Ucraina, Cina ambigua parla di pace ma anche di 'correttezza storica'
Top

Ucraina, Cina ambigua parla di pace ma anche di 'correttezza storica'

La crisi ucraina era "originariamente evitabile". L'ha detto oggi la portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning nella quotidiana conferenza stampa da Pechino.

Ucraina, Cina ambigua parla di pace ma anche di 'correttezza storica'
Preroll

globalist Modifica articolo

25 Maggio 2023 - 12.01


ATF

Una frase sibillina: sulla guerra in Ucraina Pechino parla di pace ma anche di ‘correttezza storica’. E siccome Putin dice che storicamente l’Ucraina è parte della Russia, allora siamo da capo a dodici.

La crisi ucraina era “originariamente evitabile”. L’ha detto oggi la portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning nella quotidiana conferenza stampa da Pechino.

Mao rispondeva a una domanda in cui si chiedevano dettagli sulle visite che il rappresentante cinese per gli affari euroasiatici, Li Hui, sta svolgendo in Europa per discutere del “position paper” presentato dalla Cina per la soluzione del conflitto.

“La crisi ucraina era originariamente una tragedia evitabile, e va detto che la lezione è stata dolorosa e degna di profonda riflessione per tutte le parti”, ha detto la portavoce cinese. “L’essenza della crisi ucraina – ha continuato – è una grande esplosione di contraddizioni nella gestione della sicurezza europea”.

Sulla crisi ucraina, ha detto ancora Mao Ning, la Cina “si è sempre schierata con fermezza dalla parte della pace, del dialogo e della correttezza storica, e si è sempre impegnata a promuovere il dialogo”. E’ inoltre “disposta a collaborare con la comunità internazionale per continuare a svolgere un ruolo costruttivo nella promozione della soluzione politica della crisi ucraina”.

Leggi anche:  La Cina replica Blinken e nega di aiutare la Russia nella guerra contro l'Ucraina
Native

Articoli correlati