Proteste a Berlino contro le bombe su Gaza: 65 poliziotti feriti e 174 arresti
Top

Proteste a Berlino contro le bombe su Gaza: 65 poliziotti feriti e 174 arresti

Sessantacinque agenti di polizia sono rimasti feriti durante le proteste notturne a Berlino contro il bombardamento israeliano della Striscia di Gaza, hanno detto le autorità giovedì, mentre i manifestanti sfidavano il divieto di tali raduni.

Proteste a Berlino contro le bombe su Gaza:  65 poliziotti feriti e 174 arresti
Scontri in Germania per i bombardamenti su Gaza
Preroll

globalist Modifica articolo

19 Ottobre 2023 - 11.45


ATF

Sessantacinque agenti di polizia sono rimasti feriti durante le proteste notturne a Berlino contro il bombardamento israeliano della Striscia di Gaza, hanno detto le autorità giovedì, mentre i manifestanti sfidavano il divieto di tali raduni.

Gli agenti sono stati “feriti da pietre, liquidi infiammabili e atti di resistenza”, ha detto la polizia di Berlino sulla piattaforma di social media X, ex Twitter.

Un portavoce della polizia ha detto che sono state arrestate 174 persone, di cui 65 che saranno oggetto di indagini.

L’incontro era iniziato mercoledì sera a Neukoelln, un quartiere con una numerosa comunità araba.

Il quotidiano Bild ha riferito che su Telegram è stato lanciato un appello agli “uomini” affinché “trasformino Neukoelln in Gaza. Brucia tutto”.

Quando la polizia ha ordinato ai manifestanti di disperdersi, “sono stati posizionati bidoni della spazzatura e ostacoli nelle strade” e “sono stati lanciati sassi e articoli pirotecnici” contro di loro, spingendo la polizia a rispondere sparando con i cannoni ad acqua, hanno detto le autorità.

Leggi anche:  La Germania contro l'offensiva israeliana a Rafah: "Si rischia un disastro umanitario"

Da quando Israele ha iniziato i suoi incessanti bombardamenti su Gaza in risposta all’attacco mortale di Hamas il 7 ottobre, le proteste filo-palestinesi sono scoppiate nelle principali città tedesche nonostante i divieti diffusi.

Anche il numero di incidenti antisemiti è aumentato, con una sinagoga di Berlino colpita da bombe molotov mercoledì mattina.

Giovedì il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha esortato le autorità a prevenire manifestazioni che potrebbero degenerare in incitamento all’antisemitismo.

Le riunioni in cui “si gridano slogan antisemiti e si glorifica la morte di altri esseri umani” devono essere vietate, ha affermato Scholz.

Native

Articoli correlati