Il Vaticano si offre di mediare sugli ostaggi e chiede 'proporzionalità' agli israeliani
Top

Il Vaticano si offre di mediare sugli ostaggi e chiede 'proporzionalità' agli israeliani

Il Vaticano si è offerto di mediare tra Israele e i militanti di Hamas per il rilascio degli ostaggi a Gaza e per facilitare la pace, e ha affermato che qualsiasi risposta israeliana all’attacco “inumano” di Hamas deve rispettare la “proporzionalità”.

Il Vaticano si offre di mediare sugli ostaggi e chiede 'proporzionalità'  agli israeliani
Il cardinale Pietro Parolin
Preroll

globalist Modifica articolo

13 Ottobre 2023 - 16.23


ATF

Il Vaticano si è offerto di mediare tra Israele e i militanti di Hamas per il rilascio degli ostaggi a Gaza e per facilitare la pace, e ha affermato che qualsiasi risposta israeliana all’attacco “inumano” di Hamas deve rispettare la “proporzionalità”.

In un’intervista ai media vaticani che il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, ha affermato che la Santa Sede resta fermamente convinta che una soluzione a due Stati sia l’unico modo per garantire una pace duratura nella regione.

“Il rilascio degli ostaggi israeliani e la protezione delle vite innocenti a Gaza sono al centro del problema creato dall’attacco di Hamas e dalla risposta dell’esercito israeliano”, ha detto Parolin, che è il massimo diplomatico del papa.

«Loro sono al centro di tutte le nostre preoccupazioni: il papa e l’intera comunità internazionale. La Santa Sede è pronta, come sempre, a ogni mediazione necessaria”, ha affermato.

Parolin ha aggiunto: “È necessario ritrovare il senso della ragione, abbandonare la logica cieca dell’odio e rifiutare la violenza come soluzione. È diritto di chi viene aggredito difendersi, ma anche la legittima difesa deve rispettare il parametro della proporzionalità”.

Leggi anche:  Israele sfrutta l'attacco dell'Iran per cercare di uscire dall'isolamento: "Alleanza strategica contro Teheran"

L’ambasciata israeliana in Vaticano ha detto che Parolin ha fatto visita alla missione venerdì mattina per esprimere i suoi “profondi sentimenti di dolore e solidarietà” per gli attacchi.

Native

Articoli correlati