Francia: repubblicani e Le Pen dicono no ad accogliere i migranti sbarcati a Lampedusa
Top

Francia: repubblicani e Le Pen dicono no ad accogliere i migranti sbarcati a Lampedusa

Reduce da Pontida dove ha partecipato al raduno xenofoboe reazionario con Salvini Le Pen ha subito voltato le spalle all'Italia

Francia: repubblicani e Le Pen dicono no ad accogliere i migranti sbarcati a Lampedusa
Preroll

globalist Modifica articolo

19 Settembre 2023 - 17.25


ATF

Tanti auguri dalla Francia e un salutone a Matteo Salvini che a Pontida è andato sul palco cob chi poi ko ha pugnalato alle spalle.

Repubblicani e Rassemblement National dicono `no´ alla redistribuzione europea dei migranti provenienti dall’isola italiana di Lampedusa che potrebbero chiedere asilo, come prevede la riforma che potrebbe essere adottata dall’UE.

«Non dobbiamo in nessun caso accoglierli e tanto meno distribuirli sul territorio europeo, sono totalmente contrario», ha dichiarato il presidente dei Repubblicani, Eric Ciotti a RTL. «Dobbiamo rimandarli indietro anziché distribuirli. Occorre una politica molto chiara dell’Unione europea per garantire che queste persone ritornino nel loro paese d’origine», ha aggiunto Ciotti, per il quale la Francia sta già affrontando «una forma di sopraffazione migratoria».

«Ho votato contro il patto sull’asilo e sull’immigrazione al Parlamento europeo, che in realtà è un patto di sommersione», ha aggiunto il presidente del Rassemblement National, Jordan Bardella su Europe1/CNews. Il patto «prevede di imporre agli Stati membri una distribuzione obbligatoria dei migranti nei nostri comuni. O si prende l’immigrazione con la sua quota di disgrazie, oppure si pagano multe molto costose all’Unione europea. Quindi questo non è possibile», ha insistito. «In occasione delle elezioni europee di giugno, sarò il candidato della Francia, che oggi non può più prendere parte in materia di immigrazione», ha aggiunto il capolista RN, che venerdì aveva chiesto a Emmanuel Macron di impegnarsi a non accogliere «un solo migrante» di Lampedusa.

Leggi anche:  AfD giustifica le Ss naziste e Marine Le Pen ha annunciato la rottura con i tedeschi

Oltre a un esame accelerato delle richieste di asilo di alcuni migranti alle frontiere dell’UE, il patto sull’asilo e l’immigrazione, su cui gli Stati membri e il Parlamento europeo potrebbero raggiungere un accordo prima delle elezioni europee, prevede un sistema di solidarietà tra gli Stati membri nell’accoglienza dei richiedenti asilo .

Gli Stati membri sarebbero tenuti ad accogliere un certo numero di richiedenti che arrivano in un paese dell’UE soggetto a pressione migratoria o, in mancanza di ciò, a versare a questo paese un contributo finanziario di circa 20.000 euro per ciascun richiedente asilo non ricollocato.

Native

Articoli correlati