Medvedev definisce l'Ucraina uno stato terrorista da distruggere senza negoziare
Top

Medvedev definisce l'Ucraina uno stato terrorista da distruggere senza negoziare

Dmitry Medvedev, vicepresidente del Consiglio di Sicurezza russo, ha definito le azioni del regime ucraino come terrorismo, sottolineando che l'unico modo per contrastare i terroristi è distruggerli.

Medvedev definisce l'Ucraina uno stato terrorista da distruggere senza negoziare
Dmitry Medvedev
Preroll

globalist Modifica articolo

2 Giugno 2023 - 11.44


ATF

Dmitry Medvedev, vicepresidente del Consiglio di Sicurezza russo, ha definito le azioni del regime ucraino come terrorismo, sottolineando che l’unico modo per contrastare i terroristi è distruggerli.

“Questo è un atto di terrorismo, e non c’è altro modo per qualificarlo. Se si tratta di un atto di terrorismo, c’è solo un modo per rispondere. Nessun Paese può permettersi di negoziare con i terroristi, i terroristi devono essere distrutti”, ha detto Medvedev, commentando le azioni del regime ucraino. Sul suo account Telegram ha pubblicato un video che mostra la sua conversazione con i militari al campo di addestramento per armi combinate di Prudboy, nella regione di Volgograd.

“È chiaro a tutti che si è trattato di un attacco assolutamente terroristico, non è stata una battaglia militare, non è stata un’azione militare. Non rientra nemmeno nelle regole della guerra”, ha detto Medvedev. Si è chiesto quale scopo potesse avere un attacco del genere. “Per causare danni alla popolazione civile e solo per questo, perché quei mezzi di distruzione, quei droni che sono stati usati, non possono danneggiare né le strutture militari né gli edifici della pubblica amministrazione”, ha detto. “L’obiettivo era semplice: causare danni, danneggiare in qualche modo la popolazione civile”, ha ribadito Medvedev.

Leggi anche:  Medvedev chiede all'Ucraina di accettare la 'capitolazione' chiesta da Putin: "Poi sarà peggio"

“E il fatto che il nostro nemico si stia già comportando come un terrorista caratterizza in modo molto specifico sia il regime ucraino che coloro che lo sostengono – in primo luogo gli americani e gli europei, che, di fatto, si sono messi sul sentiero di guerra con noi”, ha sottolineato Medvedev. A suo avviso, “gli atti terroristici devono comportare la più dura ritorsione possibile”.

C’è solo da dire che di azioni ‘terroristiche’ la Russia di Putin ne ha fatte molte ma molte di più.

Native

Articoli correlati