L'ultimo uomo al mondo che può de-radicalizzare Gaza è Netanyahu: ecco perché
Top

L'ultimo uomo al mondo che può de-radicalizzare Gaza è Netanyahu: ecco perché

L’ultima persona al mondo che potrebbe de-radicalizzare Gaza ha un nome e cognome, e un ruolo: Benjamin Netanyahu, Primo ministro d’Israele. Lo spiega una delle firme storiche di Haaretz: Zvi Bar’el

L'ultimo uomo al mondo che può de-radicalizzare Gaza è Netanyahu: ecco perché
Benjamin Netanyahu
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

3 Dicembre 2023 - 19.09


ATF

L’ultima persona al mondo che potrebbe de-radicalizzare Gaza ha un nome e cognome, e un ruolo: Benjamin Netanyahu, Primo ministro d’Israele. Al “potrebbe” bisognerebbe aggiungere anche “vorrebbe”. E magari togliere il condizionale. Perché l’esistenza in vita della minaccia di Hamas o di qualsiasi altro movimento integralista, è per il premier più longevo nella storia dello Stato d’Israele, un’assicurazione sulla vita politica, oggi fortemente messa in discussione per le sue responsabilità  nell’attacco più sanguinoso che Israele abbia mai conosciuto nella sua pur sofferta storia settantacinquennale.  Ecco perché dal suo entourage fanno filtrare, e a volte esplicitano chiaramente, che la campagna contro Hamas e la “de-nazificazione” della Striscia può durare un anno. Magari fino al novembre 2024, quando negli Stati Uniti si eleggerà il nuovo Presidente. E se a vincere, Dio non voglia, fosse Donald Trump, grande amico e sodale di Netanyahu, le cose si metterebbero al meglio per “Bibi”. 

L’ultimo a poter d-radicalizzare Gaza

A spiegarne i perché è, con la consueta chiarezza analitica, una delle firme storiche di Haaretz: Zvi Bar’el. 

Rimarca Bar’el: “Israele deve smilitarizzare Gaza e poi de-radicalizzare la sua popolazione, come hanno fatto gli Alleati nella Germania nazista, ha detto questa settimana Benjamin Netanyahu al canale televisivo tedesco di destra Die Welt. Altrimenti, ha chiesto, che senso ha eliminare Hamas? Netanyahu non ha detto perché solo Gaza dovrebbe essere smilitarizzata e non la Cisgiordania e, soprattutto, come intende smilitarizzare Gaza. Anche all’interno di Israele, non può raccogliere tutte le armi detenute dalle bande assassine. Ma la parte più affascinante della sua visione era la sua idea di de-radicalizzare la popolazione. Netanyahu sa fin troppo bene come radicalizzare le popolazioni. È un esperto di fama mondiale. La de-radicalizzazione, d’altra parte, potrebbe essere un’esperienza interessante per lui. Ma fino a quando non studia il materiale, potrebbe fare affidamento sugli esempi di leader con una certa esperienza in questo.

Ci sono ex Stati Uniti Il presidente George W. Bush, che ha dichiarato prima di scatenare una guerra contro l’Iraq nel 2003 che aveva due obiettivi: eliminare il terrore e sequestrare le armi di distruzione di massa presumibilmente possedute da Saddam Hussein. Un anno dopo, il segretario di Stato Colin Powell ha ammesso che le fonti dell’intelligence sulle presunte armi si erano rivelate false e imprecise e, in alcuni casi, deliberatamente fuorvianti.

In assenza di obiettivi concreti, Bush ha aggiunto un altro motivo per andare in guerra: l’istituzione di un nuovo regime in Iraq, che servirebbe da esempio drammatico e stimolante di libertà per altri paesi del Medio Oriente. L’amministrazione degli Stati Uniti ha persino stanziato un budget di 100 milioni di dollari per commercializzare i valori della democrazia e del liberalismo agli stati musulmani.

Nello stesso Iraq, è iniziata un’ondata di purghe, intesa a rimuovere qualsiasi membro del partito Ba’ath di Hussein dalla carica pubblica. I dipendenti pubblici, i giudici, i comandanti e i fanti, gli insegnanti, i docenti universitari e chiunque avesse fatto parte dell’apparato governativo hanno perso il lavoro. Tuttavia, l’occupazione americana ha avuto difficoltà a trovare sostituti. L’Iraq ha dovuto ricominciare da zero e, insieme alle sue nuove istituzioni di governo, è cresciuta una dura forma di radicalismo.

Leggi anche:  L'uomo più odiato da Netanyahu non sta in un tunnel di Gaza ma alla Casa Bianca

Al-Qaeda ha trovato terreno fertile nel paese occupato, con movimenti sciiti radicali che hanno sostituito i sunniti che erano stati rimossi dall’incarico e hanno promosso un’agenda anti-americana. La democrazia ha portato a una nuova forma di governo in Iraq, ma l’ha anche resa un paese sponsorizzato dall’Iran, che ora gestisce milizie armate nel paese che agiscono contro obiettivi statunitensi.

È stato solo lo scorso agosto, 20 anni dopo la rimozione di Saddam, che il governo iracheno ha deciso di introdurre corsi universitari obbligatori per gli studenti per conoscere i crimini del partito Ba’ath e del regime di Hussein. Non ci sono ancora corsi sulla radicalizzazione politica che si è sviluppata in Iraq. Ciò è in parte dovuto al fatto che ciò che viene percepito in Occidente come idee politiche radicali, come quelle detenute dal religioso sciita separatista Muqtada al-Sadr, sono considerate idee politiche legittime in Iraq.

Il presidente egiziano Abdel-Fattah al-Sisi non era soddisfatto della rimozione dei Fratelli Musulmani dal governo nel luglio 2013, quando ha deposto Mohammed Morsi, che era stato eletto nel primo voto libero tenutosi in Egitto da decenni. Da quando è stato eletto presidente nel 2014, Sisi ha promosso l’idea di un “nuovo discorso religioso”, il cui obiettivo, dice, è combattere il radicalismo religioso e le idee estremiste dei movimenti islamisti.

In una conferenza nazionale dei giovani tenutasi nel settembre 2019, Sissi ha detto che l’esegesi di alcuni testi coranici era imperfetta nel suo conservatorismo, non avendo sviluppato oltre 800 anni. Sosteneva che questa era la causa della diffusione di idee estreme e violenza religiosa. Con l’obiettivo dichiarato di cancellare il radicalismo religioso, ha costretto gli imam e i predicatori nelle moschee ad acquisire un permesso speciale del governo e coordinare i loro sermoni con il ministero governativo richiesto. Ha anche richiesto la registrazione di tutte le moschee “private”, che sono germogliate a migliaia nei quartieri e nei progetti abitativi comunali, presso gli uffici governativi.

Apparentemente, queste misure miravano a esercitare il controllo totale sulle moschee, oltre al controllo del sistema scolastico. Sisi sta conducendo una guerra totale contro i Fratelli Musulmani, ma non contro alcuni movimenti salafiti che spesso sposano interpretazioni religiose ancora più estreme e danno il loro sostegno politico al governo. Ha scoperto che la de-radicalizzazione religiosa istituzionale non garantisce il lancio di un nuovo discorso religioso liberale e progressista, e certamente non la lealtà al governo o la fine del terrorismo religioso. Il “nuovo discorso” è stato immediatamente interpretato come un tentativo del governo di prendere il controllo della religione e dettare la propria interpretazione per consolidare la sua legittimità pubblica.

Leggi anche:  Benjamin Netanyahu dice no al riconoscimento di uno stato palestinese

In generale, quando un regime oppressivo e autoritario – uno che viola sistematicamente i diritti umani e civili e vede le persone che chiedono la democratizzazione come pericolosi radicali che devono essere fermati – improvvisamente indossa un mantello liberale, anche qualcuno che si oppone risolutamente alle idee radicali non può accettare le argomentazioni del governo.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan sta conducendo una “guerra esistenziale nazionale” contro movimenti e organizzazioni che si oppongono a lui con il pretesto di una guerra contro il terrorismo e il radicalismo settoriale che minaccia l’integrità del paese. La sua campagna contro il Partito dei Lavoratori Curdi, alias Pkk, che la Turchia definisce un’organizzazione terroristica, è, come la campagna di Sissi contro i Fratelli Musulmani e altre organizzazioni islamiste estremiste, definita anche come una guerra al terrore.

Ma in contrasto con Sisi, Erdogan ha trasformato la sua campagna in una battaglia che sembra essere rivolta all’intera minoranza curda, non solo al Pkk. Non sono solo i politici curdi, compresi i membri del parlamento, che sono stati gettati in prigione, ma anche chiunque li sostenga, come giornalisti, scrittori e artisti che sostengono la loro lotta per l’uguaglianza e i diritti e un’adeguata rappresentanza politica. Spesso si trovano in tribunale, con alcuni di loro che finiscono in prigione.

Erdogan lo fa dal 2010, operando anche contro il movimento del predicatore religioso Fethullah Gulen. La Turchia la etichetta anche come un’organizzazione terroristica, anche se per anni è stata un alleato di Erdogan, aiutandolo a vincere diverse elezioni. Dopo il fallito colpo di stato militare nel luglio 2016, che Erdogan ha accusato Gulen di avviare e pianificare, è iniziata un’enorme caccia alle streghe contro chiunque fosse sospettato di appartenere o sostenere il movimento di Gulen, continuando fino ad oggi.

Come in Iraq, dove chiunque sia legato al regime di Ba’ath è stato rimosso, e in Egitto, che sta cercando di eliminare i Fratelli Musulmani, Erdogan ha rimosso migliaia di “sospetti” dal loro lavoro, tra cui giudici, docenti universitari, giornalisti, funzionari pubblici e, ovviamente, soldati e ufficiali.

Netanyahu sta tentando di unirsi alla campagna frustrante e spesso disperata condotta dai leader di Egitto, Turchia e Iraq, per nominare solo alcuni dei leader della regione, contro quello che definiscono radicalismo religioso o nazionale – o entrambi. Tuttavia, c’è un enorme divario tra le campagne di questi leader, da un lato, e la visione infondata di Bush e la fertile immaginazione di Netanyahu dall’altro.

Sia Bush che Netanyahu hanno alimentato il radicalismo locale e gli hanno concesso legittimità con la loro stessa presenza come occupanti. Le forze straniere, specialmente quelle percepite come nemiche, non possono rimuovere il radicalismo che è alimentato da una lotta nazionale. Qui sta il tentativo fallito di equiparare Hamas all’Isis, nonostante l’accurata comparazione  tra le atrocità commesse da entrambi i gruppi.

Anche l’Isis, che non è stato completamente cancellato, si è sforzato di stabilire uno stato basato sulla legge islamica nella sua interpretazione più estrema in tutta la regione araba e musulmana e oltre. Come tale, ha minacciato non solo i regimi locali e i cittadini dei loro paesi, ma anche i paesi non musulmani. Hamas, al contrario, è alimentato da una lotta nazionale in un luogo specifico contro un occupante definito. È vero che teoricamente, Hamas, come i Fratelli Musulmani e al-Qaeda e i mentori spirituali dell’Isis, abbraccia un sogno escatologico di uno stato musulmano senza confini in un’area il più ampia possibile.

Leggi anche:  Raid israeliano su Damasco: uccise due persone

Ma a differenza dell’Isis e di al-Qaeda, Hamas trae la sua legittimità dalla lotta contro l’occupazione. Non recluta i suoi seguaci con una chiamata a combattere l’intero Occidente o tutti gli infedeli, ovunque si trovino. Per Hamas, l’obiettivo di “unire i fronti” – diversi gruppi che cooperano per combattere Israele insieme – è un mezzo per combattere l’occupazione, non per stabilire una coalizione islamica internazionale contro i nemici dell’Islam.

Nella sua intervista a Welt, Netanyahu ha reiterato la narrazione della minaccia di Hamas come qualcosa che potrebbe portare il Medio Oriente, e poi il mondo intero, in un’era di barbarie e secoli di oscurità medievale. La Germania e il resto d’Europa sarebbero i prossimi, ha detto. Questa è un’enorme amplificazione di una minaccia che, secondo Netanyahu, costringe la mobilitazione della comunità internazionale, poiché la minaccia è globale. Tale descrizione della minaccia oscura la causa immediata di una lotta nazionale palestinese, dando alle atrocità di Hamas un contesto internazionale, apparentemente estraneo all’arena palestinese-israeliana.

La tesi di Netanyahu avrebbe potuto essere più persuasiva se avesse seriamente riconosciuto i movimenti nazionali palestinesi che si sforzavano di stabilire uno stato palestinese indipendente, in particolare l’Autorità Palestinese, che ha descritto come un’organizzazione terroristica. Riconoscere la legittimità delle aspirazioni palestinesi, come ha fatto nel suo discorso all’Università di Bar-Ilan nel 2009, gli avrebbe fornito la stampella definitiva con cui avrebbe potuto fare la distinzione che voleva. Avrebbe potuto distinguere Hamas, un’organizzazione radicale, religiosa e sovranazionale le cui azioni sono prive di contesti locali, dal legittimo movimento e establishment palestinese rappresentato dall’Autorità palestinese, che agisce in nome degli interessi locali in un modo che richiede che sia negoziato.

Quando Netanyahu parla di una de-radicalizzazione di Gaza, non dice chi la effettuerà. Sarà Israele a governare Gaza fino a quando non cancellera qualsiasi ricordo, qualunque traccia,  non solo delle armi e dei soldati di Yahya Sinwar, ma delle radici ideologiche di Hamas, secondo il modello fallito proposto per l’Iraq da Bush? Forse si aspetta che un’altra organizzazione palestinese intraprenda una campagna per rieducare i palestinesi a Gaza sotto la guida e il monitoraggio di Israele. In ogni caso, certamente non convincerà nemmeno le sue controparti nella lotta contro la radicalizzazione nei loro paesi, come Erdogan e Sisi, che la sua lotta è la stessa della loro”.

Native

Articoli correlati