L'Armenia contro Putin: "La presenza militare russa minaccia il nostro paese"
Top

L'Armenia contro Putin: "La presenza militare russa minaccia il nostro paese"

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha messo in dubbio la presenza militare della Russia in Armenia segno di una rottura all'orizzonte

L'Armenia contro Putin: "La presenza militare russa minaccia il nostro paese"
Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan
Preroll

globalist Modifica articolo

12 Gennaio 2023 - 12.51


ATF

Ora chissà se l’Armenia se la rischia: il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha messo in dubbio la presenza militare della Russia in Armenia ultimo segno di una crescente spaccatura tra Erevan e Mosca. Da un lato la guerra in Ucraina che ha riflessi negativi sugli alleati della Russia e dall’altro il fatto che l’Armenia ha giustificato insufficienti gli aiuti russi nella guerra del Nagorno-Karabah che ha visto l’Azerbaigian riconquistare parte dei territori contesi grazie all’abito militare turco.

Insomma l’Armenia teme che nei rapporti ambigui e spartitori tra Putin ed Erdogan in Siria e Libia l’Armenia possa essere stata considerata una pedina sacrificabile dal Cremlino.

Durante la sua prima conferenza stampa di persona dalla guerra dell’Artsakh (Nagorno-Karabah, ndr) del 2020, Pashinyan ha affermato che l’Azerbaigian giustifica la sua aggressione contro gli armeni, compreso il blocco in corso dell’Artsakh, indicando le strette relazioni dell’Armenia con la Russia. L’Azerbaigian ha avvertito i suoi partner occidentali che l’Armenia e la Russia potrebbero lanciare congiuntamente un’aggressione militare contro l’Azerbaigian, secondo Pashinyan.

Il primo ministro ha definito queste affermazioni “assurde”, ma ha affermato che potrebbero essere considerate credibili in Occidente occidentali alla luce della guerra in corso in Ucraina e dell’aggressione russa a Kiev.

Richiamiamo l’attenzione dei nostri partner russi su questo fatto, notando che la loro mancanza di risposta significa che la presenza militare della Russia in Armenia non solo non garantisce la sicurezza dell’Armenia ma, al contrario, crea minacce alla sicurezza dell’Armenia”, ha detto Pashinyan. 

Leggi anche:  L'attacco russo all'ospedale pediatrico di Kiev fa capire che sono pronti a fare ciò che hanno fatto in Cecenia

Il primo ministro armeno ha criticato la forza di pace russa in Artsakh per non aver posto fine al blocco. Ha definito la missione un “testimone silenzioso dello spopolamento della regione del Nagorno-Karabakh, che sta diventando sempre più visibile”.  

Durante il briefing del 10 gennaio, Pashinyan ha anche criticato l’inazione dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva in risposta all’aggressione azera. Ha dichiarato che l’Armenia non ospiterà le esercitazioni militari del CSTO nel 2023, nonostante l’annuncio contrario fatto dalla Russia una settimana prima.

Il ministero della Difesa russo aveva annunciato che quest’anno la CSTO, un blocco militare a guida russa, avrebbe tenuto il suo addestramento annuale per il mantenimento della pace in Armenia. Pashinyan ha affermato che l’Armenia aveva informato lo staff congiunto della CSTO di aver rifiutato le esercitazioni.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che la Russia non era stata informata della decisione dell’Armenia prima della conferenza stampa di Pashinyan.

“In ogni caso, l’Armenia è un nostro alleato molto stretto e continueremo il dialogo, comprese le questioni che sono molto complicate al momento”, ha detto Peskov ai media russi.

Leggi anche:  Russia e Cina reagiscono duramente dopo la dichiarazione dei leader riuniti a Washington

Pashinyan ha affermato che condurre le esercitazioni in Armenia sarebbe “inappropriato”. Ha criticato la CSTO per non aver fornito assistenza militare all’Armenia.

“Chiediamo che specifichino la zona di responsabilità della CSTO”, ha detto Pashinyan. “L’assenza della loro risposta rappresenta per noi un problema fondamentale”.

L’articolo 4 della carta CSTO stabilisce che un attacco a un membro sarà trattato come un attacco a tutti. L’Armenia ha fatto appello alla CSTO in seguito agli attacchi al confine dell’Azerbaigian a settembre. A novembre, la CSTO ha offerto quelle che il segretario generale Stanislav Zas ha definito “misure per assistere l’Armenia in questa difficile situazione”. 

Pashinyan ha rifiutato l’offerta poiché non includeva una dichiarazione esplicita di condanna dell’aggressione azera. Zas in seguito ha affermato che le misure includevano “assistenza tecnico-militare”, senza specificare cosa ciò comportasse.

L’Artsakh (il Nagorgno-Kharabajh) è sotto blocco da parte dell’Azerbaigian dal 12 dicembre. Manifestanti azeri sponsorizzati dal governo che si spacciano per attivisti ambientalisti hanno chiuso il Corridoio Lachin, l’unica via che collega l’Artsakh con l’Armenia e il mondo esterno. Artsakh ora affronta una crisi umanitaria a causa della grave carenza di cibo, medicine e altri beni di prima necessità.

Leggi anche:  Gli 007 russi dicono di aver sventato un attacco alla loro portaerei Admiral Kuznetsov

Il Corridoio Lachin viene normalmente utilizzato per trasportare ogni giorno 400 tonnellate di cibo e medicinali dall’Armenia all’Artsakh. Il governo ha attinto alle sue riserve alimentari strategiche da quando i negozi di alimentari hanno finito il cibo. Secondo il governo dell’Artsakh, il blocco ha impedito il trasferimento di 12.000 tonnellate di beni di prima necessità nell’Artsakh.

Le autorità dell’Artsakh hanno istituito un sistema di razionamento alimentare per preservare le scorte alimentari. Le famiglie riceveranno buoni per l’acquisto di quantità limitate di cibo dalle riserve statali. A partire dal 20 gennaio i residenti potranno acquistare un chilogrammo di pasta, grano saraceno, riso e zucchero e un litro di olio da cucina al mese utilizzando i coupon. Le scuole primarie e gli asili sono chiusi dal 9 gennaio a causa di scorte alimentari insufficienti.

Anche la fornitura di energia elettrica di Artsakh è stata interrotta. Il 9 gennaio si è verificato un incidente sulla linea elettrica ad alta tensione che fornisce l’approvvigionamento elettrico dell’Artsakh dall’Armenia, secondo il governo dell’Artsakh. L’incidente è avvenuto nei pressi della città di Lachin, passata sotto il controllo dell’Azerbaigian la scorsa estate. Una situazione per la quale l’Armenia considera la Russia corresponsabile visto che non ha fornito aiuti serie e visti i sospetti di un gioco di sponda con Erdogan.

Native

Articoli correlati