L'ambasciatore russo a Londra: "Pronti a colloqui di pace con l'Ucraina a due condizioni..."
Top

L'ambasciatore russo a Londra: "Pronti a colloqui di pace con l'Ucraina a due condizioni..."

L'ambasciatore russo in Gran Bretagna Andrey Kelin chiede garanzie di sicurezza per la Russia e il rispetto dei diritti dei russi che vivono in Ucraina

L'ambasciatore russo a Londra: "Pronti a colloqui di pace con l'Ucraina a due condizioni..."
L'ambasciatore russo a Londra Andrei Kelin
Preroll

globalist Modifica articolo

28 Maggio 2023 - 15.29


ATF

Una dimenticanza? Strano. Ma per la prima volta un esponente russo non dice che i territori invasi devono restare alla Russia. Ma non dice nemmeno che saranno restituiti. Resta sul vago: “La Russia è pronta per i colloqui di pace con l’Ucraina ma non rinuncerà alle sue condizioni, ha detto domenica l’ambasciatore russo in Gran Bretagna Andrey Kelin.

“Vogliamo la pace, ma a determinate condizioni, ovviamente. Per noi, due cose sono importanti. Che non ci sarà alcuna minaccia dall’Ucraina alla Russia – questa è una cosa. E la seconda, che i russi in Ucraina saranno trattati come tutti gli altri nazioni del mondo. Come i francesi vengono trattati in Belgio, o come gli italiani e i tedeschi vengono trattati in Svizzera, non diversamente. Questa è una grave violazione della Dichiarazione dei diritti umani e di tutta la documentazione”, ha detto Kelin.

L’ambasciatore ha descritto gli sviluppi in Ucraina negli ultimi anni come “nazionalismo estremo”.

Secondo Kelin, l’attuale scopo militare della Russia è liberare il Donbass dall’occupazione (che secondo Mosca è fatta dall’Ucraina). Il diplomatico ha respinto il pensiero che l’Ucraina possa prevalere come “un grande errore idealistico”.

Leggi anche:  In Russia, s'allunga la lista nera di Putin: ricercata l'attrice Tatyana Lazareva contraria alla guerra

“Possiamo fare la pace domani, se la parte ucraina è disposta a negoziare, ma al momento non ci sono i presupposti per questo, temo, perché il presidente dell’Ucraina ha proibito qualsiasi trattativa”, ha affermato il diplomatico russo, aggiungendo di non credere che congelare semplicemente il conflitto sia una buona idea.

“Non costituirà una piattaforma per una pace stabile e a lungo termine in Europa”, ha spiegato Kelin. L’inviato ha ribadito che la dottrina nucleare russa non prevede l’uso di armi nucleari nel conflitto in Ucraina. Tuttavia, Kelin ha affermato di essere preoccupato per una continua escalation del conflitto in quanto ha fatto riferimento alle forniture di armi a Kiev attualmente in fase di aumento.

Native

Articoli correlati