Guerra ad Hamas: per "abbatterla" non servono le bombe ma distruggere le fonti finanziarie
Top

Guerra ad Hamas: per "abbatterla" non servono le bombe ma distruggere le fonti finanziarie

Vuoi davvero “abbattere” Hamas? Non servono bombardamenti a tappeti, con decine di migliaia di vittime civili. Quella non è una “vittoria”. E’ una macabra, sanguinaria  vendetta. 

Guerra ad Hamas: per "abbatterla" non servono le bombe ma distruggere le fonti finanziarie
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

10 Dicembre 2023 - 18.49


ATF

Vuoi davvero “abbattere” Hamas? Non servono bombardamenti a tappeti, con decine di migliaia di vittime civili. Quella non è una “vittoria”. E’ una macabra, sanguinaria  vendetta. 

“Il modo migliore per Israele di distruggere Hamas e salvare vite umane è attaccare le sue fonti finanziarie”

A dirlo, e scriverlo, è il leader, centrista, dell’opposizione israeliana: Yair Lapid.

Scrive Lapid su Haaretz: “Oltre 10 anni fa, quando ero ministro delle finanze di Israele, ho avviato un’operazione congiunta tra il Tesoro e un’unità segreta del Mossad incaricata di condurre una guerra economica contro il terrorismo. L’obiettivo era ostacolare le entrate di Hezbollah.

Con l’aiuto di esperti finanziari, abbiamo iniziato a mappare le fonti di reddito di quell’organizzazione. Il governo è caduto inaspettatamente e il seguente governo, guidato da Benjamin Netanyahu, ha completamente abbandonato questo problema.

Nel 2016, l’unità del Mossad è stata trasferita al ministero della Difesa e le sue operazioni hanno ricevuto una priorità bassa. È stato un grave errore. Il costo della guerra economica è basso e non ci sono rischi per la vita umana, ma i risultati possono essere drammatici. Le organizzazioni terroristiche sono anche organizzazioni economiche. Senza un flusso di cassa regolare, non possono acquistare armi, treno, costruire tunnel, pagare stipendi e finanziare attacchi terroristici.

Ciò che era vero per Hezbollah allora è ancora più vero ora per quanto riguarda Hamas. Chiunque desideri eliminare questa organizzazione deve agire contro le sue fonti di reddito. Gran parte del suo denaro si trova nelle banche di Istanbul o nel mercato delle criptovalute, ed è a portata di mano. Molti soldi continuano ad arrivare a Gaza dal Qatar,  ma molti soldi hanno continuato ad arrivare, e lo fanno ancora, anche dall’Iran, dal Qatar e dalla Malesia, da società commerciali in Turchia, Algeria, Sudan, Emirati Arabi Uniti, nonché dalla Banca islamica, dalle tasse raccolte nella Striscia di Gaza, dai trasferimenti effettuati dall’Autorità palestinese ai funzionari pubblici, da una rete di scambiatori di denaro e da una lunga lista di organizzazioni senza scopo di lucro che si spacciano da enti di beneficenza.

Secondo un documento pubblicato dagli Stati Uniti Il Tesoro dopo il 7 ottobre, si stima che le entrate annuali di Hamas siano comprese tra 2,5 miliardi e 3 miliardi di dollari. Questa è apparentemente una quantità gonfiata, ma alti funzionari di Hamas che vivono al di fuori della Striscia di Gaza, come Ismail Haniyeh, Moussa Abu Marzouk e Khaled Meshal, sono miliardari registrati.

Nei parametri economici di,  Gaza, i beni di Meshal costituiscono una ricchezza inconcepibile. In termini israeliani, questi sono importi che una potenza high-tech, con l’assistenza americana ed europea, può avere un grave impatto. Israele deve istituire una coalizione internazionale che agirà contro le fonti di reddito delle organizzazioni terroristiche. Questi fondi servono come forza trainante per il terrore, e dobbiamo, e possiamo, fermarli.

La dottrina distruttiva di Israele di promuovere Hamas come contrappeso all’Autorità nazionale palestinese non ha fatto molto per danneggiare economicamente Hamas. Ad esempio, non abbiamo fatto pressione sugli americani per applicare in modo aggressivo l’arma delle sanzioni (che si è rivelata efficace contro un’entità finanziaria molto più grande – la Russia).

Anche ora, le società appartenenti alla serie di reti di investimenti di Hamas, che sono state soggette a sanzioni per qualche tempo, continuano ad essere negoziate sul mercato azionario turco e i loro conti bancari rimangono attivi.

Inoltre, non abbiamo impiegato le nostre capacità informatiche o mobilitato la potenza economica del mondo degli affari israeliano. E, naturalmente, Israele deve porre fine al trasferimento di fondi dall’Autorità palestinese a Hamas nella Striscia di Gaza.

Leggi anche:  Hamas chiede il rilascio di 500 prigionieri palestinesi per ogni ostaggio israeliano

Attualmente, niente di questo sta accadendo. Non c’è un coordinatore responsabile di questo problema e non c’è nessun membro del gabinetto (e non mancano) incaricato di questo compito. Non esiste un piano operativo. Israele deve istituire immediatamente una task force finanziaria aggressiva ed efficace per affrontare la questione.

Dobbiamo raccogliere dati, a partire dalle rotte dei trasferimenti di denaro verso Hamas e finendo con la rete globale di sostegno di cui gode, che porta al soffocamento delle sue fonti finanziarie. Una tale mossa lo danneggerà più della maggior parte delle operazioni militari in corso e ad un costo molto più basso in termini di sangue”.

Un messaggio multiplo

Jack Khoury è uno dei giornalisti israeliani che meglio conosce le dinamiche interne al campo palestinese. Così ne scrive sul quotidiano progressista di Tel Aviv: “ L’ampia operazione militare di Hamas ha stupito non solo Israele ma anche la maggior parte degli abitanti di Gaza, incluso i simpatizzanti del gruppo, per non parlare di quelli di altre fazioni.

Nella Striscia di Gaza, il cerchio del processo decisionale e dell’esecuzione è piccolo, stimato in diverse centinaia di militanti, insieme ai leader delle fazioni, che sono fuggiti in clandestinità in anticipo. Quindi la maggior parte delle persone aveva l’impressione che un’escalation non fosse imminente, specialmente dopo l’annuncio della sospensione delle proteste in prossimità della recinzione di frontiera e l’apertura dei valichi di confine ai lavoratori che lavoravano in Israele.

È vero, Gaza non era in uno stato economico e umanitario che avrebbe fatto pensare che non ci fosse motivo di confronto. Ma la differenza tra un altro round di fuoco missilistico “di routine” insieme alle violente proteste alla recinzione di confine delle ultime settimane e un’operazione militare di massa a cui hanno preso parte tutti i rami dell’organizzazione è così immensa che anche i portavoce di Hamas avevano bisogno di tempo per prendere tutto.

Le ragioni ufficiali di questo scontro diretto sono state elencate sabato dalle tre figure principali dell’organizzazione: il leader politico Ismail Haniyeh, il suo vice Saleh al-Arouri e il capo dell’ala militare, Mohammed Deif.

In una dichiarazione, hanno menzionato le incursioni della polizia israeliana nel complesso della moschea di Al-Aqsa, nonché le continue operazioni in Cisgiordania, compresi gli arresti quotidiani, il duro trattamento dei prigionieri palestinesi e il blocco di Gaza per anni. Hamas ha chiamato l’operazione Al-Aqsa Flood per sottolineare il ruolo chiave della moschea nella decisione.

Particolarmente cruciale è ciò che Haniyeh e Deif hanno detto nelle loro dichiarazioni: Israele e forse i mediatori pensavano che l’organizzazione sarebbe stata disposta a ignorare gli eventi in Cisgiordania in cambio di maggiori somme  di aiuti dal Qatar, un aumento del numero di lavoratori ammessi in Israele e il progresso dei progetti da parte dell’agenzia per i rifugiati dell’Unrwa.

Secondo i responsabili di Hamas che hanno parlato con Haaretz ,l’organizzazione è stata a lungo combattuta tra il suo impegno per la resistenza e i suoi obblighi nei confronti degli oltre 2 milioni di residenti di Gaza, tra cui decine di migliaia di dipendenti governativi. Secondo queste fonti, l’organizzazione non può ignorare gli eventi del complesso di Al-Aqsa e in Cisgiordania e agire come appaltatori di denaro, in particolare perché il governo israeliano non ha mostrato alcuna intenzione di moderazione. 

Nel frattempo, si è parlato di una normalizzazione idei rapporti tra Israele e Arabia Saudita, con il pieno sostegno americano, ignorando il processo di pace con i palestinesi. Si è anche parlato di Israele che ha approfondito l’occupazione e l’impresa di insediamento, mentre il trattamento dei prigionieri palestinesi è peggiorato.

Leggi anche:  Hamas chiede il rilascio di 500 prigionieri palestinesi per ogni ostaggio israeliano

Ciò danneggia l’immagine di Hamas con il popolo e i leader del gruppo ammettono tranquillamente che la continua moderazione in cambio di benefici economici e valigie di denaro del Qatar li stava mettendo nella stessa trappola che ha intrappolato l’Autorità palestinese all’inizio. Ciò ha portato a una totale erosione dell’influenza dell’Autorità Palestinese”.

Un nuovo fronte di guerra

A darne conto, in un documentato report su Haaretz, è David Rosenberg. “Nel bel mezzo del cessate il fuoco – scriveva Rosenberg –  si è aperto un nuovo fronte nella guerra di Gaza. Non è contro Hezbollah ma contro il braccio finanziario del gruppo terroristico, una parte dell’organizzazione di Hamas che è stata in gran parte ignorata fino ad ora. Eppure una vittoria finanziaria completa può rivelarsi sfuggente quanto una vittoria militare completa.

In superficie, una nuova task force composta  da Stati Uniti, Israele e altri 11 paesi non sembra uno sviluppo importante. Il suo compito dichiarato è quello di “migliorare l’intelligence finanziaria su questioni relative al finanziamento del terrorismo”, “discutere … le migliori pratiche, le lezioni apprese e le opportunità di azioni aggiuntive” e simili.

Il fatto è che inseguire le persone e le istituzioni che gestiscono i soldi dei terroristi non è così drammatico come inseguire i terroristi stessi. Spiega perché non ci sono film come “Band of Bean-Counters” o “They Were Expensable”. Ma è un fronte critico nella guerra contro Hamas e i suoi affiliati.

Una vittoria decisiva su Hamas, come promette il primo ministro Benjamin Netanyahu, contribuirà a interrompere il flusso di fondi all’organizzazione. Ma le probabilità che Hamas o qualche tipo di Hamas 2.0 possa sopravvivere restano alte. Puoi impedirle di governare Gaza, distruggere i tunnel, uccidere molti combattenti e persino gran parte della sua leadership, ma eliminare le condizioni socioeconomiche che danno origine a gruppi violenti è molto più difficile.

Ecco perché far deragliare il treno del denaro di Hamas è importante in sé: che siano ispirati dalla religione, dal nazionalismo, dall’odio o dal disagio economico, i terroristi devono mangiare come tutti gli altri e devono essere pagati, e hanno bisogno di soldi per le armi.

La parte più facile del flusso di entrate di Hamas da eliminare è quella nazionale: il denaro che raccoglie sulle merci che entrano nella Striscia di Gaza attraverso i valichi di frontiera e dalle imprese locali. Questi soldi (chiamiamoli entrate fiscali, se vuoi essere generoso; estorsione, in caso contrario) ammontavano a circa 300 milioni di dollari a 400 milioni di dollari all’anno,  secondo Matthew Levitt, esperto di antiterrorismo presso il Washington Institute for Near East Policy. Ma, non più in controllo dell’enclave, Hamas non sarà più in grado di raccogliere quei soldi.

Le fonti esterne costituiscono una componente finanziaria ancora più grande. Includono denaro scremato dagli aiuti internazionali in arrivo a Gaza, l’assistenza finanziaria iraniana che è stata variamente stimata tra i 70 e i 100 milioni di dollari all’anno, i fondi del Qatar che sono stati, è cosa nota, in valigie piene di contanti   fino all’adozione di mezzi più convenzionali e, infine, pagamenti effettuati dall’Autorità palestinese per coprire gli stipendi di migliaia di funzionari di Gaza.

Anche se Hamas sopravvive in qualche forma ridotta, questi flussi di entrate si ridurranno molto e alcuni potrebbero scomparire del tutto. Non ci sarà una grande forza di combattimento per gli iraniani da sovvenzionare e nessun mezzo per estorcere le commissioni sull’assistenza straniera. Se il Qatar continua a inviare denaro a Gaza, non andrà ad Hamas.

Ciò lascia Hamas con un flusso di entrate rimanente, e questo è il suo impero commerciale globale.

Leggi anche:  Hamas chiede il rilascio di 500 prigionieri palestinesi per ogni ostaggio israeliano

Inutile dire che i suoi parametri esatti sono segreti. Quello che si sa è che c’è un comitato finanziario di Hamas e un ufficio per gli investimenti che sovrintende all’operazione. I suoi beni comprendono di tutto, dalle società minerarie in Sudan agli sviluppatori immobiliari nel Golfo, in Africa e in Turchia. Le aziende di Hamas hanno costruito il primo centro commerciale e i primi grattacieli del Sudan negli Emirati Arabi Uniti.

Le loro affiliazioni con Hamas, tuttavia, di norma emergono solo quando gli Stati Uniti Il Tesoro impone sanzioni ai suoi azionisti, come la società turca Tren Gyo o il gruppo Zawaya nelle ultime settimane.

Portafogli di investimento sospetti

Fonti israeliane hanno detto all’Economist che tutte queste imprese portano circa 500 milioni di dollari l’anno. È una grande somma di denaro per qualsiasi gruppo terroristico e potrebbe avere un enorme fattore nelle finanze di un Hamas del dopoguerra che non ha più l’onere finanziario di governare Gaza e può dedicarsi interamente al terrore.

È qui che entra in gioco la task force di questa settimana. L’impero commerciale di Hamas era stato in gran parte ignorato, il che secondo Levitt era dovuto principalmente al fatto che gli Stati Uniti erano preoccupati per le sanzioni contro la Russia e l’Iran.

“I portafogli di investimento diventeranno sempre più importanti man mano che il conflitto si svolge”, ha detto Jessica Davis, presidente e consulente principale di Insight Threat Intelligence, a una tavola rotonda sulle finanze di Hamas sponsorizzata dal Royal United Services Institute. “Una rete diversificata sarà importante per il sostentamento di Hamas, il che significa che sarà davvero importante per noi dal punto di vista del finanziamento antiterrorismo assicurarsi che stiano identificando e interrompendo i loro investimenti e le reti di facilitazione che consentono a Hamas di trarne profitto”.

Anche prima che la task force fosse svelata, una linea più dura aveva iniziato ad emergere dopo il 7 ottobre. Il Tesoro degli Stati Uniti ha annunciato tre azioni da allora. La scorsa settimana, la polizia tedesca ha perquisito le proprietà di membri e seguaci di Hamas a seguito del divieto di qualsiasi attività da parte o a sostegno del gruppo militante.

La strada da percorrere è lunga. Hamas ha costruito il suo impero commerciale proprio per eludere le sanzioni occidentali. La grande maggioranza dei suoi beni si trova in paesi come Turchia, Qatar, Emirati Arabi Uniti, Sudan e Algeria che difficilmente cooperino con qualsiasi repressione occidentale. Hamas ha sviluppato mezzi sofisticati per portare i soldi a Gaza senza usare il sistema bancario formale – o almeno, ha imparato a fare uso di banche pronte a guardare dall’altra parte. Nonostante i rapporti contrari, poco del suo denaro si presenta sotto forma di cripto valute, che è relativamente facile da rintracciare.

Ci sono abbastanza amici di Hamas, come il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, con i mezzi per minare lo sforzo di repressione. I dirigenti turchi hanno dato a Hamas libero sfogo, 

se non un sostegno effettivo, all’organizzazione per fare affari nel paese. Potrebbero emergere nuovi domicili, come la Russia, che ha preso una linea amichevole verso Hamas. Molti paesi si sono stancato di dover sottostare ad una lista crescente di sanzioni occidentali.

D’altra parte, alcuni paesi ospitanti, come il Qatar e gli Emirati Arabi Uniti, potrebbero ora avere ripensamenti sul giocare a casa delle imprese di Hamas. Dopo il 7 ottobre, è diventato più difficile difendere Hamas come un movimento di liberazione che impiega una violenza giustificabile contro un occupante e un oppressore”.

Native

Articoli correlati