Calenda chiude le porte a Italia Viva di Renzi e apre ad un accordo con +Europa
Top

Calenda chiude le porte a Italia Viva di Renzi e apre ad un accordo con +Europa

Carlo Calenda, segretario di Azione esclude un'alleanza con Renzi e apre a Magi e Bonino sperando in una candidatura di Cottarelli

Calenda chiude le porte a Italia Viva di Renzi e apre ad un accordo con +Europa
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Febbraio 2024 - 12.51


ATF

Ex amici, ex alleati e adesso divisi su tutto. “Renzi ha appena lanciato con Mastella e Cuffaro ‘Il Centro’; ha spiegato che si candiderà ovunque ma poi non andrà in Ue e del resto ha conflitti di interesse che in Ue, a differenza dell’Italia, non vengono tollerati, a partire dall’essere pagato da un regime totalitario e oscurantista sui diritti civili, come l`Arabia Saudita; incassa altri milioni di euro di cui non conosciamo neppure la provenienza; ha fatto votare ai suoi La Russa il primo giorno di legislatura. Per ciò che ci riguarda da Italia Viva staremo lontani il più possibile”.

Lo ribadisce Carlo Calenda, segretario di Azione, in un’intervista a Repubblica.

“Penso che se Azione e Iv tornassero insieme nessun elettore capirebbe. Detto ciò – assicura -, non ci sarà uno spostamento a destra dell`asse europeo perché i socialisti i liberali e anche i popolari, non accetterebbero mai di fare un governo con Ecr che ha dentro Zemmour e Orban. Meloni nominerà un commissario, ma resterà ai margini perché, pur avendo in politica estera una posizione saldamente atlantista, nella Ue ha una compromissione con chi l`Europa vuol farla saltare”.

Leggi anche:  Calenda mette in guardia il Pd: "Conte sarà il vostro Dracula, Elly Schlein lo deve mollare e correre da sola"

“Quella della von der Leyen è un’operazione discutibile. Ha fatto passare a Meloni una serie di cose ù dalla legge di bilancio al Pnrr ù per tenersela come carta di riserva, ma stanno facendo entrambe un errore strategico. La nostra premier non capisce che fino a quando si tiene agganciata ai filo-putinisti non giocherà un ruolo decisivo in Ue”.

“Ma chi voterebbe ‘una lista di scopo’? Abbiamo proposto a Magi e Bonino un’alleanza fra +Europa e Azione ‘Per gli Stati Uniti d`Europa’ che Carlo Cottarelli potrebbe guidare. Io non ho alcuna esigenza di candidarmi – spiega -. Sono convinto che riusciremmo a fare un ottimo risultato. Ciò che semmai trovo interessante dell’appello di Bonino è il coordinamento tra tutte le forze europeiste, dal Pd ai socialisti, con l’esclusione dei 5S: una cosa utile perché potremmo lavorare insieme non solo sulla politica europea, ma anche sulle riforme istituzionali ù visto che siamo tutti per il cancellierato ù sul salario minimo, la sanità pubblica e le politiche industriali su cui il governo non sta facendo nulla. Una cabina di regia su questi temi sarebbe buona e giusta”.

Leggi anche:  Calenda: "Il Pd non può farsi dare lezioni da Conte"

Quanto ai Cinque stelle Calenda spiega: “I voti li perdi e non li guadagni se fai un’accozzaglia indefinita perché gli elettori lo capiscono. Da qui alle prossime Politiche non sappiamo che Italia avremo davanti. Intanto credo che al referendum sul premierato il Paese si spaccherà. E già dopo le Europee la coalizione di governo farà fatica a reggere perché FdI triplicherà la Lega e Salvini farà di tutto per recuperare consenso. Avremo a che fare con una serie di variabili impossibili da prevedere, adesso. Quel che so, però, è che se i voti per i liberaldemocratici non crescono l’alternativa non vincerà mai”.

Native

Articoli correlati