Cosi Netanyahu sta assassinando Israele
Top

Cosi Netanyahu sta assassinando Israele

Il racconto-analisi di una grande storica, Anna Foa, pubblicato da Gariwo. La foresta dei Giusti. 

Cosi Netanyahu sta assassinando Israele
Israele
Preroll

globalist Modifica articolo

25 Luglio 2023 - 19.44


ATF

“È sabato 22 luglio e mentre scrivo un lungo lunghissimo serpente di donne, uomini, bambini si snoda lungo la strada che da Tel Aviv porta a Gerusalemme per manifestare il loro sostegno alla democrazia e il loro rifiuto di un governo che sta cercando di distruggerla. Da trenta settimane, più della metà di un anno, gli israeliani scendono in piazza per manifestare. 

Tutti abbiamo visto le immagini dall’alto delle decine, centinaia di migliaia di persone che invadono pacificamente le strade per protestare, per bloccare le riforme di Netanyahu che darebbero un colpo mortale al sistema democratico in Israele. Laici e religiosi, uomini, donne, gay, docenti universitari in sciopero a tempo indeterminato contro il governo, riservisti, soldati, giudici, diplomatici: persone. 

Se Netanyahu vincerà, un governo composto da fanatici messianici, razzisti, fascisti dichiarati potrà fare quello che vorrà nel Paese, senza più il controllo della Corte Suprema. Saranno in pericolo in primo luogo com’è ovvio i diritti dei palestinesi, ma gli israeliani non si illudono, lo saranno quelli di tutte le minoranze, cattolici in primo luogo, e insieme quelli dei gay, e perfino delle donne, dell’altra metà del mondo. Mentre tutto questo succede, i fanatici assaltano i villaggi arabi in veri e propri pogrom, protetti – i fanatici beninteso – dalla polizia, con morti e feriti. E vanno avanti imperterriti, come gli zeloti all’epoca della guerra tra giudei e romani, per distruggere di nuovo il Paese.

Quello che sta succedendo, la straordinaria risposta dei dimostranti, è qualcosa di mai visto prima né in Israele né, mi azzarderei, nel resto del mondo. Le bandiere di Israele, che troppe volte avevamo visto solo sugli edifici governativi, sono ora in mano a decine di migliaia di dimostranti, quelli che il governo chiama terroristi e anarchici, e sono diventate il simbolo della democrazia. È qualcosa che apre il cuore e che fa pensare a tutti quanti sono là a dimostrare, a tutti quelli che dal resto del mondo li guardano, che c’è ancora speranza nel mondo e per gli ebrei. È un fatto che mi fa sentire felice ed orgogliosa di essere ebrea, un sentimento che negli ultimi anni era davvero difficile provare. 

In tutto questo, mentre gli ebrei americani e di molte altre parti del mondo si uniscono alla protesta di Israele, da noi poco si sa, poco si parla. Nei nostri media, innanzi tutto, ma ancor più nel mondo ebraico italiano, che dovrebbe sentire questa situazione come sua. Dove è finito l’amore per Israele degli ebrei italiani, serve solo a elogiare Netanyahu e i suoi ministri? Perché non si parla, non si discute, non si danno continuamente notizie? Di cosa abbiamo paura, di cui invece non hanno paura i nostri fratelli in Israele? Dove vedremo stasera la grande manifestazione contro il governo a Gerusalemme, solo sui social perché gli altri tacciono? Israele è in pericolo e noi non parliamo, questa è la nuda realtà!”.

Leggi anche:  Netanyahu invita Gantz a restare nel governo di coalizione israeliano varato dopo il 7 ottobre

E’ il racconto-analisi di una grande storica, Anna Foa, pubblicato da Gariwo. La foresta dei Giusti. 

Sta assassinando Israele

Così Rogel Alpher su Haaretz: “Verso la mezzanotte di sabato, mi è capitato di ascoltare l’intervista di Channel 12 al portavoce di Joe Biden, l’editorialista del New York Times Tom Friedman, nel podcast filmato da Yonit Levy e Jonathan Freedland. Friedman è stato chiaro: Biden non salverà Israele. Non presenterà a Netanyahu un ultimatum per cancellare la legge minacciando di bloccare gli aiuti militari a Israele. La guerra fredda è passata. Israele non è abbastanza importante dal punto di vista strategico. La cooperazione militare e di intelligence, più stretta che mai, continuerà. Ma se Israele vuole suicidarsi, gli Stati Uniti non lo ostacoleranno.


La conclusione di quanto detto da Friedman è che il movimento di protesta contro il regime golpista è stato lasciato solo nel mondo. Joe Biden non sarà il suo Deus ex Machina. Ciò significa che Benjamin Netanyahu aveva ragione nel ritenere che Biden gli avrebbe permesso di procedere senza ostacoli con il colpo di Stato e con l’annessione, a patto che Netanyahu fosse disposto a pagarne il prezzo. E lui è disposto.

È impossibile fermare un comportamento folle con mezzi razionali. Il problema nell’affrontare la follia è la sua tendenza ad assorbire le azioni dei suoi avversari che cercano di fermarla, ad appropriarsene e ad esserne potenziati. Il crollo delle Forze di Difesa Israeliane, la chiusura dell’economia – si è scoperto che queste azioni hanno solo incoraggiato Netanyahu a barricarsi ulteriormente all’interno della sua follia. E quello che Netanyahu sta facendo attualmente è follia. Non si tratta di una diagnosi clinica psichiatrica. È un’analisi della sua condotta come primo ministro che si assume la responsabilità del benessere del Paese.


Friedman si sbaglia su un punto importante: Israele non si sta suicidando, ma viene assassinato. Netanyahu sta assassinando Israele. O, per essere più precisi: Netanyahu sta assassinando l’Israele che Yitzhak Rabin simboleggiava. Perché lo sta facendo? Non c’è una spiegazione soddisfacente. Compresa la teoria secondo cui si tratta della sua sopravvivenza politica personale e del suo desiderio di non finire in prigione. “Amnistia o patria”, come la definisce il commentatore Amnon Abramovich. Concedere la grazia a Netanyahu e ottenere in cambio un Paese. Ma sembra esserci molto di più. Un nucleo aggiuntivo e inspiegabile di odio crudo, di pura furia, di nudo dispetto, di un desiderio manifesto di causare danni e dolore.

Leggi anche:  Israele, Gantz abbandona Netanyahu: ora il "re" è nudo


Netanyahu non ha iniziato ad assassinare Israele negli ultimi sei mesi. Ha iniziato nel periodo di Oslo come leader dell’opposizione, con azioni che hanno portato all’assassinio di Rabin, e non aveva ancora ricevuto un solo sigaro da Arnon Milchan. L’assassinio di Rabin è stato solo l’inizio del processo. Nel corso degli interminabili anni di governo dopo l’assassinio, sono state proposte molte teorie per spiegare cosa Netanyahu vuole veramente, dove sta portando il Paese, quale sarà la sua eredità e cosa immagina come suo coronamento. Il quadro sta finalmente diventando chiaro.


Molti israeliani, compresi gli alti funzionari della sicurezza che hanno lavorato sotto di lui, si chiedono dove sia finito il vero Netanyahu, quello che conoscevano. Ho una notizia per loro: questo è il vero Netanyahu. Hanno nostalgia del Netanyahu che era ancora in parte nascosto e presentava una facciata al mondo. Alcuni danno la colpa al figlio Yair. Ma Yair non è il primo ministro. È solo il suo alter ego, che esprime i veri desideri del primo ministro. Anche Yigal Amir era il suo alter ego.


Netanyahu vuole assassinare l’Israele che ha portato Rabin al potere e lo ha pianto. Perché? Perché. Vuole uccidere la possibilità che qui sorga un altro Rabin. Yigal Amir ha agito come un assassino solitario della democrazia, nato all’interno di un certo campo ideologico. Dopo l’assassinio, il fascismo israeliano è diventato molto più forte. Non ha più bisogno di un assassino solitario. Ora quell’assassino è il governo stesso. È lui ad assassinare la democrazia israeliana”.


La seconda guerra d’indipendenza

“I 64 membri della Knesset che lunedì hanno votato a favore della legge che cancella lo standard di ragionevolezza hanno inferto un duro colpo all’infrastruttura democratica dello Stato di Israele e hanno segnalato la direzione in cui intendono portare il Paese, ovvero la dittatura – avverte Haaretz in un drammatico editoriale – Lo hanno fatto in una Knesset vuota di legislatori dell’opposizione, come si addice a un gruppo imperioso che ha scelto di ignorare i milioni di cittadini che per settimane sono scesi in piazza per esprimere la loro preoccupazione per il cambiamento della struttura democratica di Israele.


Tutti questi 64 saranno ricordati per sempre come responsabili di aver distrutto lo Stato di diritto e di aver minato fatalmente la separazione dei poteri. Anche le forze moderate della coalizione, che hanno lavorato per raggiungere un compromesso con l’opposizione e ammorbidire i termini della legge, non potranno lavarsene le mani. Sono responsabili di questo giorno nero non meno degli architetti della legge – il ministro della Giustizia Yariv Levin e il presidente del Comitato per la Costituzione, il Diritto e la Giustizia Simcha Rothman.

Leggi anche:  Israele, Gantz abbandona Netanyahu: ora il "re" è nudo


Ma la colpa maggiore ricade su Benjamin Netanyahu. Il primo ministro più distruttivo della storia di Israele ha dimostrato ancora una volta di essere pronto a sacrificare la democrazia israeliana per la sua personale sopravvivenza politica. Netanyahu sta spaccando Israele in piccole parti usando il metodo del divide et impera. Incita e fomenta gli animi, disgrega, lacera il tessuto sociale, schiaccia lo Stato di diritto e indebolisce il sistema giudiziario – il tutto per sfuggire all’orrore del giudizio. Netanyahu si sta vendicando del sistema che ha deciso di processarlo e, nel frattempo, si sta vendicando dell’intero Paese.

Dopo l’approvazione della legge lunedì, Levin e il Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir hanno chiarito che questo è solo l’inizio. “Abbiamo compiuto il primo passo nell’importante processo storico di riforma del sistema giudiziario”, ha dichiarato Levin. Ben-Gvir ha promesso che “dobbiamo approvare il resto della riforma, in primo luogo la modifica della composizione del Comitato per le nomine giudiziarie e la modifica dei poteri dei consulenti legali del ministero”. Non c’è alcun dubbio sulle loro intenzioni. La modifica della struttura costituzionale di Israele mira a trasformare il Paese in uno Stato teocratico, bigotto, razzista e oscuro, in cui le donne, le persone LGBT, i cittadini arabi e altre minoranze saranno discriminate; un Paese che annetterà i territori occupati e stabilirà una regola ufficiale di apartheid.


Lunedì è stato un giorno triste e doloroso per tutti coloro che hanno a cuore la democrazia israeliana. Tuttavia, le ultime settimane hanno dimostrato che la battaglia non è persa; che il campo democratico, che negli ultimi anni sembrava aver perso la strada, si è consolidato ed è diventato una forza potente pronta a sacrificarsi per gli alti valori della democrazia, del liberalismo e dello Stato di diritto. I leader dell’opposizione se ne rendono perfettamente conto e per questo non hanno accettato un compromesso che equivale a un commercio di cavalli dei valori democratici.


Il campo democratico deve combattere fino alla vittoria. È stata una dolorosa sconfitta in battaglia sulla via della vittoria nella seconda guerra d’indipendenza di Israele”.

Una guerra contro un regime golpista.

Native

Articoli correlati