Zelensky non vuole cedere a Mosca: "Tutto è iniziato in Crimea e finirà in Crimea"
Top

Zelensky non vuole cedere a Mosca: "Tutto è iniziato in Crimea e finirà in Crimea"

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha promesso di portare "libertà all'Ucraina e ai cittadini in Crimea" e ha promesso che la bandiera ucraina sventolerà "dove dovrebbe essere" in tutte le parti della nazione attualmente occupate.

Zelensky non vuole cedere a Mosca: "Tutto è iniziato in Crimea e finirà in Crimea"
Preroll

globalist Modifica articolo

23 Agosto 2022 - 22.36


ATF

Kiev non vuole cedere e ora rivendica la piena integrità territoriale dell’Ucraina pre-2014 quando ci fu prima l’occupazione della Crimea e dopo la rivolta dei separatisti del Donbass sostenuti dalla Russia.

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha promesso di portare “libertà all’Ucraina e ai cittadini in Crimea” e ha promesso che la bandiera ucraina sventolerà “dove dovrebbe essere” in tutte le parti della nazione attualmente occupate.

Nel discorso di apertura di una conferenza internazionale sulla Crimea, il leader ucraino ha affermato che Kiev ripristinerà il dominio ucraino sulla regione annessa alla Russia. “Per vincere il terrore, è necessario ottenere la vittoria nella lotta contro l’aggressione russa”, ha detto Zelensky, “È necessario liberare la Crimea. Questa sarà la resurrezione della legge e dell’ordine mondiale”.

Pertanto, ha aggiunto, “dobbiamo liberare anche la Crimea dall’occupazione. (Tutto) è iniziato in Crimea e finirà in Crimea”

In un altro discorso in occasione del giorno della bandiera nazionale dell’Ucraina e alla vigilia del giorno dell’Indipendenza del paese, Zelensky ha promesso che la bandiera ucraina sventolerà “dove dovrebbe essere” in tutte le parti attualmente occupate dell’Ucraina.

Leggi anche:  I russi attaccano sul fronte di Zaporizhzhia e guadagnano terreno

“La bandiera blu e gialla sventolerà di nuovo nella sua casa, dove dovrebbe essere di diritto, in tutte le città e villaggi temporaneamente occupati dell’Ucraina“, le sue parole. Il presidente dell’Ucraina ha anche parlato in una conferenza stampa congiunta con il presidente polacco in visita nel Paese, Andrzej Duda, dove gli è stato chiesto della possibilità di un attacco missilistico russo su Kiev durante il giorno dell’indipendenza, domani.

“C’era una minaccia quotidiana di attacchi russi e l’intelligence ucraina stava lavorando con l’intelligence straniera”, ha risposto Zelensky. La reazione a un attacco alla capitale ucraina sarebbe la stessa per qualsiasi città ucraina che viene attaccata dalla Russia, ha aggiunto.

“Se ci colpiscono, riceveranno una risposta, una risposta potente”, ha assicurato, “Voglio dire che ogni giorno questa risposta crescerà, diventerà sempre più forte”.

Native

Articoli correlati