Gaza, il doppio azzardo di Netanyahu e l'enigma Gantz
Top

Gaza, il doppio azzardo di Netanyahu e l'enigma Gantz

Ovvero, quando guerra  e politica, intesa come cinici giochi di potere sulla pelle (reale non metaforica, della gente,  s’intrecciano indissolubilmente nella seconda fase del conflitto che sta riducendo la Striscia ad un cumulo di macerie. 

Gaza, il doppio azzardo di Netanyahu e l'enigma Gantz
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

5 Dicembre 2023 - 12.49


ATF

La “guerra di Bibi” e “l’enigma Benny (Gantz)”. 

Ovvero, quando guerra  e politica, intesa come cinici giochi di potere sulla pelle (reale non metaforica, della gente,  s’intrecciano indissolubilmente nella seconda fase del conflitto che sta riducendo la Striscia ad un cumulo di macerie. 

L’azzardo di Netanyahu

A darne conto sono due tra i più autorevoli analisti israeliani.

Rimarca B. Michael su Haaretz: “Bibi ora ha in mente due missioni supreme come parte della sua guerra per la sopravvivenza: mantenere la presa sul suo seggio fino all’ottobre 2026 e preservare, o addirittura rafforzare, l’ammirazione servile della “base” per il suo padrone. Se ci riesce in entrambi, il suo regno regnerà s’imporrà sempre. Restare in sella altri due anni è una missione piuttosto facile. La possibilità che spuntino quattro o cinque parlamentari ribelli della coalizione con una coscienza attiva è inferiore a zero. Alcuni potrebbero continuare a mormorare coraggiose parole di critica ai loro associati o a giornalisti e consulenti. Ma al momento della resa dei conti, saranno così pietrificati ad agire saranno  che i loro organi riproduttivi si raggrinzeranno di terrore, non saranno in grado di alzare le dita e Bibi potrà andare avanti a rilassarsi comodamente sulla sedia del primo ministro. E se Bibi desidera essere ancora più sicuro del suo continuo regno, può sempre dare il compito alla sua squadra di avvocato del suo processo dimenticato. Poi, senza indugio, faranno una petizione all’Alta Corte di Giustizia per conto dell’organizzazione “Questo non è il momento” (che sostiene che un primo ministro in servizio non dovrebbe essere estromesso finché respira) e questo gli garantirà altri 30 anni di argomenti completamente vuoti e ridicoli e contrattato legale prima che la petizione raggiunga un’udienza. 

Mantenere la devozione servile della “base” è una questione leggermente più complicata. Prima di tutto, ovviamente, dovrà continuare la guerra, perché la fine della guerra significherà un disastro per la famiglia Netanyahu. Ma a cosa serve una lunga guerra se alla fine, o anche mentre è ancora in corso, la base diventa annoiata, indifferente e delusa? Questo non è il tipo di base che si precipita alla cabina elettorale con la giusta determinazione al di voto. La base vuole azione. La  base esige sangue. La base pretende di odiare, essere arrabbiata, offesa, vendicarsi. Per scaricare sull'”altro” tutto ciò che la sta facendo irritare.

E questa è esattamente la fase che abbiamo raggiunto venerdì scorso: quella che è iniziata come Operazione Ego e si è evoluta nella guerra Peace for Bibi è ora diventata la Peace for the Base War. In quale altro modo possiamo interpretare la rapidità con cui i bombardieri sono stati inviati per rinnovare la polverizzazione di Gaza e dei suoi abitanti indifesi? Non c’era una goccia di logica in questo massiccio bombardamento. Né una goccia di beneficio deriverà dall’uccisione di qualche centinaio di altri palestinesi. La possibilità di calma non farà che retrocedere. Cosa ne sarà degli ostaggi? La base è più importante. Questo è l’unico modo per capire l’ostinata evasione di qualsiasi seria discussione su una politica di uscita dalla guerra. Questo è l’unico modo per capire le promesse infondate di un controllo eterno di Gaza. Ed è anche l’unico modo per capire la risposta fredda e disumana di Bibi all’omicidio di Yuval Kestelman da parte di un punk in cima alla collina trigger-happy. “Questa è la vita”, disse Bibi di persona alla famiglia del morto. Un comportamento incredibilmente disgustoso. Ma la cosa principale è assicurarsi Itamar Ben-Gvir non si arrabbi. Aiuta anche a spiegare le mostruose mappe di espulsione che l’esercito sta distribuendo alla popolazione devastata di Gaza,  con frecce che le indirizzano verso il mare, nella vana speranza che questa mossa ipocrita purifichi Israele dai crimini di guerra che sta commettendo. L’esercito istruirà presto gli abitanti di Gaza a dirigersi verso Cipro? Ma la base è soddisfatta. La base è felice. Tutte le sue speranze si stanno avverando proprio davanti ai suoi occhi: lo stiamo davvero attaccando agli arabi, spingendoli verso il mare. La visione bi Ben-Gvir,  Bezael Smotrich  e compagnia sta prendendo forma. E l’arrivo del messia deve essere proprio dietro l’angolo. Ed è tutto Bibi. Solo Bibi. Evviva Bibi”.

Leggi anche:  Netanyahu: "Non accetteremo uno stato palestinese che mette in pericolo Israele"

L’enigma Gantz

Lo inquadra, sempre sul giornale progressista di Tel Aviv, Sami Peretz. Scrive Peretz: “Alla domanda su quanto tempo prevede di rimanere nell’attuale governo di unità, il presidente del Partito di Unità Nazionale Benny Gantz in genere risponde: “Proprio come sapevo quando entrare, saprò quando andarmene”.

Ma la sua condotta durante l’approvazione del bilancio statale  solleva domande sulla sua volontà di influenzare la politica del governo al di là della gestione della guerra. Poiché anche secondo Gantz, lo sforzo bellico potrebbe richiedere anni, prendersi i rischi con la gestione della guerra ignorando altri danni causati da essa è irresponsabile. Certo, ha chiesto la cancellazione dei fondi stanziati nell’ambito degli accordi di coalizione per scopi estranei alla guerra e ha affermato che la testardaggine del ministro delle Finanze Bezalel Smotrich su questo tema avrebbe minato la solidarietà sociale e la resilienza di Israele. Ha anche avvertito che se questo finanziamento non fosse stato annullato, “il Partito dell’Unità Nazionale voterà contro il bilancio proposto e prenderà in considerazione i suoi prossimi passi”.

Ha davvero votato contro, ma si è fatto a meno di questo. E questo invia un pessimo segnale al governo originario del primo ministro Benjamin Netanyahu: che possono continuare a fare ciò che vogliono quando si tratta di gestione irresponsabile delle risorse dello stato, promozione di interessi speciali e l’eccessiva preoccupazione di Netanyahu per la politica e i preparativi per la commissione d’inchiesta che sarà istituita un giorno.

In pratica, l’unica volta che Gantz ha  battuto i pugni sul tavolo è stato quando Netanyahu ha puntato l’indice accusatore contro i vertici  dell’esercito e del servizio di sicurezza Shin Bet nel tentativo di attribuire tutta la colpa per i fallimenti che hanno portato al disastro del 7 ottobre su di loro.  In quel frangente, Gantz sostenne i capi dell’esercito e chiese che Netanyahu smettesse di biasimarli.

Leggi anche:  Netanyahu conferma il prossimo attacco a Rafah: "Così ci sarà la vittoria finale su Hamas"

Forse è troppo aspettarsi che Gantz lasci il governo in tempo di guerra per questioni di bilancio. Ma non è troppo aspettarsi che se fa parte del governo durante una crisi, utilizzi la sua influenza in ogni campo per evitare che la situazione peggiori ancora di più.

Questo è un governo che ci ha portato a un grave disastro. Da quando è stato formato, qui sono successe solo cose brutte. Ciò dovrebbe obbligare i suoi membri originari a mostrare un po’ di modestia e un po’ di gratitudine verso il Partito di Unità Nazionale, che è entrato nel governo senza chiedere nulla, così come verso quei segmenti della società israeliana che stanno sopportando gli oneri del paese.

Ma è difficile aspettarsi qualcosa da un governo il cui motto è “interessi speciali a scapito dell’interesse nazionale”. E questo spiega perché Gantz e il Partito di Unità Nazionale stanno facendo così bene nei sondaggi – 40 seggi della Knesset o più. Ciò riflette un’enorme sete pubblica di sanità mentale e preoccupazione per l’interesse nazionale – due cose che non esistono nel governo originario di Netanyahu.

Eppure la concessione di Gantz sul bilancio mostra che non lo considera molto importante, e che inoltre, sta già pensando al giorno dopo la guerra. Di conseguenza, vuole mantenere relazioni decenti con i partiti ultraortodossi. Aveva sperato che Smotrich avrebbe interpretato il cattivo poliziotto verso l’ultra-ortodosso, ma quando ciò non è successo, anche lui si è rifiutato di andare fino in fondo.

Gantz non può continuare ad essere un assente presente in questo governo per molto tempo. Da un lato, è un partner senior nelle decisioni più critiche sulla gestione della guerra, portando a casa gli ostaggi e le mosse diplomatiche. Ma d’altra parte, lui e i suoi colleghi dell’unità nazionale non hanno aree di cui sono direttamente responsabili, e non hanno in alcun modo ridotto i campi di responsabilità degli altri ministri.

Hanno permesso a Smotrich di causare ulteriori danni ai ministeri delle finanze e della difesa. E non hanno chiesto che i ministeri costosi e inutili siano aboliti.

Il loro status nel governo è quello degli ospiti a breve termine che non hanno nemmeno disfatto le valigie, tanto meno le foto appese alle pareti. Sono pronti ad andarsene in qualsiasi momento.

La situazione della sicurezza è complessa. Riprendere la guerra nella Striscia di Gaza ed espanderla nel sud di Gaza, dove la maggior parte della popolazione di Gaza è attualmente concentrata, porrà dilemmi più difficili rispetto alle operazioni nel nord di Gaza. Ciò significa che probabilmente non ci sarà un momento conveniente per Gantz per lasciare il governo nel prossimo futuro.

Di conseguenza, presto dovrà decidere se esercitare la sua influenza per prevenire danni anche in altre aree, o lasciare il governo e cercare di rovesciarlo. La sicurezza è importante, ma raggiungerla richiede anche altri sforzi”.

Liberazione degli ostaggi, il tempo sta per scadere

E’ il grido d’allarme di un editoria di Haaretz: “ Delle 240 persone prese in ostaggio da Hamas il 7 ottobre, 137 continuano ad essere tenute prigioniere dopo il cessate il fuoco umanitario di sette giorni che ha permesso ad alcune di loro di essere riportate a casa. Per quelle 137 persone e le loro famiglie la tragedia del 7 ottobre non è ancora finita. Lo Stato di Israele deve fare tutto ciò che è in suo potere per riportarli tutti a casa. Da quando sono ripresi i combattimenti, le famiglie degli ostaggi hanno cercato di incontrare il gabinetto di guerra, ma senza successo. Di conseguenza, i loro leader hanno tenuto una conferenza stampa lunedì in cui hanno accusato i membri del gabinetto di guerra di rifiutarsi di parlare con loro dei futuri negoziati per liberare i loro cari e hanno minacciato di intensificare le proteste contro il governo. “L’abbandono è umiliante”, ha detto Yael Adar, la madre del 38enne Tamir Adar, che è stato rapito dal Kibbutz Nir Oz, “Se non ci incontreranno, ci siederemo all’ingresso del Kirya [sede della difesa] fino a quando non lo faranno”. La rabbia e la frustrazione vissute dalle famiglie degli ostaggi sono giustificate, anche se la fine del cessate il fuoco è stato dovuto alla violazione dei suoi termini da parte di Hamas e alla sua insistenza nel rilasciare uomini anziani prima delle donne. Le famiglie capiscono perfettamente che la ripresa dei combattimenti quando i loro cari rimangono a Gaza aumenta il rischio per la loro vita. Le testimonianze degli ostaggi che sono stati liberati confermano questi timori, incluso il rischio dovuto al bombardamento da parte delle forze di difesa israeliane.

Leggi anche:  Netanyahu conferma il prossimo attacco a Rafah: "Così ci sarà la vittoria finale su Hamas"

Nessuno in Israele è indifferente alla vita degli ostaggi. Tuttavia, il loro rilascio è diventato solo una priorità nazionale e un obiettivo di guerra centrale a causa della pressione pubblica. Se le famiglie hanno imparato qualcosa da quell’amara esperienza, è che non possono fare affidamento esclusivamente sull’empatia. In effetti, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha dimostrato ancora una volta di capire solo il potere.

In primo luogo, il suo ufficio ha annunciato che avrebbe preso in considerazione la possibilità di anticipare un incontro con le famiglie previsto per mercoledì. Più tardi, ha annunciato che la riunione si sarebbe tenuta lunedì e infine che si sarebbe svolta martedì.

Il gabinetto di guerra dovrebbe promettere alle famiglie e a tutti gli israeliani che il ritorno degli ostaggi rimane la massima priorità del paese. Il rilascio della maggior parte delle donne e dei bambini è un risultato importante e una fonte di grande conforto per i loro cari e per tutti gli israeliani. Ma che sia sotto forma di dichiarazioni ufficiali o come conseguenza delle decisioni del gabinetto, Israele non può rinunciare a tutti i restanti rapiti, compresi i soldati.

Come ha detto Daniel Lifshitz, il nipote di Yocheved Lifshitz (che è stato rilasciato da Hamas) e Oded Lifshitz (che rimane in cattività), Israele deve “tornare immediatamente al tavolo dei negoziati”. Israele deve essere pronto a pagare qualunque prezzo per portare a casa i suoi figli e le sue figlie. Il tempo sta per scadere”.

Native

Articoli correlati