Top

Guerra, tregua, in attesa di un'altra guerra: così si fanno le elezioni in Israele

Ore di tregua dopo lunghe giornate di bombardamenti sulla Striscia di Gaza. Israele, che ha provocato la morte di decine di persone ha anche ucciso il capo della Jihad. Proprio alla vigilia delle elezioni, e c'è chi pensa sia una strategia elettorale.

Guerra, tregua, in attesa di un'altra guerra: così si fanno le elezioni in Israele
Bombardamenti sulla striscia di Gaza

globalist

8 Agosto 2022 - 14.17


Preroll

Di Umberto de Giovannangeli

OutStream Desktop
Top right Mobile

Guerra, tregua. In attesa di un’altra guerra. Le elezioni in Israele avvengono in questo clima. Si fanno così. In un Paese che si sente perennemente in trincea, dove la minaccia esistenziale è da tempo, forse da sempre, l’elemento fondante dello “spirito nazionale”, chi dimostra di meritarsi il titolo di “Mr. Sicurezza”, novantanove volte su cento, è destinato a vincere le elezioni. In questo, Benjamin Netanyahu si è rivelato il campione assoluto. E così, in una eterna coazione a ripetere, ecco riaccendersi il dibattito interno a Israele su chi ha vinto e chi ha perso nell’ultima escalation di violenza sul fronte di Gaza. Il tutto, ovviamente, in chiave elettorale.

Middle placement Mobile

Dibattito aperto

Dynamic 1

Un dibattito intenso, che divide e appassiona. A darne conto sono le riflessioni di Yossy Verter e Odeh Bisharat su Haaretz.

Scrive Verter: Domenica sera è calato il sipario sull’operazione “Breaking Dawn” nella Striscia di Gaza, con l’entrata in vigore di un cessate il fuoco mediato dall’Egitto. L’esercito più potente e sofisticato del Medio Oriente è riuscito a sconfiggere un’organizzazione terroristica mediocre con poche migliaia di combattenti armati, senza essere trascinato in settimane di logoramento reciproco.

Dynamic 2

 La tradizionale “asprezza” e la sensazione deludente di un “pareggio” hanno lasciato il posto a una certa euforia. Non è stato risolto alcun problema fondamentale, né è stata effettuata una cura canalare per il grave problema di Gaza.

L’autunno arriverà presto, e la pioggia laverà via la polvere dalle batterie di Iron Dome, i fiori sbocceranno, i campi diventeranno verdi, i nuovi comandanti dell’IDF impareranno a conoscere il loro nuovo lavoro – e i semi del prossimo conflitto germoglieranno. Supponendo che non ci si svegli con un nuovo lancio di razzi dalla Striscia di Gaza, è possibile affermare che l’operazione si è conclusa in quello che è stato un sogno per Israele: Nessuna vittima e danni minimi da parte israeliana, contro l’eliminazione completa dei vertici della Jihad islamica palestinese e pesanti danni alle sue capacità operative. Senza dubbio, si tratta di un fiore all’occhiello per Yair Lapid, un primo ministro nuovo e inesperto, ma anche per il ministro della Difesa Benny Gantz.

Dynamic 3

Scoppierà ora una guerra per il credito tra i due, che aspirano entrambi allo stesso incarico post-elettorale? Non dovremmo essere sorpresi se ciò accadesse. Secondo i ministri della Difesa, i due hanno gestito la breve operazione in eccezionale armonia. Le tensioni che si attribuivano loro all’inizio dell’operazione non sono state affatto avvertite. Lapid non ha fatto alcuna mossa senza Gantz, e Gantz non ha cercato di sfruttare la sua lunga esperienza militare e di sicurezza per indebolire il primo ministro.

Mancano ancora diversi mesi alle elezioni. Chissà cosa potrebbe accadere nelle prossime 11 settimane, ma almeno per ora ci sono alcuni punti da sottolineare. In primo luogo, Lapid e Gantz hanno dimostrato di saper gestire una crisi di sicurezza in modo responsabile, mostrando un sano giudizio e senza alcun litigio. In secondo luogo, la strategia di Benjamin Netanyahu e del Likud di inquadrare il governo di Lapid (e in particolare il primo ministro stesso) come inesperto e impulsivo non ha funzionato.

Dynamic 4

Inoltre, l’apparente esplosività che circonda Tisha B’Av e la visita degli ebrei al Monte del Tempio di domenica è avvenuta senza problemi. Il controverso legislatore di estrema destra Itamar Ben-Gvir ha tentato il più possibile di accendere una fiamma che avrebbe incendiato Gerusalemme, ma ha fallito.

Infine, queste elezioni saranno determinate dagli elettori del centro-destra. I principali componenti del “governo del cambiamento”, soprattutto Kahol Lavan-Nuova Speranza e Yesh Atid, chiedono la fiducia di questi elettori. La doppia decisione di attaccare la Jihad islamica e di permettere agli ebrei di visitare il Monte del Tempio nonostante la delicatezza della situazione – così come Naftali Bennett ha permesso alla Marcia della Bandiera nel giorno di Gerusalemme di passare attraverso la Porta di Damasco – non hanno dato a questo segmento di elettorato alcun motivo di temere un governo guidato da Lapid o Gantz.

Dynamic 5

Questo naturalmente non garantisce che il blocco di Netanyahu non otterrà gli auspicati 61 seggi della Knesset (su 120) alla fine della giornata. Ma almeno in questa fase, Lapid e Gantz – separatamente, ovviamente – hanno qualcosa su cui lavorare più avanti. Domenica il partito Likud ha avvertito una certa amarezza. Con le elezioni che incombono, saranno costretti a ricalcolare la rotta desiderata. I membri della Knesset sono stati mandati negli studi televisivi con messaggi zoppicanti, che oscillavano tra un sostegno reticente e un piagnisteo amaro e patetico.

Avi Dichter, ad esempio, si è lamentato amaramente del fatto che Israele non abbia iniziato una guerra totale contro Hamas. Il suo leader, il capo dell’opposizione Benjamin Netanyahu, si è presentato domenica mattina nell’Ufficio del Primo Ministro nel quartier generale dell’esercito israeliano a Tel Aviv per ricevere un briefing sulla sicurezza: Mr. Statesmanship in persona. Quando Netanyahu ha lasciato l’incontro, si è verificato l’inimmaginabile. Ha detto, nella stessa frase, che sostiene sia il governo che l’establishment della sicurezza. E ha anche detto di aver prestato “la sua esperienza… un buon consiglio, che potrebbe essere utile per la sicurezza di Israele”.

Senza dubbio, Netanyahu ha molta esperienza – anche se sul fronte di Gaza si tratta di esperienze negative. I suoi consigli hanno indubbiamente un valore, ma abbiamo solo una domanda: Perché ha tenuto nascoste le sue utili intuizioni al governo e ai suoi leader per un anno e due mesi, e ha ricordato la “sicurezza di Israele” solo durante un’operazione militare, e solo perché sapeva che avrebbe potuto fare brutta figura se avesse continuato con questo rifiuto. Cala la notte, sorge l’alba e Bibi Netanyahu non cambia”. Così Verter.

Un punto per “Bibi”.

Ad assegnarglielo è Odeh Bisharat. E lo spiega così: “All’inizio di aprile del 1996, Shimon Peres indossò il suo famoso cappotto militare invernale e diede inizio all’Operazione Grapes of Wrath in Libano. Quaranta giorni dopo, subì una clamorosa caduta. Contrariamente a tutte le previsioni, fu sconfitto alle elezioni da un giovane candidato di nome Benjamin Netanyahu. Dieci anni dopo, Ehud Olmert raggiunse la carica di primo ministro e, a differenza del suo predecessore, Ariel Sharon, che era un militare più esperto e più avventuriero, Olmert decise di abbattere gli Hezbollah in Libano dopo il rapimento di tre soldati israeliani.

Pochi mesi dopo, si ritrovò isolato, odiato e in seguito perse il potere dopo essere rimasto invischiato in affari di corruzione. Un leader con un curriculum civile non conta in Israele. Senza il battesimo del fuoco, è zoppo. Un curriculum civile va bene per gli smidollati, non per i nipoti dei Maccabei. Mentre un’identità di destra è sufficiente per un uomo di destra, un uomo di centro, o della cosiddetta sinistra sionista, ha bisogno di qualcos’altro per entrare nel pantheon della leadership: sangue palestinese o libanese, a seconda della stagione.

Dopo che Olmert iniziò la guerra contro il Libano nel 2006, un osservatore attento notò che il gruppo di personaggi riuniti intorno a lui per lodarlo assomigliava ai capi mafia de “Il Padrino” che giuravano fedeltà a Michael Corleone dopo che questi aveva brutalmente eliminato i suoi nemici. Oggi Bezalel Smotrich benedice Yair Lapid dopo il suo sanguinoso battesimo: Attacca con forza e determinazione, hai il nostro pieno sostegno.

Ma con tutto l’entusiasmo per le prestazioni del nuovo dio, la strada è ancora lunga. Ricordiamo che il suo alleato nel “governo del cambiamento”, Benny Gantz, ha iniziato la sua campagna elettorale con la presentazione dei 1.364 teschi palestinesi raccolti a Gaza. Per ora, Lapid sta ancora arrancando nella fascia bassa dei primi cento. Ma Israele non è stato abbandonato, ecco che Smotrich, il nuovo alleato di Lapid, ha già segnato la strada per un’altra raccolta di teschi palestinesi, e in un secondo post ha scritto, dalla preghiera speciale recitata per il digiuno di Tisha B’Av di domenica: “Perché tu, o Signore, l’hai consumata con il fuoco; e con il fuoco la restaurerai in futuro”.

Non fermate Lapid, la leadership in Israele è costruita sui crani dei palestinesi. Se ai bei tempi “sparavano e piangevano”, oggi sparano e ballano. Una volta il portavoce dell’IDF in arabo se ne usciva con dichiarazioni serie, oggi c’è un ufficiale di nome Avihai Edrei, che è più che altro un propagandista il cui compito è insultare la fiducia degli arabi in se stessi. È questo il volto degli ebrei che hanno arricchito il mondo per generazioni nella scienza e nella filosofia? In arabo si dice: “I vostri cervi sono stati sostituiti dalle scimmie”. Dopo l’era dei giganti del pensiero ebraico – Leibowitz, Freud, Marx e altri – ecco i loro eredi: Un letale capo di stato maggiore dell’IDF, un ministro della Difesa decorato con teschi e un portavoce della propaganda. Ogni salasso e la maledizione che ne deriva.

Peres, Kafr Qana, dove oltre 100 rifugiati che si nascondevano per paura dell’Idf sono stati uccisi, ovviamente “involontariamente”, dai bombardamenti israeliani. Olmert, che ha voluto approfittare delle ultime ore prima del cessate il fuoco e ha causato la morte di altri 33 soldati israeliani – e non parliamo delle vittime libanesi, chi le conta? Oggi tocca a Lapid subire la maledizione della bambina di 5 anni Ala Qadum, uccisa durante l’assassinio del comandante palestinese a Gaza. Quello che era così spaventoso e minaccioso – tanto che il portavoce dell’Idf ha dimenticato il suo nome, se lo avesse saputo un po’ prima. Ecco perché voglio dire a tutti quegli stimati personaggi impegnati a scambiare sangue per voti che il sangue palestinese non fornisce voti – punisce soprattutto chi ci specula sopra. Allo stato attuale delle cose, sembra che gli arabi non saranno entusiasti di andare a votare. E nel momento in cui gli elettori di destra non sostituiranno i loro dei, gli arabi, con la merce avariata della bancarella “Anyone But Bibi”, si terranno lontani dalle urne.

Quindi – conclude Bisharat –  a partire da oggi, possiamo dire: Bye, bye Lapid. Congratulazioni, Netanyahu”.

Il dibattito è aperto. Le posizioni divergono, ma c’è una cosa che colpisce: l’assenza dell’altro da sé. I palestinesi esistono come dato “oggettivo”, non come una entità da tenere in conto per se stessa e non in quanto minaccia da contrastare. Anche sul fronte progressista israeliano l’orizzonte più avanzato è quello della “tolleranza”. Nulla di più. Un sentimento certo più pacifico di quello di cui è animata la destra ebraica, per la quale ogni palestinese è un potenziale terrorista il cui unico desiderio nella vita è quello di cancellare Israele dalla faccia della terra.

La tolleranza porta con sé l’idea della superiorità: io ti “tollero” ma non ti considero mio pari. E a ben vedere è lo stesso atteggiamento che gli ebrei israeliani, l’’80% della popolazione, nutre nei confronti degli arabi israeliani che rappresentano il 20% della popolazione. Esistono, purtroppo, e viso che non li possiamo cacciare, li “tolleriamo”. Ma come cittadini di serie B. Per i palestinesi è ancora peggio. 

Se fosse per i leader della destra ultranazionalista, il problema di Gaza sarebbe risolto una volta per tutte. Come? Sganciando un’atomica sulla Striscia. Quanto poi alla popolazione palestinese di “Giudea e Samaria” (i nomi biblici della West Bank) che si ostina a vivere in “Eretz Israel” – la Terra d’Israele – la soluzione agognata è quella di metterli sui pullman o sui treni e spedirli nella vicina Giordania. Così stanno le cose. Certo, esistono voci critiche e Globalist le ha fatte conoscere ai suoi elettori. Firme storiche del giornalismo israeliano – due su tutte, Gideon Levy e Amira Hass  – e anche politici (la neo leader del Meretz, Zehava Galon, ad esempio) e associazioni per i diritti umani – due su tutte, Peace Now e B’tselem – che continuano a denunciare  il regime di apartheid instaurato da Israele in Cisgiordania e l’assedio di Gaza che dura da 16 anni.

Voci libere, importanti, da sostenere e amplificare. Ma pur sempre voci minoritarie. Perché oggi in Israele ad aver vinto, prima ancora che nelle urne, nella società, è il pensiero, l’ideologia della destra. Quella che non ammette neanche l’idea di uno Stato palestinese. Quella per cui chiunque osi criticare il pugno di ferro contro i palestinesi è un antisemita che sogna una nuova Shoah. Nucleare. Per questa destra che detta legge, non esistono avversari ma soltanto nemici da spazzar via. Ad ogni costo. Con ogni mezzo. Così è stato con Yitzhak Rabin. Ricordarlo è un dovere. Perché senza memoria non c’è futuro. Almeno, un futuro di pace. 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile