Parlare di pace in Ucraina? La risposta del Cremlino
Top

Parlare di pace in Ucraina? La risposta del Cremlino

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto che è troppo presto per parlare di una soluzione pacifica del conflitto ucraino perché attualmente non ci sono prerequisiti per questo scenario

Parlare di pace in Ucraina? La risposta del Cremlino
Preroll

globalist Modifica articolo

24 Maggio 2023 - 11.42


ATF

La pace può aspettare: “È troppo presto per parlare di una soluzione pacifica del conflitto ucraino perché attualmente non ci sono prerequisiti per questo scenario”

Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov in un’intervista alla Tass.

Alla domanda su quale dei vari piani di riconciliazione, proposti da altri paesi, sarebbe preferibile per la Russia e se Mosca ha una sua variante, l’addetto stampa del Cremlino ha risposto: “È troppo presto per parlarne. Nessun prerequisito per un processo di pace sono ancora al loro posto, evidentemente.” “L’operazione militare speciale continua”, ha aggiunto.

Rispondendo alla domanda se il Cremlino fosse pronto a negoziare con qualcuno del governo in carica di Kiev, Peskov ha risposto: “Questo è quasi impossibile, perché qualsiasi negoziato con la Russia è proibito in Ucraina”. Lo scorso ottobre, il presidente ucraino Vladimir Zelensky ha emesso un decreto che vieta qualsiasi colloquio con Mosca affermando di non essere interessato a interagire con il suo omologo russo Vladimir Putin.

Leggi anche:  Il Cremlino: "Gli Stati Uniti sono nemici della Russia e noi nemici loro"
Native

Articoli correlati