Israele, 4 gennaio 2023, la notte in cui ebbe inizio il colpo di stato
Top

Israele, 4 gennaio 2023, la notte in cui ebbe inizio il colpo di stato

Un governo democraticamente eletto sta assassinando la democrazia, per la gloria della cosiddetta democrazia

Israele, 4 gennaio 2023, la notte in cui ebbe inizio il colpo di stato
Netanyahu e Ben Gvir
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

5 Gennaio 2023 - 19.56


ATF

“La notte del 4 gennaio 2023 passerà alla storia come l’inizio del colpo di stato in Israele, che si avvia a diventare un clone di Ungheria/Polonia/Russia/Turchia. Un governo democraticamente eletto sta assassinando la democrazia, per la gloria della cosiddetta democrazia (“il popolo ha detto la sua” e così via), sulla via del passo successivo, l’annullamento del processo di Netanyahu. La riforma in materia si chiamerà probabilmente: “scissione della posizione di procuratore generale”. Comprenderà la creazione di una nuova posizione: un “procuratore generale” che sarà scelto dal governo e il cui primo compito sarà quello di ritardare il procedimento giudiziario di Netanyahu per corruzione”.

L’inizio di un colpo di stato

Un’affermazione potente. Una denuncia gravissima. A formularla è una delle firme più autorevoli del giornalismo israeliano: Yossi Verter.
Di cosa si tratta, lo raccontano, su Haaretz, Noa Shpigel e Jonathan Lis.  “La reazione furiosa dell’opposizione alla Knesset non si è fatta attendere dopo la presentazione, mercoledì, di un piano del ministro della Giustizia israeliano che limiterebbe il potere della magistratura del Paese. Il leader dell’opposizione Yair Lapid, che è stato primo ministro fino all’insediamento del nuovo governo guidato da Benjamin Netanyahu la scorsa settimana, ha definito il piano “una pistola carica sul tavolo”.


Il ministro della Giustizia Yariv Levin ha presentato il suo piano, che il nuovo governo definisce “una riforma della governance”, un giorno prima che l’Alta Corte di Giustizia israeliana ascolti i ricorsi contro la nomina del leader del partito Shas, Arye Dery, a ministro degli Interni e della Sanità.


La nomina di Dery è oggetto di controversia legale perché, oltre a una condanna penale di due decenni fa per la quale ha scontato il carcere, l’anno scorso ha ricevuto una sospensione della pena a seguito di un patteggiamento per evasione fiscale. Il nuovo governo ha emendato la legge per chiarire che solo l’effettivo periodo di detenzione negli ultimi sette anni sarebbe motivo di squalifica per una nomina al gabinetto.
Il piano presentato da Levin limiterebbe i poteri della Corte Suprema, consentendo al legislatore di annullare le sue sentenze e aumentando la rappresentanza della Knesset nella commissione che seleziona i giudici.

In un tweet dopo la presentazione del piano da parte di Levin, che appartiene al partito Likud di Netanyahu, Lapid ha scritto: “Come una banda di criminali, il giorno prima dell’udienza dell’Alta Corte sulla legge Dery, il governo ha messo sul tavolo una pistola carica. Quella che Yariv Levin ha presentato oggi non è una riforma legale, ma piuttosto una lettera di minacce. Stanno minacciando di distruggere l’intera struttura costituzionale di Israele”.


All’inizio della giornata, Lapid ha dichiarato: “Non solo combatteremo in tutti i modi possibili contro ogni singola misura che Levin annuncerà questa sera. Sto dicendo in anticipo che le invertiremo nel momento in cui torneremo al potere. Chiunque porti avanti una rivoluzione unilaterale contro il sistema di governo di Israele deve sapere che non siamo in alcun modo impegnati in questo senso”.

Leggi anche:  Eurovision, è il turno della cantante di Israele e Malmö è blindata in vista di grandi proteste


Nella sua conferenza stampa, Levin ha invocato una dichiarazione del fondatore del Likud, il defunto Primo Ministro Menachem Begin. Ma Gideon Sa’ar, già membro del Likud e ministro della Giustizia fino al mese scorso, ha criticato il piano di Levin, definendolo una condanna a morte per la filosofia politica di Menachem Begin.
“Durante il suo discorso di stasera, il Ministro Levin ha citato Menachem Begin, il leggendario primo leader del partito Likud. Ma le sue parole non sono state altro che un’esecuzione della dottrina democratica e governativa di Begin”, ha detto Sa’ar. “Non c’è dubbio che Begin avrebbe rifiutato ognuno dei passi del piano per il cambio di regime in Israele. I veri studenti [di Begin] devono combattere tutto questo. Ed è quello che farò”.
Il leader del partito di opposizione Unità Nazionale, Benny Gantz, ha dichiarato mercoledì a Channel 13 news che il piano di Levin costituisce “un grave pericolo per il privato cittadino”. Ha avvertito che “ciò che è stato presentato come una riforma legale [che evidenzia] una governance più forte è, in pratica, un cambio di governo in Israele”.


“Non abbiamo un sistema equilibrato. Non abbiamo una costituzione che ci protegga. Non abbiamo due camere [del parlamento]”, ha detto Gantz. “Abbiamo un governo che con la sua maggioranza controlla la Knesset, e ora insieme controlleranno il tribunale”.


Nel suo discorso, Levin ha affermato che: “La rivoluzione costituzionale e il crescente intervento del sistema giudiziario nelle decisioni del gabinetto e nella legislazione della Knesset hanno trascinato la fiducia nella magistratura a un livello pericolosamente basso, portando a una perdita di governabilità e a un grave danno per la democrazia. Andiamo alle urne [e votiamo], ma di volta in volta persone che non abbiamo eletto decidono per noi”, ha detto Levin. In un’apparizione pubblica mercoledì, prima della presentazione di Levin, il Primo Ministro Netanyahu ha parlato dei cambiamenti che il suo nuovo governo intende apportare in diversi campi e, in un apparente riferimento al piano di Levin, Netanyahu ha detto: “Attueremo riforme che garantiranno il giusto equilibrio tra i tre rami del governo”.


Una fonte diplomatica ha avvertito che il piano del ministro della Giustizia potrebbe danneggiare la posizione del sistema giudiziario israeliano nella comunità internazionale. “Per anni, Israele è stato aiutato dall’immagine indipendente e professionale della Corte Suprema per rendere chiaro alla comunità internazionale che [la Corte] sta monitorando e supervisionando la condotta [di Israele] nei territori. La politicizzazione sulla nomina dei giudici rischia di rendere difficile l’uso dell’Alta Corte di Giustizia come difesa… nei tribunali internazionali”.
La Corte penale internazionale dell’Aia ha il mandato di intervenire nei casi in cui i crimini rimangono impuniti dal Paese in cui vivono i presunti responsabili. Il presupposto della comunità internazionale è che un Paese correttamente governato sia in grado di assicurare alla giustizia i propri cittadini che violano la legge e che quindi l’intervento della Corte penale internazionale non sia necessario”.

Leggi anche:  Il Belgio chiede il divieto totale per i paesi Ue di esportare le armi a Israele


E ora torniamo al j’accuse di Verter.
“Dodici ore prima dell’udienza dell’Alta Corte di Giustizia sul caso del criminale seriale e ministro del governo Arye Dery, il consigliere veterano salito alla ribalta si è mosso rapidamente e, seguendo l’usanza mafiosa, ha inviato una minaccia esplicita ai giudici: I vostri onorevoli possono andare all’inferno. Yariv Levin non inviò loro una testa di cavallo insanguinata né dei sicari in un vicolo buio, ma piuttosto un pacchetto di “riforme”. Per puro caso, due di esse si riferiscono direttamente alla questione di Dery: Rendono la sua possibile squalifica una barzelletta e l’udienza prevista per giovedì puramente accademica.


La riforma Dery 1 e la riforma Dery 2, che prevedono il superamento della legge con la maggioranza assoluta – cioè almeno 61 dei 120 membri della Knesset – e l’abolizione del principio di ragionevolezza. Esse si aggiungono alla corrotta legge Dery che una coalizione di corrotti, guidata dal capo dei corrotti e dei corruttori, Benjamin Netanyahu, ha fatto passare di nascosto attraverso la legislatura. A queste si aggiunge la revoca dell’indipendenza dei consulenti legali dei ministeri e la loro conversione in “persone di fiducia” (circa 30 consiglieri), con il risultato di un governo privo di controlli, di morale e di briglie, che farà tutto ciò che gli passa per la testa.


È tempo di resistere: Il principale attivista israeliano per i diritti civili si prepara al “governo da incubo” di Bibi
Tra l’altro, l’istituzione dei consulenti legali ministeriali è stata creata a immagine e somiglianza del defunto presidente della Corte Suprema israeliana, il giudice Meir Shamgar, circa 50 anni fa. Egli stabilì che questi consiglieri legali sarebbero stati scelti dal procuratore generale e da lui subordinati. Shamgar ha combattuto nell’Etzel, la milizia clandestina pre-statale guidata da Menachem Begin, ed era un uomo di destra, ma soprattutto un uomo di principi e di integrità. (Ha anche introdotto il precedente Dery-Pinchasi, che giovedì sarà gettato nella spazzatura dai bulli della “governance”, Netanyahu e Levin). L’eredità di Shamgar è stata disonorata mercoledì, proprio come Levin ha disonorato l’eredità di Begin semplicemente aprendo la bocca per parlare. In precedenza Levin aveva dichiarato che le dimissioni collettive di 15 giudici della Corte Suprema non lo spaventano. Forse in cuor suo lo desidera. Proprio come Itamar Ben-Gvir e Bezalel Smotrich potrebbero desiderare in cuor loro un’enorme conflagrazione nella regione che perpetuerebbe l’occupazione e precederebbe la Nakba II, con la motivazione che “quegli arabi capiscono solo la forza”. Ben-Gvir e Levin sono due facce della stessa medaglia. La visita del piromane giurato al Monte del Tempio è passata per il momento in modo pacifico. Il piano che Levin ha presentato al telegiornale di prima serata mercoledì sera causerà altrettanti e probabilmente maggiori danni dei disordini a cui siamo abituati.


A una settimana dal giuramento del gabinetto e a quattro giorni dal passaggio di consegne dei ministeri, il quadro si fa più chiaro: Sono venuti per fare dei cambiamenti. Le nomine scandalose vengono gettate allegramente come caramelle in testa a un ragazzo del bar mitzvah. Ofir Akunis ha giustificato le voci insistenti su come è diventato ministro (della scienza, della tecnologia e dell’innovazione) con la sua ridicola nomina di Osnat Mark a direttore generale del ministero. Mark, che persino i funzionari del Likud consideravano inadatta a servire nella Knesset (e la loro asticella è piuttosto bassa), è la preferita di Sara Netanyahu. Questo spiega tutto. Non ci aspetteremmo che Akunis nominasse uno scienziato alla carica – nessuna persona seria prenderebbe comunque in considerazione l’idea di servire sotto di lui – ma Mark è un illuso.

Leggi anche:  L'appello del Sudafrica all'Aia: "Salvate Rafah o la società palestinese sarà distrutta almeno per una generazione"


Lo stesso vale per la scelta di Miri Regev come candidato a direttore generale del Ministero dei Trasporti, che controlla miliardi di shekel: Moshe Ben Zaken, suo collaboratore politico di lunga data. Miri organizzerà tutto. E se la commissione per le nomine dirà di no, il gabinetto dirà di sì. E se l’Alta Corte dirà di no… Aspettate! Non può interferire. Dopo tutto, il principio di ragionevolezza è in via di sepoltura definitiva.


Alla serie di azioni violente del primo governo fascista di Israele va aggiunto il progetto di estromettere il segretario della Knesset, Dan Marzouk, a meno di un anno dalla sua nomina da parte del presidente della Knesset Mickey Levy. I segretari della Knesset non sono mai stati estromessi quando il governo è cambiato. Nessun governo simile è mai stato in carica in Israele. Il sostituto di Levy, Amir Ohana, ha esaurito i suoi 15 minuti di celebrità nel suo discorso di incoronazione LGBTQ, una settimana fa, ed è tornato a essere il punk Ohana che abbiamo sempre conosciuto. E in questo giorno, quando i muri hanno iniziato a cadere, è impossibile non parlare di Benny Gantz. Il leader del campo di unità nazionale si è recato mercoledì al Ministero degli Interni per incontrare Dery. Poco dopo la sua partenza, il contenuto della loro discussione è trapelato (probabilmente non da Gantz). L’obiettivo era chiaro: segnalare ai nove giudici che il simbolo della correttezza governativa mi ha dato la sua benedizione. Dery e i suoi metodi astuti sono una cosa. Ma quando Gantz, ingenuo com’è, capirà finalmente di essere stato usato? Dery chiama e lui arriva. Abbiamo conosciuto utili idioti in politica, ma non ne abbiamo mai avuto uno come Gantz”.

Così Verter.

Una “banda di criminali”. Un “criminale seriale” con usanze mafiose. L’inizio di un colpo di stato. E, sopra ogni altra cosa, “le azioni violente del primo governo fascista di Israele”. A dirlo non sono gli ayatollah iraniani, o quelli di Hamas o Hezbollah o i presunti nemici europei d’Israele. A denunciarlo sono giornalisti israeliani, ebrei israeliani. A parlare di una “banda di criminali” al governo è il leader, centrista, dell’opposizione. Ma di tutto questo, statene certi, la stampa mainstream di casa nostra non ne scriverà. Non è politically correct. E poi non aiuta a far carriera. 

Native

Articoli correlati