Netanyahu negli Usa: menzogne e il baratto tra pace con l'Arabia Saudita e democrazia
Top

Netanyahu negli Usa: menzogne e il baratto tra pace con l'Arabia Saudita e democrazia

Il viaggio di “Pinocchio Netanyahu” negli Stati Uniti. Una sequela di falsità messe a nudo da Ben Samuels, corrispondente da Washington di Haaretz.

Netanyahu negli Usa: menzogne e il baratto tra pace con l'Arabia Saudita e democrazia
Biden e Netanyahu
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

25 Settembre 2023 - 18.15


ATF

Il viaggio di “Pinocchio Netanyahu” negli Stati Uniti. Una sequela di falsità messe a nudo da Ben Samuels, corrispondente da Washington di Haaretz.

Il “Pinocchio di Gerusalemme”.

“Il viaggio di cinque giorni del Primo Ministro Benjamin Netanyahu negli Stati Uniti  – scrive Samuels – ha suscitato proteste senza precedenti da parte di israeliani ed ebrei americani, che lo hanno perseguitato dal momento in cui è atterrato in California a quello in cui è ripartito da New York.

Nel frastuono si è quasi perso il fatto che Netanyahu ha sfruttato il suo viaggio per diffondere falsità, disinformazione e depistaggio sulla revisione del sistema giudiziario prevista dalla sua coalizione di estrema destra, sul conflitto con i palestinesi e sull’imminenza di un accordo con l’Arabia Saudita.

I sei punti che seguono sono solo un esempio della più evidente manipolazione dei fatti da parte di Netanyahu:

L’Iran

Quando la carriera politica di Netanyahu giungerà al termine, la comunità internazionale lo ricorderà soprattutto per i suoi discorsi spavaldi all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite contro l’Iran. Quest’anno ha dichiarato che “l’aggressione del regime è in gran parte accolta con indifferenza dalla comunità internazionale”. “Otto anni fa, le potenze occidentali avevano promesso che se l’Iran avesse violato l’accordo sul nucleare, le sanzioni sarebbero state revocate. L’Iran sta violando l’accordo, ma le sanzioni non sono state revocate. Per fermare le ambizioni nucleari dell’Iran, questa politica deve cambiare”, ha aggiunto.

Netanyahu, infatti, è stato il più accanito critico del Jcpoa, in particolare ha esercitato senza successo pressioni sul Congresso contro di esso prima di contribuire a incoraggiare l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump a ritirarsi unilateralmente dall’accordo.

Mappa della Grande Israele

Durante il suo discorso all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il primo ministro israeliano ha presentato il cosiddetto Nuovo Medio Oriente con una mappa che illustra la sovranità territoriale di Israele sulla Cisgiordania e su Gaza.

La mappa non solo invia un chiaro messaggio sugli obiettivi annessionistici e sulla visione del mondo della sua coalizione, ma rappresenta un indubbio grattacapo sia per l’Arabia Saudita che per gli Stati Uniti, che hanno insistito pubblicamente e privatamente sul fatto che qualsiasi potenziale accordo di normalizzazione deve includere una componente palestinese significativa.

“Alla fine, decido io”

Ciò indica un problema con cui Netanyahu dovrà confrontarsi in patria: i suoi partner di coalizione di estrema destra hanno già giurato di non appoggiare alcun accordo che includa concessioni ai palestinesi, rendendo potenzialmente un accordo morto all’arrivo.

Netanyahu, tuttavia, ha dichiarato a Kaitlan Collins della Cnn che le loro promesse sono solo spacconate. “Parlano e parlano, è quello che fanno i politici” ha detto Netanyahu, sottolineando che al momento della verità, la domanda determinante è se lui stesso accetterà l’accordo. “Non credo che la gente capisca come funziona il nostro sistema. I miei partner di coalizione si sono uniti a me, io non mi sono unito a loro”.

Di fatto, però, la ripetuta insistenza di Netanyahu sul fatto che le sue proverbiali mani sono sul volante è stata ripetutamente smentita negli ultimi nove mesi, con lui che è di fatto ostaggio dei capricci dei suoi partner di coalizione.

Equilibrio dei poteri

Questo schema di menzogne sullo stato della composizione politica interna di Israele si estende alle sue menzogne sulla Corte Suprema e sulla revisione giudiziaria, dove ha fatto un’arte di manipolare i fatti relativi all’equilibrio dei poteri all’interno del governo israeliano come presunta giustificazione per l’assalto.

Leggi anche:  Israele: quando i gangster si travestono da vittime

“In Israele, l’equilibrio è stato modificato negli ultimi 25 anni e la Corte si è arrogata sistematicamente la maggior parte dei poteri dei rami esecutivo e legislativo”, ha dichiarato a Brett Baier di Fox News, ripetendo affermazioni simili a quelle fatte a Elon Musk.

In realtà, la Corte Suprema si occupa principalmente di appelli e petizioni e non approva né promulga leggi.

Selezione dei giudici

Netanyahu ha inoltre affermato a Baier che la questione principale presente nel dibattito sulla cosiddetta “riforma giudiziaria” riguarda la selezione dei giudici della Corte Suprema.

“In America, e nella maggior parte delle democrazie, i funzionari eletti e i politici scelgono i giudici in un sistema o nell’altro. In Israele, i manifestanti pensano che questa sarebbe la fine della democrazia”, ha detto Netanyahu.

“Quello che è comune a tutte le democrazie – che si bilancia il potere della Corte Suprema scegliendo i giudici – in Israele dicono che i politici non dovrebbero farlo”, ha aggiunto.

In effetti, quattro dei nove membri della commissione incaricata di nominare i giudici sono politici e il movimento pro-democrazia punta a mantenere lo status quo invariato.

Legge elettorale

Netanyahu ha ulteriormente esagerato i poteri della Corte Suprema quando Baier ha sollevato la questione della possibilità che la Knesset approvi una legge che stabilisce che le elezioni si tengano solo ogni 10 anni. Ha risposto: “E se la Corte Suprema decidesse che non ci saranno elezioni per 10 anni?”.

Netanyahu sa bene – conclude Samuels – che la Corte Suprema non promulga leggi di questo tipo, che richiedono la legislazione della Knesset”.

Pace in cambio di democrazia

Annota Alon Pinkas, già diplomatico e firma autorevole di Haaretz, che ha seguito Netanyahu nella sua cinque giorni americana: : “Pace con l’Arabia Saudita in cambio di democrazia. Questa è la scelta a cui Benjamin Netanyahu riduce Israele. Tutto il resto sono solo dettagli.

Gli israeliani e gli americani stanno iniziando a rendersene conto, sicuramente se hanno assistito alle manipolazioni e alle giravolte di Netanyahu nel suo discorso all’Onu e in due interviste americane su Cnn e Fox News.

Ma come vedono i membri del Congresso gli ultimi nove mesi tumultuosi in Israele? Comprendono la natura formativa del movimento di protesta? Per rispondere a queste e altre domande, un gruppo di quattro di noi si è recato a Washington e ha incontrato otto senatori americani e 18 membri della Camera dei Rappresentanti, oltre a due think tank e diversi comitati editoriali di media.

Tra l’imminente minaccia di chiusura del governo federale e la visita del presidente ucraino Volodymyr Zelensky a Washington, tutti hanno trovato il tempo e la pazienza per ascoltare e fare domande serie su Israele. Erano tutti democratici, molti dei quali li conosco da anni, ma non avrei mai pensato di parlare con loro del pericolo chiaro e presente per la democrazia israeliana. Purtroppo i repubblicani si sono sentiti a disagio, anche se ho avuto un incontro ravvicinato con George Santos in Campidoglio.

Ci sono molti membri del Congresso degli Stati Uniti che sostengono profondamente il movimento di resistenza pro-democrazia in Israele e seguono con ansia il tentativo di Netanyahu di fare un colpo di stato costituzionale. Tuttavia, chi l’avrebbe mai detto, negli Stati Uniti ci sono altre cose all’ordine del giorno e molti di questi membri non seguono necessariamente gli eventi in corso in Israele abbastanza da vicino da comprendere appieno l’entità e la gravità di questa crisi o il fatto che si tratta di un punto di svolta nella storia di Israele.

Leggi anche:  Il senatore democratico Schatz diserterà il discorso di Netanyahu al Congresso

Molti membri del Congresso si sono già fatti un’opinione sull’accordo tripartito USA-Saudita-Israele. Alcuni sono molto scettici, altri intuitivamente favorevoli. In teoria, si tratta di un accordo bellissimo e vantaggioso per tutti. In pratica, ha un costo esorbitante per gli Stati Uniti e probabilmente non trasforma il Medio Oriente.

Dubbi sul nucleare

La maggior parte dello scetticismo e dell’opposizione iniziale sentita al Congresso e nel mondo della politica estera di Washington ruota intorno alla dimensione bilaterale USA-Saudita: un patto di difesa completo, decine di miliardi di dollari di vendite di armi avanzate (che piacciono alle grandi aziende statunitensi della difesa), un patto completo di garanzie reciproche che includono un “Articolo 5” simile a quello della Nato, che significa “Sicurezza collettiva” e, per finire, un reattore nucleare.

Naturalmente non si tratta di armi nucleari, spiegano gli accoliti di Netanyahu. Ma ovviamente si tratta di armi nucleari, se l’Iran diventerà nucleare, ha detto il principe ereditario Muhammad Bin Salman un giorno dopo. Questo, per i membri del Congresso esperti di politica estera, contraddice nettamente il tentativo decennale dell’America di contenere la proliferazione nucleare.

Ma quando Israele viene inserito in un possibile accordo tra Stati Uniti e Arabia Saudita, quei membri del Congresso fanno un ovvio collegamento: Un potenziale accordo trilaterale con l’Arabia Saudita consentirebbe a Netanyahu di continuare a perseguire selvaggiamente la sua legislazione di cambiamento del regime, che svuota la democrazia di Israele. Inoltre, la retorica di Netanyahu sull’Iran e la dichiarazione di MBS sulle armi nucleari “Se l’Iran le ottiene” è una ricetta per un eventuale coinvolgimento americano in un conflitto, mi hanno detto i membri del Congresso.

I membri del Congresso sono interessati a capire come gli israeliani vedono il legame tra l’assalto alla democrazia e l’accordo con l’Arabia Saudita e vogliono comprendere meglio il quadro generale. Vogliono sapere qual è la linea che unisce i puntini della crisi costituzionale e democratica di Israele, le minacce che essa pone alla sicurezza nazionale di Israele, il tributo che sta avendo sulla società israeliana e sulla sua coesione, le tre incriminazioni di Netanyahu e il processo in corso, le tendenze annessionistiche de-facto del suo governo e le politiche in Cisgiordania. Vogliono anche sapere come sta cercando di presentare l’accordo con l’Arabia Saudita, evitando in modo inelegante la questione del reattore nucleare saudita e dell’arricchimento dell’uranio in loco che l’Arabia Saudita sta chiedendo agli Stati Uniti, e come tutto ciò si collega alle tensioni che egli esercita sulle relazioni tra Stati Uniti e Israele.

In particolare, si tratta di una ritirata deliberata e senza mezzi termini di Netanyahu dai “valori condivisi”, il fulcro di questa relazione.

Soprattutto, volevano essere rassicurati sul fatto che Israele sarebbe rimasto un alleato degli Stati Uniti. Dopo decenni di adesione e promulgazione del credo dell'”Alleanza incrollabile”, sono visibili in modo allarmante evidenti crepe. In linea di massima, questi membri del Congresso comprendono visceralmente e cerebralmente che “Israele” e “Netanyahu” non sono la stessa entità, per parafrasare Luigi XIV.

Leggi anche:  Attacco con droni a Tel Aviv: un morto, due feriti e gli Houthi rivendicano l'azione

Alcuni erano molto interessati alla composizione e alle dinamiche del movimento di protesta pro-democrazia, di cui nessuna democrazia ha mai visto l’esistenza. Si sono chiesti come fa un movimento diffuso e amorfo a rimanere resistente e duraturo. Erano incuriositi da come funziona, da come riesce a far scendere in strada centinaia di migliaia di persone per 38 settimane consecutive, l’equivalente di oltre 10 milioni di americani settimana dopo settimana.

Altri erano più interessati agli aspetti costituzionali del colpo di stato di Netanyahu e al modo in cui avrebbe alterato la democrazia israeliana e l’avrebbe fatta retrocedere verso l’autoritarismo. Hanno posto domande pregnanti sul tentativo di abolire di fatto il controllo giudiziario, sull’indebolimento politico della Corte Suprema dettato dalla vendetta, sull’offuscamento dei confini tra i tre rami del governo, sull’intenzionale e astuto indebolimento dei controlli e degli equilibri e delle barriere giudiziarie e burocratiche.

Una connessione inevitabile

Per molti di loro, questi sono gli stessi elementi che hanno finito per salvare l’America nel 2020-2021. I paragoni con l’Ungheria, la Turchia e la Polonia sono stati ben accetti come illustrazione del fenomeno più ampio che minaccia le democrazie di tutto il mondo. Ma per i membri del Congresso non erano davvero necessari, visto che ci siamo incontrati nel luogo esatto in cui il 6 gennaio 2021 si è svolta un’insurrezione trumpista che ha cercato di rovesciare le elezioni.

Sembrano sinceramente colpiti dalla spinta popolare in Israele, ma esitano a farsi coinvolgere in quella che definiscono opportunamente “una questione e una crisi interna”. Nessuno vi chiede di intervenire, abbiamo detto. Spetta a noi. In realtà, il Presidente Biden ha fatto più di quanto si potesse immaginare e lo ha fatto perché ci tiene. Se ti interessa, fai lo stesso. Parla senza intrometterti. Gli amici non lasciano che gli amici guidino ubriachi.

Altri volevano risposte oneste sulla questione palestinese nel contesto dell’accordo e hanno fatto il collegamento logico e inevitabile tra l’indebolimento della Corte Suprema di Israele e l’annessione. “Supponiamo che sia gli Stati Uniti che l’Arabia Saudita credano a Netanyahu, cosa che personalmente faccio fatica a credere che possa accadere, sicuramente per quanto riguarda il Presidente Biden”, ha detto un senatore, “cosa sta pensando (Netanyahu)? Che qualcuno qui si preoccupi davvero del fatto che sta portando ciecamente e sconsideratamente Israele in una realtà irreversibile di un solo Stato? Questo significa che o Israele cessa di essere una democrazia ebraica, che è ciò per cui vi state battendo e che io sostengo con tutto il cuore, o diventa uno stato di apartheid”.

Cosa ne pensa, Senatore, gli abbiamo chiesto. “Che non sarete più un alleato democratico degli Stati Uniti, ma solo un altro paese in conflitto in Medio Oriente”, ha risposto. Un suo collega ha osservato: “Il Presidente Biden ha fatto più di chiunque altro ed è intervenuto in un modo senza precedenti sia sul colpo di stato costituzionale che sulla questione palestinese. È ancora molto scettico sulla fattibilità e sull’efficacia dei costi di un accordo tra Stati Uniti e Arabia Saudita. Se Netanyahu non fornirà risposte e idee politiche reali e tangibili sulla questione palestinese, molti di noi non sosterranno il cosiddetto accordo”.

Native

Articoli correlati