Top

In Israele campagne d'odio contro chi denuncia la pulizia etnica a Gerusalemme est

Affermi, diritto internazionale alla mano, che quella messa in atto da oltre tredici anni da Israele a Gaza è una punizione collettiva che confligge anche con la Convenzione di Ginevra? Te la rischi

Israele e Palestina
Israele e Palestina

Umberto De Giovannangeli

13 Agosto 2021 - 17.12


Preroll

Osi criticare la colonizzazione ebraica dei Territori palestinesi occupati? Muovi critiche alla pulizia etnica contro la popolazione araba a Gerusalemme Est? Affermi, diritto internazionale alla mano, che quella messa in atto da oltre tredici anni da Israele a Gaza è una punizione collettiva che confligge anche con la Convenzione di Ginevra sulla guerra? Bene, anzi male. Perché se lo fai ecco scattare subito una campagna d’odio che non conosce limiti.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Quattro nel mirino

Middle placement Mobile

Clamoroso è ciò che sta accadendo negli Stati Uniti. A raccontarlo è Ben Samuels, corrispondente di Haaretz da Washington.

Dynamic 1

“L’American Israel Public Affairs Committee – scrive Samuels in una sua corrispondenza – sta affrontando le critiche sulla sua ultima campagna pubblicitaria su Facebook, che prende di mira le deputate democratiche progressiste Alexandria Ocasio-Cortez, Ilhan Omar, Rashida Tlaib e Cori Bush.

Il testo dei post pagati dall’Aipac, il più influente gruppo di lobby pro-Israele a Washington, recita: ‘Gli israeliani e i palestinesi meritano la pace, che arriverà solo attraverso l’impegno e i colloqui diretti. Incitare all’odio demonizzando Israele e diffondendo bugie viziose e pericolose sul nostro alleato democratico non fa avanzare le prospettive di pace’.

Dynamic 2

Le quattro congressiste sono accusate di mentire su Israele – attribuendo loro citazioni come ‘apartheid’, ‘atti di terrorismo’ e ‘pulizia etnica’ – mentre mettono ‘stop alle bugie’ e ‘stop all’odio’ in grassetto sopra un link titolato ‘lavorare per la pace’ .L’organizzazione di sinistra e pro-Israele J Street ha criticato l’Aipac per la campagna scatenata. ‘Dopo 4 anni di sostegno alle politiche di estrema destra di Trump, l’Aipac sembra dichiarare guerra ai democratici progressisti con annunci incendiari che accusano falsamente le donne di colore del Congresso di sostenere il terrorismo e l’odio’, ha twittato. ‘Questo non è ‘bipartisan’. Non aiuta Israele. Non parla per gli ebrei americani’.Tlaib ha twittato in risposta: ‘Sono così stufa di questa merda’. Ocasio-Cortez e Bush, al momento non hanno commentato.

Aipac ha pubblicato altri post  che prendono di mira Ocasio-Cortez e Omar individualmente. Quello che prende di mira la legislatrice di New York recita: ‘Mentre i cittadini israeliani affrontavano migliaia di attacchi missilistici da Hamas, la rappresentante Ocasio-Cortez stava lavorando per minare la capacità di Israele di difendersi, bloccando una vendita di armi approvata da Biden al nostro partner’. L’immagine recita ‘Dite a AOC: non premiate Hamas’.

Dynamic 3

L’annuncio anti-Omar recita ‘Stand WITH America. Stand AGAINST Terrorists’. L’immagine del post afferma: ‘Per Ilhan Omar, non c’è differenza tra l’America e i talebani. Tra Israele e Hamas. Tra le democrazie e i terroristi’, aggiungendo un link che dichiara: ‘Dite a Rep. Omar: condannate i terroristi, non l’America’. .Il direttore delle comunicazioni di Omar, Jeremy Slevin, ha twittato che ‘il linguaggio che Aipac usa negli annunci a pagamento per diffamare e vilipendere [Omar] è praticamente identico al linguaggio usato nelle minacce di morte che riceve. Non fate errori: Aipac sta mettendo a rischio la vita di Rep. Omar con ripetuti annunci di attacco islamofobico’.

Slevin ha aggiunto che ‘non dovrebbe essere dichiarato, ma collegare senza fondamento i musulmani-americani al terrorismo è l’esempio da manuale di islamofobia ed è usato abitualmente per mettere a tacere la difesa dei diritti umani dei palestinesi’. .Un portavoce dell’Aipac ha difeso l’annuncio riguardante Omar come  ‘completamente giusto e accurato. Non è un attacco personale e sottolinea la sua oltraggiosa dichiarazione che mette gli Stati Uniti e Israele sullo stesso piano dei talebani e di Hamas’. Aipac ha anche risposto a Slevin direttamente su Twitter. ‘Il tuo attacco infondato contro di noi non può deviare dall’attacco di [Omar] all’America e a Israele’, ha scritto, condividendo uno screenshot del suo tweet che ha dato inizio alla polemica.

Dynamic 4

Omar ha chiarito le sue osservazioni sulla sua presunta equiparazione dei gruppi al momento, dicendo della polemica: ‘Lunedì, ho chiesto al segretario di Stato Antony Blinken sulle indagini in corso della Corte penale internazionale. Per essere chiari: la conversazione riguardava la responsabilità per incidenti specifici riguardanti quei casi della Cpi, non un confronto morale tra Hamas e i talebani e gli Stati Uniti e Israele’, aggiungendo: ‘Non stavo in alcun modo equiparando le organizzazioni terroristiche a paesi democratici con sistemi giudiziari ben consolidati’.

Recentemente ha tentato di impegnarsi proattivamente con i colleghi ebrei, in particolare dopo la controversia relativa ai suoi precedenti commenti sulla Cpi, guadagnando lodi da parte di legislatori democratici precedentemente critici e figure dell’establishment ebraico.

Dynamic 5

Omar e l’Aipac sono stati in contrasto da quando è entrata in carica nel 2019. Nelle sue prime settimane a Washington, ha twittato che il sostegno a Israele negli Stati Uniti era ‘tutto sui Benjamin’, aggiungendo che si riferiva all’Aipac. In seguito si è scusata per quelle osservazioni, dicendo che ‘l’antisemitismo è reale e sono grata agli alleati e ai colleghi ebrei che mi stanno educando sulla dolorosa storia dei tropi antisemiti.

Al tempo stesso ha rimarcato ‘il ruolo negativo dei lobbisti nella nostra politica, che si tratti dell’Aipac, dell’Nra o dell’industria dei combustibili fossili’.

L’Aipac da allora ha dedicato attenzione alla legislatrice del Minnesota, più recentemente in una controversa campagna pubblicitaria a maggio in cui la sua faccia era posta accanto ai razzi di Hamas. L’annuncio, che recitava ‘Quando Israele prende di mira Hamas, Rep. Omar lo chiama ‘un atto di terrorismo’, era di fatto impreciso. Omar ha descritto gli attacchi aerei israeliani che uccidono i civili a Gaza, non il targeting di Hamas, come terrorismo – e il suo ufficio ha denunciato l’annuncio per ‘spacciare palesemente sia il discorso di odio anti-musulmano che la disinformazione’. 

La leadership democratica ha condannato gli annunci in quel momento, con gli alleati di lunga data dell’Aipac, la presidente della Camera Nancy Pelosi e il leader della maggioranza Steny Hoyer, che hanno definito gli annunci ‘profondamente cinici e incendiari’ e non aiutano ‘ad accrescere  a il sostegno a Israele’.

Alla richiesta di un commento sulla recente serie di annunci dell’Aipac, un assistente senior di Hoyer ha detto: ‘Il commento del leader di maggioranza Hoyer del 19 maggio è ancora valido: ‘Non sono d’accordo con le dichiarazioni fatte dai membri, ma attaccarli negli annunci non fa avanzare l’obiettivo di aumentare il sostegno a Israel’. L’Aipac dovrebbe sostenere il popolo americano non solo per il diritto di Israele di proteggere la vita dei suoi cittadini, ma perché ha la responsabilità morale di farlo; e il suo valore come nostro alleato e partner di sicurezza nazionale’.

Fin qui Samuels.

I democratici si schierano 

I senatori Bernie Sanders, Elizabeth Warren, Chris Van Hollen e Chris Murphy hanno chiesto a Israele di fermare le azioni  per sfrattare i residenti palestinesi dalle loro case nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme Est, sulla base delle rivendicazioni dei coloni ebrei, mentre i deputati alla Camera Alexandria Ocasio-Cortez, Gregory Meeks, Andy Levin, Pramila Jayapal e Ayanna Pressley hanno anche espresso il loro sgomento.

“La rimozione forzata dei residenti palestinesi di lunga data a Sheikh Jarrah è ripugnante e inaccettabile”, ha twittato Warren, dicendo che l’amministrazione deve chiarire a Israele che questi sfratti sono illegali.

“Gli Stati Uniti devono parlare con forza contro la violenza degli estremisti israeliani alleati del governo a Gerusalemme Est e in Cisgiordania, e chiarire che gli sfratti delle famiglie palestinesi non devono andare avanti”, ha detto Sanders. Murphy – presidente della sottocommissione per le relazioni estere del Senato degli Stati Uniti per il Vicino Oriente, l’Asia meridionale, l’Asia centrale e il controterrorismo – ha notato la sua profonda preoccupazione per la recente violenza e ha incoraggiato tutte le parti a esercitare la moderazione. Gli sfratti dei residenti palestinesi, che hanno vissuto nelle case del quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme Est per una generazione, sono ingiustificati e devono finire. Così come gli attacchi dei coloni israeliani contro i palestinesi, gli attacchi palestinesi contro gli ebrei israeliani e i lanci di razzi e mortai di Hamas”, ha detto il senatore del Connecticut, aggiungendo che era anche preoccupato per “l’approccio militarizzato delle forze israeliane a questi disordini, che sta aggravando, piuttosto che deescalare, la situazione”.

Meeks, presidente della commissione affari esteri della Camera, ha definito la situazione a Sheikh Jarrah “profondamente preoccupante” e ha invitato i residenti, i leader e i funzionari di Gerusalemme a garantire che Gerusalemme sia una città dove regna la coesistenza, non la violenza. Il senatore Chris Van Hollen del Maryland ha invitato l’amministrazione a parlare con decisione della violenza. “Gli sfratti delle famiglie a Gerusalemme Est violerebbero il diritto internazionale”, ha twittato. “Se l’amministrazione Biden mette lo stato di diritto e i diritti umani al centro della sua politica estera, questo non è un momento per dichiarazioni tiepide”. 

Ocasio-Cortez ha definito la situazione a Sheikh Jarrah “disumana” e ha chiesto che gli Stati Uniti mostrino una leadership nella salvaguardia dei diritti umani. “Dalla violenza paramilitare in Colombia e Shiekh Jarrah, alla detenzione di bambini sul nostro stesso confine e la militarizzazione dei dipartimenti di polizia degli Stati Uniti, gli Stati Uniti devono valutare seriamente il loro ruolo nella violenza di stato e condizionare gli aiuti”, ha aggiunto.

Ocasio-Cortez e Levin hanno entrambi manifestato la loro costernazione per il fatto che questi eventi si stanno verificando durante gli ultimi giorni del Ramadan, con Levin che allo stesso modo ha esortato il Dipartimento di Stato a lavorare per de-escalation immediatamente prima di portare entrambe le parti al tavolo per una soluzione a lungo termine.

 Jayapal, presidente del Congressional Progressive Caucus, ha detto che “non possiamo semplicemente stare a guardare questo crudele, continuo, illegale, forzato spostamento di palestinesi a Sheikh Jarrah. Il Dipartimento di Stato deve intervenire immediatamente con responsabilità”.

Pressley ha dichiarato: “Sono solidale con i residenti palestinesi di Sheikh Jarrah, a Gerusalemme Est, che sono stati rimossi con la forza dalle loro case – nel mezzo di una pandemia, durante il Ramadan. Questo è inaccettabile”.

Quasi tutti negli Usa, perfino i più filo-israeliani sia nel campo Democratico sia in quello Repubblicano, si dicono favorevoli a una soluzione “a due Stati”. Sanders però pone l’asticella un po’ più in alto e mette in luce una questione che è ben conosciuta dai diplomatici americani: come è possibile realizzare questo assunto se chi governa Israele fa di tutto, sul campo, per rendere irrealizzabile questa soluzione? Perché uno Stato per essere davvero tale, e non una sorta di bantustan sudafricano in salsa mediorientale, deve avere un controllo totale e una effettiva sovranità su tutto il suo territorio nazionale. Perché uno Stato indipendente deve poter contare su confini sicuri, sul controllo delle risorse idriche (l’oro bianco in Medio Oriente) presenti sul proprio territorio. Cose che, con la sua politica del fatto compiuto, Israele nega. Di questo ne erano consapevoli sia Barack Obama sia Bill Clinton: consapevoli ma, nei fatti, inermi. Perché nonostante la condanna a parole, né l’uno né l’altro hanno mai esercitato pressioni vere nei confronti d’Israele, portando così acqua (cioè consensi) ai mulini di quanti, in campo israeliano come in quello arabo, hanno sempre lavorato per sabotare ogni compromesso, minare il dialogo e trasformare il negoziato in uno stanco rituale. Sanders prova a rompere questo approccio, e nel farlo si dimostra un vero amico d’Israele, se per amico s’intende qualcuno che non avalla e copre ogni tua scelta, ma se la ritiene sbagliata e foriera di gravi conseguenza, prova a dirtelo e a convincerti che esiste un’altra strada, più sicura, per garantire la sicurezza dello Stato ebraico e il suo pieno inserimento nel contesto mediorientale. Una posizione costruttivamente critica che, e questo è un elemento di importante novità, sta facendo presa tra le organizzazioni liberal dell’ebraismo americano, sempre più frustrate dalle scelte compiute dalla destra israeliana. 

Tacciare un ebreo di antisemitismo è una impresa improba anche per i più ardimentosi falchi israeliani. Sanders non è solo un ebreo ma per un lungo periodo del 1963 è stato anche un “kibbutzim” – vivendo e lavorando in un kibbutz in Israele –  ma nel suo passato vi sono prese di posizioni vicine a Israele quando Israele si è trovato a dover fare i conti con l’aggressività militare araba e con una impressionante ondata di attacchi terroristici. Altra cosa, però, è sostenere posizioni politiche e ideologiche che rimandano al disegno del “Grande Israele” o chiudere gli occhi di fronte al regime di apartheid che, nei fatti, si sta realizzando nella West Bank, o considerare chiusa la questione, cruciale, relativa allo status di Gerusalemme, o sdoganare, per calcoli elettorali, partiti apertamente razzisti che si rifanno alla dottrina “khahanista”. Denunciando la deriva integralista della destra ebraica, Sanders non chiude gli occhi di fronte alla realtà né traduce in politica un motto calcistico, che si potrebbe formulare così: “Israele non si discute, si ama”. E invece è vero l’esatto opposto: si “ama” Israele se si discute. E si denuncia una politica nefasta, quella portata avanti da chi governa Israele da oltre un decennio. In questo, il senatore del Vermont è un grande, sincero, “amico d’Israele”. Anche se l’Aipac l’ ha nel mirino. Assieme alle “quattro reprobe”.  

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile