Tregua e liberazione degli ostaggi a Gaza: cauto ottimismo nella delegazione israeliana
Top

Tregua e liberazione degli ostaggi a Gaza: cauto ottimismo nella delegazione israeliana

Lo scrive Times of Israel. L'obiettivo è di raggiungere un'intesa prima dell'inizio del mese di Ramadan.

Tregua e liberazione degli ostaggi a Gaza: cauto ottimismo nella delegazione israeliana
Preroll

globalist Modifica articolo

24 Febbraio 2024 - 02.11


ATF

 Mentre nuovi negoziati su una tregua e la liberazione degli ostaggi a Gaza sono in corso a Parigi, due emittenti televisive israeliane riferiscono che la delegazione del loro paese ha ottenuto un mandato con una certa flessibilità e che vi è cauto ottimismo anche se ancora non si registra una svolta. Lo scrive Times of Israel. L’obiettivo è di raggiungere un’intesa prima dell’inizio del mese di Ramadan.

Secondo Channel 13, il team israeliano, guidato dal capo del Mossad David Barnea, ha ottenuto margine di manovra nell’ambito degli aiuti umanitari e altre questioni che però non possono essere specificate. L’emittente afferma che i negoziatori israeliani torneranno in patria nella notte. Channel 12 riferisce invece che vi è flessibilità sul numero di detenuti palestinesi da rilasciare per ogni ostaggio, sulla lunghezza della tregua, il ritorno dei residenti del nord di Gaza alle loro case e la ricostruzione post guerra. Non vi è invece flessibilità sul rifiuto israeliano di un cessate il fuoco permanente.

Leggi anche:  Democratici Usa: così cresce la fronda anti-Netanyahu

«C’è ottimismo ma siamo solo ad uno stadio preliminare» – ha detto una fonte israeliana a Channel 12- si lavora per creare una cornice di base con chiari criteri su cosa si può discutere e cosa no. Non c’è ancora una accordo concluso a portata di mano. L’obiettivo é di averlo prima dell’inizio del mese di Ramadan”. Israele, afferma una fonte della sicurezza, «aumenterà la pressione militare fino all’ultimo, perché ci saranno risultati soltanto con negoziati sotto il fuoco».

Native

Articoli correlati