Israele, il racconto dell'ostaggio: "Chiusi in una stanza soffocante, avevamo fame"
Top

Israele, il racconto dell'ostaggio: "Chiusi in una stanza soffocante, avevamo fame"

In un'intervista alla televisione israeliana Channel 13 ha raccontato di essere stata inizialmente nutrita bene durante la prigionia, fino a quando le condizioni sono peggiorate e le persone hanno iniziato a soffrire la fame

Israele, il racconto dell'ostaggio: "Chiusi in una stanza soffocante, avevamo fame"
Ruth Mundee, ostaggio israeliana di Hamas
Preroll

globalist Modifica articolo

28 Novembre 2023 - 09.37


ATF

Una storia drammatica, anche se a lieto fine.  Ruth Munder, 78 anni, è una tra gli ostaggi che sono recentemente stati rilasciati da Hamas. I

In un’intervista alla televisione israeliana Channel 13 ha raccontato di essere stata inizialmente nutrita bene durante la prigionia, fino a quando le condizioni sono peggiorate e le persone hanno iniziato a soffrire la fame. È stata tenuta in una stanza «soffocante» e ha dormito su sedie di plastica con un lenzuolo per quasi 50 giorni.

Munder ha trascorso la maggior parte del tempo con la figlia Keren e il nipote Ohad Munder-Zichri, che ha festeggiato il suo nono compleanno mentre erano ancora nelle mani di Hamas. All’inizio hanno mangiato «pollo con riso, ogni tipo di cibo in scatola e formaggio», ha raccontato Munder a Channel 13, «stavamo bene».

La mattina e la sera veniva dato loro del tè e i bambini ricevevano dei dolci. Ma il menu è cambiato quando «la situazione economica è peggiorata e la gente aveva fame», probabilmente a seguito dell’assedio imposto da Israele sulla Striscia di Gaza.

Leggi anche:  L'accusa di Olmert: Israele è in mano ad una banda di "pogromisti"

 Munder è stata rapita il 7 ottobre dalla sua casa di Nir Oz, un kibbutz nel sud di Israele. Anche suo marito Avraham, 78 anni, è stato preso in ostaggio e rimane nelle mani di Hamas. Loro figlio è stato ucciso nell’attacco.

La donna, liberata venerdì, è tornata dalla prigionia in buone condizioni fisiche. Dei giorni come ostaggio ricorda che i ragazzi rimanevano svegli fino a tardi a chiacchierare, mentre qualche ragazza piangeva. Alcuni di loro dormivano sul pavimento. Ha raccontato che si svegliava tardi per far passare il tempo. La stanza in cui era tenuta era «soffocante» e alle prigioniere era impedito di aprire le tende, ma lei è riuscita ad aprire una finestra. «È stato molto difficile», ha ricordato.

 Dell’attacco del 7 ottobre la donna israeliana ricorda di essere stata fatta salire su un veicolo con la sua famiglia e di essere stata condotta a Gaza. Un militante ha steso su di loro una coperta che suo nipote aveva portato da casa, che secondo la Munder avrebbe dovuto impedire loro di vedere i militanti che li avevano rapiti. Durante la prigionia, la donna ha appreso da un miliziano che ascoltava la radio che suo figlio era stato ucciso.

Leggi anche:  Guerra a Gaza, c'è materiale per Fauda: quella vera non la 'romantica' fiction sui militari israeliani sotto copertura

Tuttavia, ha detto, ha mantenuto la speranza di essere liberata. «Ero ottimista», ha assicurato, «ho capito che se fossimo venuti qui, saremmo stati liberati».

Native

Articoli correlati