Israele mette al bando Lula: "Persona non grata"
Top

Israele mette al bando Lula: "Persona non grata"

Israele ha dichiarato il presidente del Brasile Luiz Inácio Lula da Silva una “persona non grata” per i commenti che ha fatto in cui accusava Israele di aver compiuto un genocidio a Gaza che ha paragonato alle azioni di Adolf Hitler e all’Olocausto.

Israele mette al bando Lula: "Persona non grata"
Preroll

globalist Modifica articolo

19 Febbraio 2024 - 12.14


ATF


Israele ha dichiarato il presidente del Brasile Luiz Inácio Lula da Silva una “persona non grata” per i commenti che ha fatto in cui accusava Israele di aver compiuto un genocidio a Gaza che ha paragonato alle azioni di Adolf Hitler e all’Olocausto.


Dopo aver convocato l’ambasciatore del Brasile per un rimprovero, il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma:

Non dimenticheremo né perdoneremo. È un grave attacco antisemita. A nome mio e dei cittadini israeliani, dite al presidente Lula che è persona non grata in Israele finché non si riprenderà la situazione.

Nel fine settimana, il presidente del Brasile aveva affermato che “ciò che sta accadendo nella Striscia di Gaza e al popolo palestinese non è stato visto in nessun altro momento della storia. In realtà, lo fece quando Hitler decise di uccidere gli ebrei. Ciò che sta accadendo nella Striscia di Gaza non è una guerra, è un genocidio. Non è una guerra di soldati contro soldati. È una guerra tra un esercito altamente preparato e donne e bambini”.

Leggi anche:  L'Iran lancia 500 tra droni suicidi e missili verso Israele


Prima dell’incontro diplomatico di questa mattina, il corrispondente politico senior Lahav Harkov del Jewish Insider aveva fatto queste osservazioni su quanto fosse insolito l’ambiente, osservando:

[Katz sta] facendo alcune cose insolite: il rimprovero avverrà allo Yad Vashem. Katz lo sta facendo lui stesso e non un vicedirettore generale del ministro degli Esteri. Inoltre, ha invitato i media a una dichiarazione subito dopo. L’affermazione è di per sé insolita, ma significa anche che i fotografi saranno in giro per catturare l’ambasciatore mentre lascia il rimprovero. Questo è il genere di cose che non sembrano necessariamente un grosso problema, ma per i diplomatici portano il rimprovero a un livello superiore.


Benjamin Netanyahu ha descritto le parole come “vergognose e allarmanti” e “una banalizzazione dell’Olocausto”.
Questa mattina il ministero della Sanità di Gaza ha riferito che oltre 29.000 palestinesi sono stati uccisi e più di 69.000 feriti a seguito dell’azione militare di Israele all’interno della Striscia di Gaza.

Native

Articoli correlati