Israele, la "sindrome di Versailles" e un "campo" da coltivare
Top

Israele, la "sindrome di Versailles" e un "campo" da coltivare

Benjamin Netanyahu esprime una posizione popolare quando afferma che Israele "non si arrenderà ai diktat internazionali per quanto riguarda un accordo permanente con i palestinesi

Israele, la "sindrome di Versailles" e un "campo" da coltivare
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

20 Febbraio 2024 - 12.50


ATF

Israele, la “sindrome di Versailles” e la nascita di un campo “umano”.

La “sindrome di Versailles”

Così la tratteggia, per Haaretz, Rogel Alpher: “Il Primo Ministro Benjamin Netanyahu esprime una posizione popolare quando afferma che Israele “non si arrenderà ai diktat internazionali per quanto riguarda un accordo permanente con i palestinesi”. In generale, la maggioranza dell’opinione pubblica ha ragione nel ritenere che la creazione di uno stato palestinese all’indomani del massacro del 7 ottobre, della saga degli ostaggi e della guerra di Gaza sarebbe un premio al terrorismo. È ovvio. Non c’è nulla di nuovo sotto il sole.

Il terrorismo brutale è stato una condizione necessaria anche in Algeria. Non c’è dubbio che la creazione di uno stato palestinese come risultato diretto del massacro confermerebbe lo status del terrorismo – nella sua forma più sadica – come mezzo efficace del movimento nazionale palestinese per raggiungere i suoi obiettivi. Fatto: fino al 6 ottobre, uno stato palestinese non era nell’agenda internazionale. Non interessava al Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e al Segretario di Stato Antony Blinken, e nemmeno agli europei. Israele era noioso.

Il movimento di protesta ha anche considerato la questione palestinese, compresa l’occupazione, l’apartheid e l’ipoteca dell’esercito sui coloni, come una questione nulla, una questione marginale che può essere rimandata per sempre. La democrazia con l’occupazione non è stata rappresentata come un problema nelle manifestazioni del sabato sera a Kaplan Street, tranne che dal (piccolo) blocco anti-occupazione, che è stato dichiarato da Brothers in Arms come fratello di nessuno.

L’Arabia Saudita era a malapena interessata. Hanno detto che si sarebbero accontentati di un servizio a parole. E poi, meraviglia delle meraviglie, Hamas ha commesso un orrendo massacro e improvvisamente gli Stati Uniti, l’Europa e l’Arabia Saudita non possono parlare d’altro con Israele. Chiedono uno stato palestinese.

Leggi anche:  Israele-Iran, tragedia o opportunità: un dilemma che può cambiare il volto del Medio Oriente

Questa richiesta testimonia la loro convinzione che l’assenza di uno stato palestinese sia stato uno dei fattori che hanno portato al massacro e che la creazione di tale stato impedirà il prossimo. Questo è molto sgradevole per le orecchie degli israeliani. E’ persino sgradevole per gli elettori di Meretz, Gantz e Lapid, perché dà l’impressione che la società israeliana capisca solo la forza. Inoltre, implica che la società israeliana è così densa che nemmeno l’applicazione della forza brutale la libera dalla sua fissazione. Il mondo è costretto a intervenire e a imporre un accordo a Israele per salvarlo da se stesso.

Quindi, da qualche parte nell’accelerazione del dibattito internazionale su uno stato palestinese si trova l’argomento inequivocabile che anche Israele è responsabile della tragedia che ha raggiunto l’apice nel massacro. Ma gli israeliani, guidati dal loro primo ministro, soffrono di una serie di sindromi, a cominciare dalla disumanizzazione dei palestinesi e da quella che potrebbe essere definita una “sindrome di Versailles”.

Come i tedeschi dopo la Prima Guerra Mondiale, Israele non è disposto ad assumersi la responsabilità della sua parte nella guerra regionale che infuria in Medio Oriente e che rischia di estendersi oltre. I portavoce della destra nei media e nella leadership parlano degli accordi di Oslo come del trattato di Versailles: un accordo di amara umiliazione nazionale. Il disimpegno è un’altra Versailles. Un’altra amara umiliazione. E ora arriva la grande Versailles: “il diktat internazionale”. Lo status umiliante in cui le potenze straniere impongono a Israele condizioni di resa al terrorismo.

E come la Germania tra le due guerre, abbiamo a che fare con l’onore nazionale calpestato di un popolo orgoglioso, che sente di non avere il posto che gli spetta tra le nazioni del mondo. La sindrome di Versailles detta anche l’atteggiamento della destra nei confronti di un accordo sugli ostaggi: è un’umiliazione nazionale. Come derivato della sindrome di Versailles, la società israeliana vuole ora aumentare il budget per la difesa e l’esercito, armarsi fino ai denti e trasformarsi in un mostro militare. La creazione di uno stato palestinese potrebbe radicalizzare Israele fino a portarlo alla follia.

Leggi anche:  Netanyahu insiste nel mostrare i muscoli: "Vincere a Gaza e difenderci ovunque"

Un “campo” da coltivare

Così ne dà conto il quotidiano progressista di Tel Aviv: “ Un’entità chiamata “coalizione pro-campo umano” ha pubblicato giovedì una lettera aperta firmata da personaggi pubblici, artisti e accademici, in cui si dichiara il proprio impegno a combattere la disumanizzazione dei gazawi, dei palestinesi e dei musulmani, nonché la disumanizzazione degli israeliani e degli ebrei in generale.

“Come sostenitori dei diritti umani”, si legge nella lettera, “dobbiamo combattere l’apartheid e l’oppressione. Tuttavia, ciò non dovrebbe comportare la demonizzazione dei civili che sono associati alla parte più forte, e tale lotta non deve certamente condonare il massacro e le atrocità commesse contro i civili israeliani e altri cittadini il 7 ottobre”.

“Allo stesso tempo, il diffuso sostegno dell’opinione pubblica israeliana alla natura della rappresaglia israeliana a Gaza, insieme alle richieste di pulizia etnica e di trasferimento della popolazione da parte di personalità di spicco (ma anche di parte dell’opinione pubblica israeliana), sono motivo di profonda preoccupazione”, si legge nella lettera.

Tra i firmatari figurano gli scrittori David Grossman e Iris Leal; i filosofi Slavoj Žižek, Eva Illouz, Axel Honneth e Kohei Saito; gli ex membri della Knesset Esawi Freige, Dov Khenin e Mossi Raz; gli attivisti per i diritti umani Michael Sfard, Ziv Stahl, Avi Dabush, il direttore di B’tselem Yuli Novak e il direttore di Breaking the Silence Avner Gvaryahu; il cantante Achinoam Nini, l’attore e regista Itay Tiran e gli attori Esti Zakheim e Menashe Noy; i registi Ari Folman, Avigail Sperber e i fratelli Heiman; l’avvocato Daniel Hacklai; il coreografo Ohad Naharin, il regista e coreografo Avshalom Pollak; lo studioso e giornalista Tomer Persico e molti altri.

Leggi anche:  Bibi perde colpi anche tra i conservatori americani: "Netanyahu deve andarsene"

I promotori e i firmatari della lettera esprimono profonda preoccupazione per le tendenze di disumanizzazione nei confronti degli israeliani e degli ebrei, che giustificano l’uccisione o la violazione dei loro diritti, riducendoli a procuratori dell’oppressione israeliana. “Questo è dimostrato dall’atteggiamento indifferente o distorto nei confronti della questione degli ostaggi a Gaza in questi ambienti”, si legge nella lettera.

Allo stesso tempo, esprimono profonda preoccupazione per la disumanizzazione sempre più diffusa dei palestinesi in generale in Israele e dei residenti di Gaza in particolare, compresa l’identificazione di tutti i gazawi  con Hamas da parte degli israeliani e dei loro sostenitori in tutto il mondo.

“Questa identificazione giustifica le uccisioni indiscriminate e l’impedimento degli aiuti umanitari. Questa associazione viene usata da loro per razionalizzare le uccisioni indiscriminate e la negazione degli aiuti umanitari”.

“Inoltre, la crescente ondata di islamofobia in Occidente, che dipinge i musulmani in generale come terroristi,” affermano. “La disumanizzazione di israeliani ed ebrei, così come di palestinesi e musulmani, è inaccettabile. Una persona non è solo una rappresentazione di un’identità collettiva, di una storia, di eventi o di un orientamento politico. Un approccio umanistico coerente deve affrontare tutti questi sviluppi inaccettabili”, si legge nella lettera.

Anche le organizzazioni The Parents Circle – Families Forum, Rabbis for Human Rights e Mehazkim hanno aderito al campo pro-umano, guidato da Amnesty International – Israele.

Un campo del quale noi di Globalist ci sentiamo partecipi. Un campo da coltivare, perché è l’unico in grado di far germogliare il seme della pace.

Native

Articoli correlati