Top

Era il 28 maggio 2016: il giorno in cui Putin varò il suo disegno imperialista

Quel giorno Putin ha esposto la sua visione per ricreare l'antica divisione dell'Impero Romano in Est e Ovest, con Putin come nuovo imperatore orientale che avrebbe unificato il mondo ortodosso e russo e combattuto la decadenza dell'Occidente

Era il 28 maggio 2016: il giorno in cui Putin varò il suo disegno imperialista
Il patriarca Kirill e Putin

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

10 Settembre 2022 - 17.20


Preroll

Una data da cerchiare in rosso. Perché quel giorno lo zar del Cremlino svela il suo disegno imperiale. Quel disegno che sottende l’invasione dell’Ucraina.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Una data da cerchiare in rosso

Middle placement Mobile

Ne scrive, su Haaretz, Thomas Weber, professore di Storia e Affari internazionali all’Università di Aberdeen e visiting fellow della Hoover Institution dell’Università di Stanford.

Dynamic 1


“Il 28 maggio 2016, Vladimir Putin si è seduto sul trono degli imperatori bizantini all’interno del Protaton, la chiesa più antica e sacra del Monte Athos, la Montagna Santa delle chiese ortodosse, nella Grecia nord-orientale. Quel giorno Putin ha esposto la sua visione per ricreare l’antica divisione dell’Impero Romano in Est e Ovest, con Putin stesso a fungere da nuovo imperatore orientale che avrebbe unificato gli elementi del mondo ortodosso e russo e combattuto la decadenza e il nichilismo dell’Occidente. “Oggi”, ha detto Putin al mondo, “ripristiniamo i valori del patriottismo, della memoria storica e della cultura tradizionale”.


Non deve sorprendere che sei anni dopo il discorso di Vladimir Putin, la sua visione di restaurazione imperiale si sia trasformata in violenza, mentre l’artiglieria russa polverizza città ucraine secolari e massacra gli ucraini senza distinzione di religione. In realtà, i semi di questa visione erano stati piantati molto prima del viaggio del presidente russo alla “Montagna Santa”. E il Dna di quei semi rendeva probabile che la sua visione lo avrebbe condotto non solo al trono bizantino del Monte Athos, ma anche alla guerra. Infatti, la sua visione avrebbe potuto essere attuata pacificamente solo se il popolo del suo aspirante impero orientale avesse trovato irresistibili le idee di Putin per il proprio futuro.

Dynamic 2


La scelta del Monte Athos da parte di Putin è stata simbolicamente significativa. La Montagna Santa è speciale: è una repubblica monastica autogestita. Le donne, persino le femmine, sono bandite. Lo stesso vale per coloro che sono stati classificati come eretici o scismatici. Si trova in Grecia, e quindi in territorio Nato, ma all’interno dei suoi confini non si applica la legge greca. Ma la cosa più importante è che Putin ha scelto di definire il suo ruolo personale nella storia da un luogo che un tempo era stato un simbolo dell’unità della cristianità orientale e che si trova, significativamente, al di fuori della Russia. Nel suo discorso, Putin non ha lasciato dubbi sul fatto che la sua fosse una visione espansionistica, volta a far risorgere la Santa Russia – l’eterno regno di Dio in cielo e in terra – e a ricostruire contemporaneamente un mondo russo e ortodosso, distruggendo le idee occidentali di libertà.


Per coloro che sono convinti che il comportamento della Nato sia la causa principale dell’attuale guerra, tutto ciò è ovviamente irrilevante. Putin non aveva in mente obiettivi strategici specifici, ci dicono, quando teneva discorsi come quello pronunciato sul Monte Athos. Per studiosi come il politologo americano John Mearsheimer, Putin non è diverso da qualsiasi altro leader del passato o del presente. Per Mearsheimer, tutti i leader mirano semplicemente a massimizzare il potere del proprio Paese. La sua è una lente che filtra il mondo delle idee che i leader sottoscrivono e che motivano e sostengono le loro azioni. Il rifiuto dell’idea che la visione di Putin per il mondo russo – espressa sul Monte Athos e in discorsi precedenti – porterebbe quasi inevitabilmente alla guerra si basa su un’errata comprensione del potere motivante delle idee nella politica internazionale e del loro sviluppo logico. Nel caso della guerra in Ucraina, questo vale sia per le convinzioni di Putin sia per quelle di coloro che il leader russo ha cercato di corteggiare con la sua visione di un nuovo mondo orientale. È stato infatti lo scontro tra la visione del futuro di Putin e, soprattutto, quella dei popoli che vivono nell’orbita russa, piuttosto che con la visione della Nato per il futuro dell’Europa orientale dopo gli anni Novanta, a spianare la strada alla guerra. È il modo in cui le popolazioni che vivono nelle vicinanze della Russia hanno risposto al discorso di Putin sul Monte Athos e ai discorsi precedenti che contiene la chiave per capire perché la Russia è in guerra.
La convinzione che, come ha detto Mearsheimer, “gli Stati Uniti siano i principali responsabili della crisi ucraina” si basa su un controfattuale molto discutibile. Se la Nato non si fosse spostata nel cortile di casa della Russia negli anni ’90 e se non avesse promesso, a Bucarest nel 2008, che un giorno l’Ucraina sarebbe stata in grado di aderire all’organizzazione, così recita il controfattuale, Vladimir Putin non avrebbe invaso l’Ucraina, né nel 2014 né nel 2022. Non ne avrebbe avuto bisogno, perché la sua sfera di influenza sarebbe rimasta intatta. Questo argomento è seducente, ma sbagliato. Infatti, ciò che emerge dall’evoluzione delle idee di Putin e dalla loro logica è che le spiegazioni incentrate sulla Nato sono esattamente il controfattuale sbagliato per spiegare perché l’Ucraina si trova a subire una guerra di aggressione. Dobbiamo guardare a un controfattuale diverso. Questo diventa chiaro solo se si prende sul serio il mondo delle idee di Putin. Come emerge dall’intrigante ricerca di due ricercatori olandesi – Niels Drost e Beatrice de Graaf – la visione quasi millenarista di Vladimir Putin per il futuro del mondo russo è stata a lungo elaborata. Si basa sia sul suo modo di intendere la storia sia su come vede il proprio ruolo in un processo storico secolare. È anche una visione che si rivolge all’intero mondo della cristianità orientale piuttosto che alla sola parte russa, giocando sui legami popolari e antichi di lealtà e appartenenza per cercare di attirare gli aspiranti alleati nell’orbita della Russia. È una visione espressa in un linguaggio e in azioni piene di connotazioni religiose, in cui Putin si modella su Pietro il Grande e lo zar Alessandro I. Se prendiamo sul serio la comprensione di Putin del passato russo e la sua visione per il futuro, allora una cosa risulta chiara dal suo desiderio espresso di ristabilire la Santa Russia: La sua è una visione che motiva e radicalizza progressivamente la sua azione. È una visione che punta alla guerra.

Dynamic 3


La logica delle idee emergenti e in evoluzione di Putin è sempre stata quella di voler ricreare la Santa Russia e un mondo russo a sua immagine e somiglianza, se possibile con la seduzione, ma se necessario con la forza bruta. Una volta che il canto di seduzione di Putin non è riuscito ad attirare i popoli nell’orbita della Russia, un brutale e sanguinoso gioco di troni, in stile russo, era l’unica opzione che gli rimaneva. In altre parole, prendere sul serio il mondo di idee di Putin e la sua logica di sviluppo (che ispira e guida le sue azioni) significa rendersi conto che il vero controfattuale da considerare riguarda il comportamento dei popoli dell’Europa orientale, piuttosto che quello degli Stati membri della Nato. Se i primi avessero sentito l’attrazione della visione di Putin, la probabilità che si imbarcasse in una serie di guerre, incursioni straniere, ingerenze e assassinii sarebbe stata minima.
Una volta fallito il tentativo di Putin di corteggiare le popolazioni della sua aspirante nuova Roma, non era inevitabile che optasse per una vera e propria invasione dell’Ucraina nel febbraio 2022. Tuttavia, la logica di sviluppo del mondo delle idee di Putin, una volta entrato in contatto con le popolazioni riluttanti dell’ex mondo sovietico, era questa: Era chiaro che avrebbe usato la forza, ma non era chiaro dove e come l’avrebbe usata.
È qui che le azioni della Nato sono davvero rilevanti. L’alleanza occidentale ha sempre avuto il potere di influenzare il modo in cui Putin sceglieva di impiegare la forza, anche se non (o non direttamente) sulla sua decisione di farlo. Questo è ancora il caso. Gli Stati membri della Nato hanno i mezzi, morali e militari, per sostenere i popoli del vicinato russo che non hanno trovato irresistibile la visione del Monte Athos di Putin. Farlo non è solo un imperativo morale, ma fungerà anche da potente incentivo per altri aspiranti autocrati in tutto il mondo a rinunciare al loro gioco di troni e a lasciare i loro quartieri in pace”.
Così il professor Weber.

La visione di Putin
Di grande interesse è l’analisi, su Linkiesta, di Alessandro Cappelli.

Dynamic 4

“Nella visione del mondo di Vladimir Putin – annota Cappelli – l’Ucraina non è uno Stato sovrano, appartiene alla Russia, e il popolo ucraino è solo una frazione della Grande Russia. Invece l’Occidente, secondo l’autocrate russo, userebbe quel territorio nell’Est Europa solo per minacciare Mosca.

È chiaro a tutti ormai che la Russia sia una potenza revisionista e Putin non ne ha mai fatto mistero. Già a marzo 2014, in occasione dell’annessione della Crimea, aveva fatto un discorso pubblico per avvertire l’Occidente che il suo Paese avrebbe avviato delle operazioni per onorare le sue rivendicazioni territoriali.

Dynamic 5

Poi ha adottato ogni misura possibile per diffondere in maniera capillare la sua visione in tutta la nazione: ha intensificato la repressione, ha ordinato omicidi mirati e messo in carcere gli oppositori; ha alimentato la macchina della propaganda e svolto operazioni di disinformazione.

L’intenzione di Putin di manipolare la realtà e il presente è una certezza. “L’Occidente deve capire che ha a che fare con un leader che vuole cambiare la narrazione storica degli ultimi cento anni, non solo del periodo successivo alla Guerra Fredda”, scrivono Fiona Hill e Angela Stent sull’ultimo numero della rivista bimestrale Foreign Affairs. “Vladimir Putin vuole rendere l’Ucraina, l’Europa e il mondo intero conformi alla sua versione della storia”.

La stessa “operazione militare speciale” – che è una guerra, ma lui la chiama così – servirebbe a correggere quella che ritiene un’ingiustizia storica: la separazione dell’Ucraina dalla Russia durante la formazione dell’Unione Sovietica nel 1922.

L’illusione di Putin è quella di poter trasformare il mondo, modellarlo a sua immagine, farne ciò che vuole. Un mondo che però non può avere. Non senza affrontare l’opposizione dell’Ucraina e di tutto l’Occidente. «La concezione del passato di Putin può essere molto diversa da quella globalmente accettata», si legge ancora su Foreign Affairs.

Nel 2010, alla riunione annuale del Valdai International Discussion Club sponsorizzato dal Cremlino, la portavoce della stampa di Putin disse al pubblico che il presidente russo «legge libri sulla storia russa tutto il tempo».

Putin è realmente ossessionato dal passato del suo Paese, dalla sua storia imperiale, dei trascorsi grande potenza mondiale. Nelle stanze del Cremlino ha fatto posizionare strategicamente le statue di Pietro il Grande e Caterina la Grande, cioè gli zar che conquistarono attraverso la guerra i territori che oggi delimitano lo Stato ucraino.

A novembre 2016, appena fuori le porte del Cremlino, ha fatto piazzare una statua di Vladimir il Grande, il leader del principato di Kyjiv del X secolo. Anche questo è un segnale: il principe Vladimir si convertì al cristianesimo a nome di tutta l’antica Russia’ nel 988 e sarebbe diventato uno dei punti di riferimento del cristianesimo ortodosso, nonché una figura russa, non ucraina. La statua è lì per dire: il gran principe appartiene a Mosca, non a Kyjiv.

Le sue convinzioni ovviamente alterano anche la percezione di quel che accade intorno a lui e al di fuori di Mosca. Putin mal sopporta il fatto che gli Stati Uniti e i Paesi europei sostengano militarmente l’Ucraina, ad esempio. E per questo, in risposta, sta intraprendendo una guerra economica e informativa contro l’Occidente.

La Russia ha armato energia, grano e altre merci. Ha diffuso disinformazione, anche accusando l’Ucraina di aver commesso le stesse atrocità che la Russia ha compiuto sul campo di battaglia e incolpando le sanzioni occidentali per aver esacerbato le carestie in Africa quando è stata la Russia ad aver bloccato le spedizioni di grano ucraino nel continente dal Mar Nero.

“Le manipolazioni della storia da parte di Putin suggeriscono che le sue affermazioni vanno oltre l’Ucraina, l’Europa e l’Eurasia”, si legge su Foreing Affairs. Gli Stati baltici potrebbero essere nella sua agenda coloniale, così come la Polonia, di cui una parte fu sotto il controllo russo dal 1772 al 1918. Così come gran parte dell’attuale Moldavia faceva parte dell’impero russo: alcuni funzionari russi hanno suggerito che Chisinau potrebbe essere il prossimo nel loro mirino. Anche la Finlandia faceva parte dell’Impero Russo tra il 1809 e il 1918.

“Putin potrebbe non essere in grado di conquistare questi Paesi, ma le sue stravaganti osservazioni sul riprendersi le colonie russe sono progettate per intimidire i suoi vicini e sbilanciarli. Nel mondo ideale di Putin questo aumenterò la sua influenza e il controllo sulla loro politica, minacciandoli fino a quando non lasceranno che la Russia detti le loro politiche estere e interne”, scrivono Fiona Hill e Angela Stent.

Insomma, dopo quasi un quarto di secolo al potere, Vladimir Putin sta provando a imporre la sua visione del mondo ai suoi vicini e all’Occidente. Vuole provare a imitare Pietro il Grande e ridare una dimensione da superpotenza alla Russia. Solo che le sue fantasie scontrano con la realtà, con la libertà di popoli e nazioni che non vogliono accettare il suo revisionismo aggressivo…”, conclude Cappelli.

(Lettura consigliata a quelli che “Putin si è difeso dall’accerchiamento Nato). 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile