Fukushima, la Cina protesta e blocca l'importazione di pesce: "Egoisti e irresponsabili"
Top

Fukushima, la Cina protesta e blocca l'importazione di pesce: "Egoisti e irresponsabili"

Fukushima, Pechino protesta: "La Cina si oppone fermamente e condanna con veemenza. Ha ufficialmente protestato con il Giappone, chiedendogli di porre fine a questa azione riprovevole".

Fukushima, la Cina protesta e blocca l'importazione di pesce: "Egoisti e irresponsabili"
Preroll

globalist Modifica articolo

24 Agosto 2023 - 09.37


ATF

“L’oceano è il bene comune dell’umanità. Lo scarico forzato in mare dell’acqua contaminata della centrale nucleare di Fukushima è un’azione estremamente egoistica e irresponsabile che ignora l’interesse pubblico internazionale”. 

Lo ha dichiarato in un comunicato stampa un portavoce del Ministero degli Affari Esteri cinese, criticando la decisione di Tokyo di rilasciare nell’Oceano Pacifico le acque provenienti dalla centrale nucleare giapponese di Fukushima. “La Cina si oppone fermamente e condanna con veemenza. Ha ufficialmente protestato con il Giappone, chiedendogli di porre fine a questa azione riprovevole”, ha aggiunto Pechino.

“Il governo giapponese non ha dimostrato la legittimità di questi scarichi, né che siano innocui per l’ambiente marino e la salute umana. Ciò che sta facendo il Giappone è trasferire i rischi (legati a queste acque) al mondo intero e prolungare il dolore alle generazioni future”, ha detto.

La Cina ha anche annunciato la sospensione «totale» delle importazioni di prodotti ittici dal Giappone. La misura entrerà in vigore già oggi, ha affermato in una nota l’ufficio delle dogane cinese. La decisione, si legge nella nota, ha l’obiettivo di prevenire i rischi di contaminazione radioattiva derivanti dalle acque reflue nucleari e di garantire la sicurezza alimentare.

Leggi anche:  Pechino contro Londra: "Le accuse sul nostro sostegno militare alla Russia infondate e irresponsabili"

La sospensione delle importazioni riguarda «i frutti di mare e i prodotti acquatici» dal Giappone a causa del rilascio di acque trattate di Fukushima nell’oceano, nell’ambito di un’operazione destinata a durare secondo i piani illustrati più di trent’anni.

«Al fine di prevenire in modo completo i rischi per la sicurezza alimentare derivanti dalla contaminazione radioattiva causata dal rilascio in mare delle acque reflue nucleari di Fukushima, proteggere la salute dei consumatori cinesi e garantire la sicurezza degli alimenti provenienti dall’estero, l’Amministrazione generale delle Dogane ha deciso di sospendere completamente l’import di prodotti acquatici originari del Giappone» con effetto immediato, da oggi 24 agosto 2023, si legge nella nota. Il provvedimento, infine, include anche «gli animali acquatici commestibili»

Native

Articoli correlati