Israele, allarme "neo-integralismo": una petizione da firmare
Top

Israele, allarme "neo-integralismo": una petizione da firmare

Quella lanciata da JCall* Europa in difesa della democrazia israeliana contro le minacce dalle componenti più scioviniste e integraliste della coalizione di governo in formazione nel paese

Israele, allarme "neo-integralismo": una petizione da firmare
Israele
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

7 Dicembre 2022 - 16.19


ATF

Un appello da accogliere. Una petizione da firmare, Una riflessione preoccupata che fa riflettere. 

Una petizione da sottoscrivere.

E’ quella lanciata da JCall* Europa in difesa della democrazia israeliana contro le minacce dalle componenti più scioviniste e integraliste della coalizione di governo in formazione nel paese.

Eccone il testo: “Abbiamo lanciato l’appello fondativo di JCall nel 2010 perché, come cittadini ebrei europei, eravamo profondamente preoccupati per l’esistenza di Israele. Abbiamo scritto che, “senza sottovalutare le minacce esterne” per Israele, “questo pericolo risiede anche nell’occupazione e nella continua colonizzazione della Cisgiordania e dei quartieri arabi di Gerusalemme Est”. Infatti, solo la fine dell’occupazione e la creazione di uno Stato palestinese vitale al suo fianco possono garantire la continuità dell’esistenza di Israele come Stato democratico a maggioranza ebraica. La persistenza dell’occupazione porterebbe alla scelta illusoria tra due situazioni intrinsecamente sbagliate: uno Stato binazionale arabo-ebraico il cui orizzonte permanente sarebbe la guerra civile, oppure uno Stato esclusivamente ebraico che andrebbe alla deriva verso un regime di apartheid per i palestinesi. Dodici anni dopo quell’appello, il pericolo che avevamo denunciato allora è solo aumentato. Ma a questo pericolo si aggiunge ora una minaccia immediata alla democrazia israeliana. Infatti, le elezioni legislative del 1° novembre 2022 – che si sono svolte nel rispetto delle regole democratiche e della libertà di voto – hanno dato una piccola ma indiscutibile maggioranza a una coalizione i cui elementi mettono in discussione le basi stesse della democrazia israeliana. Fin dalla sua creazione, e nonostante una situazione di guerra continua e di minacce esterne, Israele è stato finora in grado di rispettare lo spirito e la lettera dei valori su cui si basa la sua Dichiarazione di Indipendenza.

Tuttavia, se un governo sostenuto dal nuovo parlamento decide di attuare tutte le misure incluse negli accordi tra i partiti della coalizione di maggioranza, Israele rischia di allontanarsi da queste basi. Una democrazia non è definita solo dal potere di una maggioranza eletta in libere elezioni. È anche definito dall’esistenza di controlli e contrappesi – una costituzione e un parlamento composto da una o due camere. In Israele, dove il parlamento è costituito da una sola camera (la Knesset), non esiste una costituzione, ma esistono leggi di base alle quali i testi adottati dalla Knesset devono conformarsi. L’unico organo abilitato a giudicare questa conformità è la Corte Suprema: essa può, a condizione che un attore della società civile si rivolga ad essa, dichiarare che una legge votata dalla Knesset è contraria a una legge fondamentale e che quindi questa legge è nulla. Tuttavia, alcuni elementi della nuova coalizione di maggioranza hanno dichiarato l’intenzione di modificare al più presto il potere di supervisione della Corte Suprema, consentendo a una maggioranza semplice di parlamentari (metà più uno) di ripristinare una legge respinta dalla Corte. Sono stati presentati altri piani per la Corte Suprema, tra cui una revisione delle modalità di nomina dei giudici. Una democrazia non è definita solo dal potere della sua maggioranza, ma anche dal rispetto dei diritti delle sue minoranze. I padri fondatori di Israele lo avevano previsto quando scrissero nella Dichiarazione di indipendenza che il nuovo Stato avrebbe garantito “la piena uguaglianza dei diritti sociali e politici per tutti i suoi cittadini, senza distinzione di credo, razza o sesso”. Tuttavia, la nuova maggioranza è dominata da persone che hanno fatto dichiarazioni razziste sugli arabi e commenti omofobi. I padri fondatori si erano anche assicurati di inserire nella Dichiarazione di Indipendenza che il futuro Stato sarebbe stato “aperto all’immigrazione degli ebrei da tutti i Paesi in cui sono dispersi”, evitando di definire cosa fosse un ebreo. Questo principio ha portato all’approvazione della Legge del Ritorno, che per 74 anni ha permesso a milioni di ebrei di tutto il mondo di entrare in Israele. Ora, alcuni membri della nuova maggioranza chiedono una revisione di questa legge, per negare a molti nuovi immigrati (e agli immigrati già stabiliti in Israele) la loro identità ebraica. Vorrebbero anche approvare una legge che permetta la separazione tra uomini e donne negli eventi finanziati con fondi pubblici, il che vieterebbe di fatto la co-educazione in un’ampia parte dello spazio pubblico. È certo che se questi piani dovessero essere approvati, provocherebbero una spaccatura tra Israele e la Diaspora, mettendo in discussione le fondamenta stesse del progetto sionista che era all’origine del Paese.

Leggi anche:  Google licenzia 28 dipendenti che avevano protestato contro il contratto cloud con il governo israeliano


Inoltre, il progetto di rompere lo status quo esistente dal 1967 sul Monte del Tempio, permettendo agli ebrei di pregare lì, annunciato dal nuovo Ministro della Pubblica Sicurezza – che sarà responsabile della “sicurezza nazionale” sia in Israele che nei territori occupati – rischia di infiammare la Cisgiordania e forse l’intera regione.
Per tutti questi motivi, decidiamo oggi di rilanciare il nostro Appello alla Ragione rivolto ai leader israeliani, affinché non dimentichino le fondamenta del Paese di cui sono ora responsabili. Israele, ovviamente, appartiene a tutti i suoi cittadini che vi abitano. Ma anche tutti gli ebrei della diaspora, che come noi sono indefettibilmente legati all’esistenza e alla sicurezza di questo Stato, possono e devono, in nome del legame intessuto con esso e del sostegno che gli danno ogni volta che è necessario, esprimere la loro preoccupazione per il suo futuro se dovessero essere applicate tali derive antidemocratiche che mettono in discussione la sua identità. Costituirebbero il vero pericolo per la sostenibilità del Paese. Per questo motivo siamo al fianco dei cittadini e dei movimenti della società civile che iniziano a mobilitarsi in Israele e invitiamo tutti coloro che si riconoscono nei principi di questo appello a firmarlo e a farlo firmare”.

Di seguito il sito su cui firmare.

Allarme da Tel Aviv

A lanciarlo è una delle firme storiche di Haaretz: Amosa Harel. Le considerazioni allarmate e allarmanti vengono da uno dei giornalisti più equilibrati d’Israele. 

Annota Harel: “L’accordo di coalizione tra il Likud e i partiti del Sionismo religioso potrebbe avere alcune ramificazioni, oltre a conferire poteri quasi illimitati nei territori a un partner di coalizione estremista con un’agenda ideologica distinta.
L’accordo pone Israele in una posizione di maggiore attrito con la comunità internazionale che potrebbe portare a misure irreversibili contro di lui. Si tratta di misure che i governi israeliani del passato, compresi quelli guidati da Benjamin Netanyahu, hanno fatto di tutto per evitare. L’accordo di coalizione, come alcuni altri impegni assunti dopo la vittoria elettorale di novembre, chiede se Netanyahu sia davvero disposto a pagare qualsiasi prezzo per raggiungere il suo obiettivo principale: porre fine ai procedimenti giudiziari contro di lui. D’altra parte, è possibile che Netanyahu abbia davvero oltrepassato i limiti e appartenga ora alla scuola di Smotrich e Ben-Gvir, che sostiene che infiammare il fronte palestinese garantirà l’impresa degli insediamenti per i secoli? Se finora era possibile credere che la prima spiegazione fosse corretta, le recenti azioni di Netanyahu non possono che far grattare la testa. È difficile credere che un politico così esperto e preparato non si renda adeguatamente conto di ciò che gli ufficiali dell’esercito e gli esperti legali capiscono dell’accordo. Negli ultimi 55 anni, Israele è riuscito a evitare le sanzioni internazionali che gli sono state imposte nonostante abbia mantenuto il controllo della Cisgiordania per un periodo così prolungato. Questo perché è riuscito a creare una parvenza di sistema giuridico funzionante.

Leggi anche:  Gaza, Israele rinvia l'attacco a Rafah


Israele ha presentato l’Amministrazione Civile, che in pratica amministra i territori (e dal ritiro da Gaza nel 2005, solo la Cisgiordania) come un organismo professionale e apolitico subordinato all’esercito. In realtà, l’Amministrazione Civile agiva secondo direttive politiche e spesso sembrava che i suoi alti funzionari fossero al servizio del duplice obiettivo di espandere gli insediamenti e perpetuare l’occupazione. Ma nei confronti della comunità internazionale, Israele ha fatto in modo di proiettare l’immagine di un regime amministrativo e legale corretto e rispettoso del diritto internazionale. Questa impressione – falsa agli occhi di molti – è stata favorita dalla supervisione della Corte Suprema, che è ancora molto rispettata all’estero, anche se nelle cause riguardanti i territori si è pronunciata a favore dello Stato nella grande maggioranza dei casi. L’establishment della difesa ha lavorato a stretto contatto con i procuratori militari e ha generalmente tenuto conto dei trattati e delle norme internazionali. Israele ha dichiarato di essere responsabile del benessere di tutti i residenti dei territori sotto il suo controllo, israeliani e palestinesi, e di non gestire due sistemi giudiziari separati per le due popolazioni.


Il punto fondamentale era che si trattava di una soluzione temporanea, in attesa di un accordo permanente con i palestinesi. Israele rispetta le regole, quindi non c’è motivo per la comunità internazionale di interferire. I palestinesi hanno protestato e il mondo ha brontolato, ma in pratica il sistema ha funzionato ed è servito ai successivi governi israeliani di ogni schieramento politico.
Ora, con il nuovo accordo di coalizione, il gatto è fuori dal sacco. I coloni controllano apertamente le leve dell’impresa di insediamento. Netanyahu ha dato loro un assegno in bianco, anche se ogni tanto si prende la briga di inviare messaggi rassicuranti in inglese ai media statunitensi. La principale preoccupazione emersa nel dibattito pubblico è la clausola del patto di coalizione secondo cui il sionismo religioso sarà coinvolto nella scelta del capo del Coordinatore delle attività governative nei Territori, un ufficiale con il grado di maggiore generale, e del capo dell’Amministrazione civile in Cisgiordania, un generale di brigata. Ciò rappresenta una deliberata rottura della catena di comando, così come Netanyahu ha accettato di porre la Polizia di frontiera in Cisgiordania sotto il controllo del nuovo Ministero della Sicurezza Nazionale, guidato da Itamar Ben-Gvir.
Ma non meno importante è la decisione di permettere a Bezalel Smotrich e ai suoi associati di nominare consulenti legali “tra i nostri”. Si tratta di 23 avvocati civili che saranno impiegati dall’Amministrazione civile sotto il ministro del Ministero della Difesa, affiliato al sionismo religioso, che in pratica controllerà tutte le attività governative nei territori.


Non si tratta di un cambiamento cosmetico. Smotrich e la persona che sarà nominata per suo conto, Orit Strock, fanno sul serio. Non stanno giocando. Hanno un piano dettagliato per cancellare la Linea Verde e creare una nuova realtà a est di essa.
La nomina degli avvocati è particolarmente significativa perché, proprio come la decisione di permettere ai ministri di assumere e licenziare consulenti legali a piacimento, sostituisce professionisti (in questo caso procuratori militari) con persone di nomina politica con una chiara ideologia. 

Leggi anche:  Israele sta accumulando armi in previsione dell'offensiva a Rafah

Israele sta giocando con il fuoco. Crea un’apertura per l’Autorità Palestinese, che vede nelle istituzioni internazionali un’arena promettente, forse l’unica rilevante, dove impegnarsi nella lotta politica contro l’occupazione. La Corte penale internazionale sta già esaminando se gli insediamenti costituiscano un crimine secondo il diritto internazionale. Alla fine di questo mese, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite riceverà un parere legale per stabilire se Israele abbia effettivamente annesso i territori in violazione del diritto internazionale. Nel frattempo, il primo segnale di ciò che accadrà si è verificato martedì, quando la rete televisiva al-Jazeera ha intentato una causa contro Israele presso la Corte penale internazionale per l’uccisione della sua giornalista Shireen Abu Akleh a Jenin lo scorso maggio.
Netanyahu, che nel corso degli anni ha promesso a vuoto che il villaggio beduino di Khan al-Ahmar sarebbe stato evacuato e che l’annessione sarebbe arrivata, sta ora agendo in modo completamente diverso. La domanda è se siamo di fronte a un pallone gonfiato per ottenere un accordo con i partiti centristi (“Fermate il processo e scaricherò Smotrich dal governo”), oppure se è impegnato in un processo molto più profondo che porterà a una crisi internazionale, legale e politica e persino all’escalation di un conflitto militare nei territori”.
Così Harel. Il futuro d’Israele è sempre più “nero”.
* Dall’atto costitutivo di JCall: “JCall raggruppa cittadini ebrei di paesi europei e amici di Israele al tempo stesso profondamente legati all’esistenza e alla sicurezza dello stato di Israele e preoccupati per il suo futuro. Pur non sottovalutando le minacce esterne che gravano su Israele, JCall ritiene che l’occupazione e l’espansione ininterrotta degli insediamenti in Cisgiordania e nei quartieri arabi di Gerusalemme Est siano un pericolo per l’identità dello stato. Tale politica concorre inoltre ad indebolire e isolare Israele dall’opinione pubblica e dai governi del mondo. È nostra opinione convinta che solo la fine dell’occupazione e la creazione di uno stato palestinese sovrano accanto a Israele potranno assicurare ad Israele stesso di restare uno stato democratico a maggioranza ebraica e di occupare il posto che le è dovuto fra le nazioni del mondo. 

JCall è un movimento autonomo di ebrei europei che vogliono fare sentire la loro voce senza essere legati a partiti o movimenti israeliani. I promotori e firmatari di JCall non contestano la legittimità e rappresentatività delle organizzazioni ebraiche ufficiali. Intendono però dissociarsi da un loro sostegno troppo spesso acritico alle politiche dei governi di Israele. Rivendicano inoltre il diritto di esprimere il loro dissenso allorché tali politiche sono pericolose per gli interessi stessi dello stato. Al tempo stesso condannano con forza le campagne di delegittimazione di Israele in quanto stato in atto in più paesi europei.

JCall intende suscitare un dibattito aperto in senso alle comunità ebraiche d’Europa e dare corpo a un movimento d’opinione affinchè sia la ragione a prevalere sulle pulsioni. Sovente gli ebrei europei, in reazione a campagne d’opinione che mettono in questione l’essenza stessa dello stato di Israele, non le distinguono da normali e legittime critiche all’operato dei suoi governi cosi’ come avviene per altri paesi. Con il nostro impegno noi intendiamo dimostrare che è possibile combattere al tempo stesso le condanne manichee e odiose rivolte a Israele e la politica dei suoi governi quando la riteniamo sbagliata.

JCall si rivolge alle diplomazie dei paesi europei perché agiscano sul governo di Israele e sull’Autorità nazionale palestinese di concerto con gli Stati Uniti per giungere a una composizione ragionevole del conflitto. Consapevole che la trattativa e le decisioni rilevanti appartengono ai soli dirigenti dei due popoli, 

Native

Articoli correlati