Mosca convoca l'ambasciatore armeno e critica i 'passi ostili' di Erevan
Top

Mosca convoca l'ambasciatore armeno e critica i 'passi ostili' di Erevan

 La Russia ha convocato l'ambasciatore dell'Armenia per «passi non amichevoli», dopo che Erevan ha annunciato esercitazioni con l'esercito statunitense e dopo le crescenti critiche al ruolo di Mosca nello stallo del Nagorno-Karabakh.

Mosca convoca l'ambasciatore armeno e critica i 'passi ostili' di Erevan
Preroll

globalist Modifica articolo

9 Settembre 2023 - 00.27


ATF

 La Russia ha convocato l’ambasciatore dell’Armenia per «passi non amichevoli», dopo che Erevan ha annunciato esercitazioni con l’esercito statunitense e dopo le crescenti critiche al ruolo di Mosca nello stallo del Nagorno-Karabakh.

La mossa è arrivata mentre il Cremlino ha messo in guardia contro le esercitazioni con gli Stati Uniti e mentre le tensioni tra Armenia e Azerbaigian si sono intensificate sul Karabakh. Erevan, tradizionale alleato della Russia, ha sempre più criticato la missione di pace di Mosca. Il ministero degli Esteri russo ha dichiarato in un comunicato che «la leadership armena ha compiuto negli ultimi giorni una serie di passi ostili».

Tra questi, «le esercitazioni militari statunitensi in territorio armeno», il viaggio a Kiev della moglie del primo ministro armeno e l’adesione di Erevan alla Corte penale internazionale. Il ministero degli Esteri di Mosca ha dichiarato che l’inviato armeno è stato sottoposto a una «dura presentazione».

Nonostante la convocazione, il ministero degli Esteri ha sottolineato che la Russia e l’Armenia «rimangono alleate e tutti gli accordi sullo sviluppo del rafforzamento della partnership saranno rispettati». Mosca si è anche detta «preoccupata» per la detenzione di un blogger armeno della sua testata Sputnik, che Erevan ha poi dichiarato di aver rilasciato.

Leggi anche:  A Mosca l'opposizione si dà appuntamento il 2 marzo in memoria di Nemtsov e Navalny

La Russia ha inviato forze di pace in Karabakh come parte di un accordo mediato da Mosca per porre fine alla guerra del 2020 tra Armenia e Azerbaigian. Molti dei tradizionali alleati della Russia nell’ex spazio sovietico hanno messo in dubbio il ruolo di Mosca dopo l’offensiva su larga scala in Ucraina. (

Native

Articoli correlati