Ostaggi: Netanyahu schiera il plotone d'esecuzione
Top

Ostaggi: Netanyahu schiera il plotone d'esecuzione

Il “plotone d’esecuzione” lo ha schierato Benjamin Netanyahu. I parenti degli ostaggi ancora in mano ad Hamas e al Jihad islamico a Gaza, hanno ascoltato, inorriditi, i proclami del premier israeliani ieri sera in conferenza stampa

Ostaggi: Netanyahu schiera il plotone d'esecuzione
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

8 Febbraio 2024 - 14.51


ATF

Il “plotone d’esecuzione” lo ha schierato Benjamin Netanyahu. I parenti degli ostaggi ancora in mano ad Hamas e al Jihad islamico a Gaza, hanno ascoltato, inorriditi, i proclami del premier israeliani ieri sera in conferenza stampa. La guerra continua fino alla vittoria totale. Fino all’annientamento dei nazisti di Hamas. Le richieste di Hamas per la liberazione degli ostaggi? Semplicemente “deliranti”, taglia corto “Bibi”, e se Israele dovesse piegarsi, aprirebbe la strada ad un nuovo 7 ottobre. 

In questa narrazione bellicista, gli ostaggi ancora in cattività vengono relegati sullo sfondo, e se dovessero morire, sarebbero dei caduti in guerra. Da onorare. Da sacrificare per la vittoria totale.

Condanna a morte

Di grande spessore analitico, e coraggio intellettuale, sono due analisi su Haaretz. La prima è a firma Ury Misgav: “Israele ha fallito completamente per quattro mesi nel rilasciare gli ostaggi con un’azione militare – rimarca Misgav –  È diventato chiaro che non stanno aspettando nel terminal dell’aeroporto di Entebbe Muki Betzer, Ehud Barak e Yoni Netanyahu.

Solo Ori Megidish è stato salvato durante i combattimenti. Altri ostaggi sono stati uccisi, probabilmente durante i tentativi di salvataggio, ed è ragionevole pensare che alcuni siano stati uccisi anche durante gli attacchi aerei. I soldati hanno ucciso tre ostaggi che sono riusciti a fuggire dai loro rapitori.

Un altro accordo per liberare gli ostaggi, o almeno alcuni di loro, dipende da un cessate il fuoco a Gaza, per un periodo limitato o permanente. Un cessate il fuoco temporaneo metterebbe la base dei coloni-Kahanisti contro Netanyahu, il cui destino dipende da loro.

Netanyahu ha sacrificato gli ostaggi israeliani a Gaza per vuoti slogan e guadagni politici

Gli ostaggi liberati esortano Netanyahu a garantire il rilascio degli altri prigionieri.

Gli ostaggi israeliani e le loro famiglie pagano il prezzo delle vanterie di Netanyahu e Gallant

Un cessate il fuoco generale richiede una discussione su soluzioni permanenti, affrontando l’esistenza dei palestinesi a Gaza e in Cisgiordania e integrando le iniziative internazionali.

Allo stesso tempo, aprirebbe la porta all’avvio di un’indagine seria sulla disfatta del 7 ottobre e all’individuazione dei responsabili. Questo significa la fine del governo di Netanyahu. Ne consegue che Israele non deve raggiungere un accordo e deve invece sacrificare gli ostaggi per il bene di Netanyahu.

Netanyahu ha accettato di firmare l’accordo su Gilad Shalit nel 2011 contro tutto ciò che aveva predicato sulla guerra al terrorismo. Il motivo era che il suo governo si era indebolito di fronte alle proteste per la giustizia sociale di quell’estate. La scusa addotta allora, come articolata da Sara Netanyahu, fu: “Immagina che si tratti di tuo figlio”. Questa volta ha un figlio a Miami, per cui gli esercizi di immaginazione guidata sono apparentemente meno rilevanti.

Leggi anche:  Netanyahu insiste nel mostrare i muscoli: "Vincere a Gaza e difenderci ovunque"

La decisione di sacrificare gli ostaggi ha causato un cambiamento negli obiettivi dichiarati della guerra. Netanyahu ha smesso di parlare di “rovesciare Hamas e restituire gli ostaggi” e ha invece borbottato di “vittoria totale”. Questo obiettivo è deliberatamente ambiguo e non può essere misurato. È equivalente alla venuta del Messia e ha lo scopo di impedire il raggiungimento di un accordo a favore della continuazione dei combattimenti per favorire gli interessi personali di Netanyahu.

Il plotone che guida l’opposizione a un accordo è composto da tre squadre. Il primo è costituito dal manipolo di coloni fedeli i cui figli (un tempo religiosi) sono stati rapiti o inizialmente ritenuti ostaggi del massacro al rave di Nova.

La seconda è costituita da un insieme di sprezzanti portavoce delle emittenti radiofoniche che spargono propaganda e veleno, che lavorano al servizio di Netanyahu. La terza si basa sui membri della coalizione che hanno giurato fedeltà al circolo bibi-ista-kahanista. La scorsa settimana le tre squadre sono state incaricate di intensificare i loro sforzi contro l’accordo, le famiglie degli ostaggi e il Forum delle famiglie degli ostaggi e dei dispersi.

La fuga di notizie israeliana al Wall Street Journal, che parla di 32 ostaggi morti e di altri 20 presunti morti, aveva in realtà lo scopo di attenuare la sensazione di urgenza e la necessità di un accordo. Ottantaquattro sono molto meno di 136 e abbassano il prezzo del sacrificio a due cifre.

Lo scorso anno il Wall Street Journal si è distinto come il più grande fan di Netanyahu tra i media stranieri. È l’unico giornale occidentale che ha pubblicato due articoli di opinione che sostenevano con entusiasmo il colpo di stato giudiziario e, dal 7 ottobre, ha fornito un palcoscenico a una serie di scrittori abituali che parlano con favore di Netanyahu e dei successi militari israeliani durante il suo mandato.

I discorsi del governo che hanno preceduto la risposta di Hamas alla proposta dei mediatori (“rifiuto totale”, “impossibile”, “Sinwar sta correndo come un topo da una caverna all’altra e non è in contatto”) si sono rivelati mercoledì mattina delle stronzate.

Hamas ha formulato una risposta seria e ha presentato un piano ragionevole date le orribili circostanze, certamente come base per i negoziati.

Leggi anche:  Israele-Iran, tragedia o opportunità: un dilemma che può cambiare il volto del Medio Oriente

Questo è un accordo che un governo sano di mente e responsabile dovrebbe accettare. Netanyahu e i suoi sostenitori dovrebbero basare il sacrificio degli ostaggi sull’altare del “nessun accordo parziale” e del “non fermeremo i combattimenti prima della vittoria totale”. Il sangue degli ostaggi sarà per sempre sulle loro mani”, conclude Misgav.

Accordo onorevole

Così lo declina, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, Gideon Levy: “I termini del nascente accordo con Hamas vengono presentati da Israele come se comportassero un “prezzo doloroso”. Si basa sul presupposto che tutto ciò che è positivo per Hamas deve essere negativo per Israele e che tutto ciò che è negativo per i palestinesi è positivo per noi: un gioco a somma zero.

Israele si è convinto che non deve firmare un accordo che possa avvantaggiare Hamas in alcun modo; può solo essere dannoso per Israele e può solo avere un prezzo doloroso.

Non dovremmo accettare queste ipotesi. Ci sono elementi dell’accordo che sono positivi sia per Israele che per Hamas. Il “prezzo” non è sempre un prezzo vero e proprio. Non è sempre così doloroso come vogliono farci credere.

La liberazione dei prigionieri della sicurezza palestinese e la cessazione dei combattimenti andranno a vantaggio di Hamas. Forse saranno vantaggiosi anche per Israele. In ogni caso, l’alternativa sarà molto peggiore per Israele. Hamas non libererà i suoi ostaggi incondizionatamente, così come Israele non libera i suoi prigionieri senza ottenere qualcosa in cambio, e ne ha migliaia in questo momento.

Israele ha insegnato ai palestinesi che possono ottenere il rilascio anticipato dei loro prigionieri detenuti da Israele solo scambiandoli con ostaggi. A proposito, entrambe le parti hanno degli ostaggi: Molti dei detenuti palestinesi sono stati prelevati dai loro letti e non hanno mai subito un processo.

Le carceri israeliane sono piene di prigionieri di sicurezza che, contrariamente a come vengono presentati dalla propaganda dei media, non sono tutti “terroristi con le mani sporche di sangue”.

Tra loro ci sono numerosi prigionieri politici di un regime che vieta ai palestinesi qualsiasi tipo di attività organizzativa. Molti altri sono stati condannati per reati banali e sono stati condannati a pene draconiane. Se c’è ancora bisogno di dimostrare l’esistenza dell’apartheid israeliana, sono i sistemi giudiziari separati per ebrei e palestinesi.

Nelle carceri israeliane ci sono anche spregevoli assassini palestinesi. Ma molti di loro hanno scontato la loro pena e meritano di essere lasciati liberi, proprio come i loro compagni di detenzione ebrei. Il rilascio di anziani veterani della lotta armata palestinese non danneggerà Israele.

Leggi anche:  Così Netanyahu e i suoi alleati hanno "sequestrato" Israele

Ci sono persino quelli il cui rilascio andrà a vantaggio di Israele, primo fra tutti Marwan Barghouti, ma non solo. Se Israele è seriamente interessato a trovare un partner per cambiare la realtà delle guerre infinite, può trovarlo dietro le sbarre israeliane. La prossima generazione di leader palestinesi è detenuta nelle carceri israeliane, da Megiddo a Nafha.

Le lotte di liberazione nel corso della storia, compresa quella del popolo ebraico, hanno prodotto leader coraggiosi che sono usciti dalle prigioni dei loro conquistatori. Ci saranno famiglie ebraiche in lutto che hanno perso i loro cari anni fa e che non vogliono vedere gli assassini rilasciati. Questo è comprensibile, ma di certo non si può permettere loro di dettare ciò che è nell’interesse di Israele.

La linea d’azione più saggia che Israele avrebbe dovuto intraprendere molto tempo fa era quella di rilasciare volontariamente i prigionieri di sicurezza come gesto e non solo come concessione nei negoziati. Ma non c’è alcuna possibilità che ciò accada: è troppo furbo. Liberare 1.500 prigionieri, come chiede Hamas, non è né un disastro né un dolore. Riporterà gli ostaggi a casa. Il disastro e il dolore si verificheranno solo se non verranno salvati.

Non sarebbe nemmeno un disastro o un dolore porre fine a questa guerra maledetta, durante la quale Israele ha perso la sua umanità senza raggiungere i suoi obiettivi grazie a uccisioni e distruzioni indiscriminate, come quelle che si sono viste solo nelle guerre più brutali.

La dignità di Israele sarà effettivamente danneggiata, Hamas sarà incoronata vincitrice della guerra – una vincitrice dubbia ma comunque vincitrice (se non fosse che si era già incoronata tale il 7 ottobre). Anche se la “vittoria totale” di Benjamin Netanyahu dovesse essere raggiunta, cosa che ovviamente non accadrà mai, Hamas ha vinto la guerra. Pertanto, è meglio porvi fine.

Dobbiamo mettere da parte i cliché e gli slogan che ci sono stati propinati e considerare con calma le questioni più importanti: L’accordo è davvero così negativo? In che senso? Esiste un accordo migliore?”.

Riflessioni equilibrate, realistiche. Per molti, ma non per “Re Netanyahu” e la sua corte di ministri razzisti e fascisti. Per loro non c’è altra via che l’annientamento totale dei palestinesi. La soluzione finale.

Native

Articoli correlati