevuto questi soldi promessi. In più la cupa prospettiva che il loro voto venga dirottato. Sulla RN per esempio!

Leggi anche:  Borrell (Ue) sconfessa Orban: "A Mosca da Putin da premier ungherese, non rappresenta l'Europa"

Lo studio rileva anche l’emergere di una vasta comunità di interessi nel mondo virtuale di X e Tik Tok in cui si trovano sia i sostenitori di Insoumis che RN, con una caratteristica comune il loro odio verso il sistema. Che, ad esempio, li spinge a non sostenere l’Ucraina o a desiderare che la guerra si fermi al più presto, il che significherebbe una vittoria per la Russia, sulle posizioni che ha conquistato. Ponti tra gli estremi che si trovano in alcuni videogiochi, oltre che nel desiderio di vedere la guerra cessare al più presto. Che è la posizione dominante sia nella RN che nella maggior parte dei dirigenti “non presentati”. 

Una formazione che non è mai stata così oscena.

Dal punto di vista della guerra contro l’imperialismo russo, la posizione dovrebbe essere precursore di qualsiasi accordo politico. 

Questo punto domina tutti gli altri, perché se perdiamo questa guerra, vincono Putin e la mafia, e non riprenderemo presto le nostre libertà: imprenditoriali,  sindacali, democratiche o d’espressione. 

Leggi anche:  La Ue contro le manovre putiniane di Orban: "Non ci rappresenta, sta facendo giochetti"

In un mondo ideale, tale raggruppamento sarebbe potuto passare dai Verdi e dall’ASP alla frangia più repubblicana della LR, ma non dimentichiamo che alcuni candidati di spicco hanno avuto paura di Mosca. Altri no. 

Ahimè, FP è costruito su una base completamente diversa.

I legami compromettenti dell’entourage di Bardella con Mosca sono evidenti, anche se lui la difende. Sono dettagliati nelle indagini. 

Per la FI, è più sottile, non c’è alcun legame diretto con Mosca individuato, ma conosciamo i legami con la Siria di Assad e nel piano del Cremlino, Mélenchon fa chiaramente da spaventapasseri, in particolare per distrarre il voto ebraico di FI e rimbalzando il Nuovo Fronte Popolare e persino una diga repubblicana. E non solo il voto degli ebrei.

A proposito, questa è l’unica incertezza che rimane per domenica prossima: la proporzione di segnalazioni vocali che seguiranno le istruzioni nella segretezza della stanza di isolamento. La destra è così accusata dalla sinistra di aver approfittato del blocco senza che i loro elettori facessero lo stesso, ma lo studio dimostra che la sinistra sta facendo lo stesso: nell’Assemblea legislativa 2022, il 30% dei voti della sinistra era per un candidato RN al 2° turno. Al massimo possiamo sperare che queste voci siano rimaste nella RN e secondo le ricerche del CNRS, quest’anno la proporzione dovrebbe essere limitata al 10%.

Jordan Bardella è un avatar di Tik Tok, che sembra un genero ideale, curioso del nulla

Native

Articoli correlati