Israele, il colpo di stato demografico
Top

Israele, il colpo di stato demografico

In attesa di portare a termine il “golpe giudiziario”, “Il governo Netanyahu sta creando uno Stato israeliano parallelo”.

Israele, il colpo di stato demografico
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

24 Maggio 2023 - 18.40


ATF

In attesa di portare a termine il “golpe giudiziario”, “Il governo Netanyahu sta creando uno Stato israeliano parallelo”.

Quello corsivato è il titolo dell’analisi di Zvi Bar’el, firma storica di Haaretz.

Lo Stato parallelo

Scrive Bar’el: “Improvvisamente le centinaia di migliaia di partecipanti alle proteste che hanno riempito le strade, bloccato le vie e lungo il percorso si sono riuniti in persone che non avrebbero mai sognato che i loro sabati sera sarebbero stati così, sono ora nel panico. Per cosa protesteremo questo sabato, si chiedono, come se la festa fosse finita prima del loro arrivo e la minaccia del colpo di Stato si fosse rivelata una nuvola in un giorno d’estate. Guardate quante persone sono venute a Kaplan Street a Tel Aviv sabato scorso, forse sarebbe stato meglio rimanere a casa per non metterci in imbarazzo, suggeriscono alcuni di loro. Ma davanti ai nostri occhi continua a svilupparsi un colpo di stato molto più mostruoso. Le sue fondamenta si basano sul cambiamento del volto della società israeliana attraverso la costruzione di una nuova demografia. Le sue radici velenose affondano nel bilancio che presenta due obiettivi disastrosi, ancora più pericolosi del rovesciamento del sistema legale: raddoppiare il numero dei coloni e alimentare la bulimia haredi. Il ministro delle Finanze e ministro della Difesa Bezalel Smotrich questo mese ha ordinato ai ministeri di prepararsi ad assorbire altri 500.000 coloni in Cisgiordania. Smotrich ha promesso che “mettere in bilancio questi passi non sarà un problema”. (Yaniv Kubovich, Haaretz, 5 maggio)
Visti i miliardi di shekel che il governo sta spargendo, l’impegno di Smotrich sembra avere una base solida. I finanziamenti per questo progetto verranno dalle tasche di coloro che creano il reddito di questo Paese – imprenditori, lavoratori dell’alta tecnologia e impiegati – e a spese dei poveri e dei diseredati, del sistema educativo, che già si colloca agli ultimi posti nei risultati occidentali, e del sistema sanitario al collasso.
Il risultato sarà che i coloni deterranno un potere politico enorme e molto più pericoloso di quello che già detengono. Se oggi possono dettare la divisione del budget, stabilire gli obiettivi di sicurezza e usare l’esercito come una forza di difesa privata, quando il loro potere sarà raddoppiato determineranno i contenuti del sistema educativo, detteranno la narrativa nazionale, svuoteranno le città incapaci di far fronte alla loro mancanza di fondi quando invece sulle colline della Cisgiordania vengono offerte alternative più valide, e trasformeranno Israele all’interno della Linea Verde nella loro stampante di denaro. Un ebreo su sette sarà un colono che si porta dietro un’ideologia razzista e colonialista, che obbligherà anche chi si trasferisce lì solo per motivi economici. Questa sarà solo una parte del colpo di stato demografico; l’altra è già radicata nelle istituzioni educative Haredi, dove si stanno sviluppando parassiti sfrenati, la maggior parte dei quali non riconosce nemmeno lo Stato di Israele. Secondo i dati dell’Israel Democracy Institute, oggi in Israele vivono circa 1,2 milioni di Haredim – circa il 13% della popolazione – più del doppio dei coloni. Se il piano di Smotrich verrà realizzato, circa il 25% della popolazione israeliana sarà costituito da Haredim e coloni – e non tra altri 20 anni, ma tra due o tre anni. Si tratta di due gruppi che vedono la società israeliana secolare e lo Stato di Israele all’interno della Linea Verde come una minaccia ideologica, o almeno come un errore storico che deve essere corretto – e il costo di questa correzione sarà ovviamente pagato da coloro che hanno causato il “danno”.
Queste due roccaforti distruttive non hanno davvero bisogno di un colpo di stato contro il sistema di governo. Il mezzo milione di coloni della Cisgiordania e l’oltre milione di Haredim andavano d’accordo con il “vecchio sistema”, compresa l’Alta Corte di Giustizia, che ha trasformato gli insediamenti in un’entità legale e non è mai riuscita a far rispettare la legge per l’arruolamento degli Haredim. Ora, dopo aver rubato il tesoro del governo, stanno galoppando verso la rivoluzione demografica che porterà a una società debilitata e limitata, fascista e ignorante.
Chi teme per il destino della società israeliana, chi teme l’abisso del messianismo verso cui si sta precipitando, la sacralizzazione dell’aria che respira, la creazione di uno Stato parallelo, uno Stato oscuro, chi teme l’invasione degli agenti della sua distruzione, non può e non ha il diritto morale di tormentarsi l’anima per ciò che protesteranno sabato. Questa non è più solo una battaglia sul carattere del regime, è una guerra di sopravvivenza.
Se il piano di Smotrich verrà realizzato, circa il 25% di Israele sarà costituito da Haredim e coloni – e non tra 20 anni, ma tra due o tre”.

Leggi anche:  Israele attacca la Corte penale internazionale e dice di non riconoscerne l'autorità

Così Bar’el

Quel ministro inquietante

Chi è lo svela Nehemia Shtrasler in una puntuta analisi sul quotidiano progressista di Tel Aviv.

Annota Shtrasler: “Questa sera, tra martedì e mercoledì, la Knesset approverà con ogni probabilità il bilancio 2023-2024. È un bilancio terribile, senza motori di crescita e senza nulla che affronti il costo della vita. È un bilancio di saccheggio. United Torah Judaism ha ricevuto all’ultimo minuto altri 250 milioni di shekel (68 milioni di dollari) per gli avrechim (studenti sposati della yeshiva), e questo dopo che la coalizione aveva già saccheggiato 14 miliardi di shekel dalle casse pubbliche.
È così che funziona quando non c’è un ministro delle Finanze. Bezalel Smotrich è un assente presente. È il ministro degli insediamenti, ma non delle finanze. E quando non c’è un ministro delle Finanze, non c’è nessuno che ponga dei limiti e sorvegli le casse. Ogni parlamentare saccheggia quanto può, e ogni partito svuota le casse in base alla sua forza.

Leggi anche:  Chef Rubio aggredito e massacrato sotto casa, denuncia: "Erano in sei, una squadraccia sionista"

Gli ultraortodossi non si accontentano più di mungere la mucca laica, vogliono farne bistecche. E Smotrich, invece di porre fine ai saccheggi, li incoraggia a continuare. Non ascolta gli avvertimenti degli esperti, né cerca di imparare. Ha la personalità di un ragazzino convinto di sapere tutto. Era da tempo che non avevamo un ministro delle Finanze così politico, che si occupava solo del proprio settore: coloni, hardalim (Haredim nazionalisti) e istruzione religiosa. È una situazione tipica di una dittatura, in cui i soldi delle tasse sono destinati a chi è vicino al governo. In Russia va agli oligarchi, amici del presidente Vladimir Putin, e qui va al capo dello United Torah Judaism Moshe Gafni, al ministro dell’Edilizia e degli Alloggi Yitzhak Goldknopf e ai coloni.
Se Smotrich fosse un vero ministro delle Finanze, si opporrebbe ai 7 miliardi di shekel che gli Haredim stanno ricevendo. Dopo tutto, è chiaro che aumentare il budget delle heder (scuole elementari ultraortodosse) che non insegnano il curriculum di base, raddoppiare il budget delle yeshivas e i finanziamenti per gli avrechim e dare loro “buoni pasto” incoraggerà il loro parassitismo e la loro pigrizia, e trasformerà Israele in un Paese religioso, impoverito e arretrato. Gli investitori non saranno attratti da un Paese così povero, che sta consapevolmente scegliendo il suicidio, la gente laica fuggirà e l’economia crollerà.
L’elenco dei fallimenti di Smotrich è lungo. Avrebbe dovuto intervenire nei negoziati e abbassare le somme sconsiderate stabilite nell’accordo di coalizione. Poi avrebbe dovuto tagliare la somma, come hanno fatto i precedenti ministri delle Finanze, ma Smotrich non ha fatto nulla. E non ha nemmeno delimitato il territorio. Avrebbe dovuto dire a Goldknopf, Gafni e al ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir: Potete chiedere tutto quello che volete, ma non ho intenzione di regalare soldi. Sono preoccupato per l’economia. Ma Smotrich si comporta come quei genitori che non pongono limiti ai propri figli per paura e per non capire il proprio ruolo, danneggiando così i propri figli e se stessi. Smotrich non sa nulla di gestione. Da un lato si vanta del basso deficit previsto nel bilancio, ma dall’altro dice che non è così terribile se le spese aumentano un po’ “perché c’è un po’ di spazio”. Questo è un classico errore di chi non capisce il proprio lavoro. Un ministro delle Finanze deve presentare un deficit conservativo, che tenga conto del calo previsto delle entrate, e insistere per non spostarsi da quel deficit. E se qualcuno chiede di più, deve condizionarlo a un taglio equivalente. Altrimenti le richieste aumenteranno senza limiti e il deficit crescerà fino a raggiungere proporzioni disastrose. Ecco dove ci sta portando Smotrich.
E non sa nulla di politica. Un ministro delle Finanze non può permettere al Primo Ministro di condurre negoziati di bilancio con gli Haredim alle sue spalle. Questo significa calpestare il suo territorio. Nel momento in cui tutti capiranno che un accordo può essere chiuso solo con Bibi, Smotrich diventerà la figura di un ministro. La caratteristica più pericolosa di Smotrich è quella di ignorare la realtà. Non ha prestato attenzione agli avvertimenti dei documenti presentati dai principali funzionari del Tesoro. Ha ignorato le parole dei direttori delle banche, ha preso in giro gli economisti di Moody’s e S&P, ha respinto le parole del governatore della Banca d’Israele e ora sta respingendo le parole di 250 economisti di alto livello, che lo hanno messo in guardia dai danni a lungo termine per l’economia. Questo è un ministro bizzarro che non funziona e che si pavoneggia con incomprensibile arroganza quando tutti gli indicatori puntano al fallimento. Stasera approverà un bilancio pessimo, che viola tutti i limiti della corruzione. È un bilancio di saccheggio che potrebbe passare solo in un Paese senza ministro delle Finanze”.
Così Shtrasler. Così sta marciano il colpo di stato demografico. L’Israele dei padri fondatori non esiste più. 

Native

Articoli correlati