Top

L'onda putrida del trumpismo va oltre l'America. E raggiunge Israele

Un cancro le cui metastasi si stanno estendendo al corpo di ogni democrazia. Un’ondata che investe anche Israele

L'onda putrida del trumpismo va oltre l'America. E raggiunge Israele
Repressione in Israele

globalist

26 Giugno 2022 - 13.04


Preroll

L’onda lunga e putrida del “trumpismo” non investe soltanto gli Stati Uniti. L’onda della controrivoluzione reazionaria, fondamentalista, ha una dimensione globale. Planetaria. Un cancro le cui metastasi si stanno estendendo al corpo di ogni democrazia. Un’ondata che investe anche Israele

OutStream Desktop
Top right Mobile

Segnale d’allarme

Middle placement Mobile

A darne conto, con coraggio e nettezza, è come sempre Haaretz. Anzitutto con un editoriale redazionale.

Dynamic 1

“La sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti che abolisce i diritti delle donne sul proprio corpo dovrebbe essere un segnale di allarme e non solo per la società americana. Questa sentenza fa regredire i diritti e lo status delle donne, crea discriminazioni tra donne ricche e donne povere e mette in pericolo la vita e la salute delle donne che, a seguito della sentenza, saranno costrette a subire aborti clandestini.

Anche in Israele la gente deve capire che i giudici che si impegnano per i diritti umani, i giudici con sensibilità umana e sociale, non sono un lusso. Sono essenziali per una vera democrazia, che va oltre la semplice regola della maggioranza.

Dynamic 2

In Israele, l’ex ministro della Giustizia Ayelet Shaked ha introdotto una rivoluzione nella scelta dei giudici. Invece di un sistema basato principalmente sull’eccellenza professionale e sull’idoneità della personalità, è stato adottato un metodo di nomina di giudici di destra-ultranazionalisti e religiosi, membri del “club dei vecchi ragazzi”, la cui principale virtù è la mancanza di impegno nei confronti dei diritti umani – sulla base della mendace affermazione che prima del mandato della Shaked i giudici erano di sinistra, laici e antisionisti. Il sabotaggio del ramo giudiziario, sia con le nomine stesse sia modificando il processo di nomina, come proposto di recente dal Likud, è uno dei segni salienti di una transizione verso una forma di governo populista. Il tentativo è quello di distruggere il sistema di pesi e contrappesi – che in Israele è comunque molto debole – e di dare al governo un potere illimitato. La “regola della maggioranza” non protegge adeguatamente tutti, soprattutto in una società che non ha un ampio consenso liberale. Senza giudici dediti ai diritti umani, la tutela legale è a tutti gli effetti negata a chi non fa parte della maggioranza al potere, compresi i richiedenti asilo, i cittadini arabi e gli abitanti palestinesi della Cisgiordania.

È negata anche a tutti i gruppi che devono affrontare pregiudizi e una tradizione di discriminazione, come le donne, le persone LGBTQ e gli israeliani etiopi, perché la loro protezione si basa sulle leggi fondamentali e sulla supervisione giudiziaria. Ma il controllo giudiziario ha valore solo se il ramo giudiziario è indipendente e non minacciato, e i suoi giudici considerano la protezione di ogni persona come la loro missione.

Dynamic 3

All’inizio degli anni Cinquanta, l’allora Procuratore Generale Haim Cohen diresse il governo dell’epoca a non perseguire gli abortisti e a non denunciare penalmente coloro che praticavano l’interruzione di gravidanza, se non in casi di grave negligenza medica. Egli emanò questa direttiva nonostante la legge del Mandato britannico allora in vigore vietasse l’aborto (così come l’attività sessuale tra persone dello stesso sesso, che egli aveva anche ordinato di non criminalizzare). Questo è il tipo di giudice di cui Israele ha bisogno.

Il potere politico che si confronta con il campo Netanyahu-Ben-Gvir deve porre questa richiesta in primo piano”.

Dynamic 4

Così l’editoriale.

Disastro annunciato

Dynamic 5

Lo racconta con grande precisione storico-analitica, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, Amir Tibon.

Annota Tibon: “La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti di venerdì scorso di rovesciare la sentenza Roe v. Wade è stata scioccante, ma non è stata in alcun modo sorprendente. Questa decisione è stata una certezza fin dalla vittoria di Donald Trump alle elezioni presidenziali del 2016. Solo che è stata finalmente annunciata nel fine settimana.

Hillary Clinton, l’avversaria di Trump in quell’elezione, è stata ridicolizzata nel 2016 da gran parte dei media mainstream statunitensi per il presunto “fearmongering” sulle implicazioni di una presidenza Trump. Gli opinionisti che vivono comodamente nelle “bolle blu” americane lungo le coste, si sono divertiti a deridere la Clinton ogni volta che ha messo in guardia dalle conseguenze devastanti per gli americani se avesse perso.

Ma la Clinton, con tutti i suoi ben documentati difetti, aveva ragione quando ha avvertito che le elezioni avrebbero potuto portare a una catastrofe. Perché lei, a differenza degli esperti opinionisti, aveva capito che le elezioni non riguardavano le e-mail, le confessioni di palpeggiamenti, il laptop di Anthony Weiner o tutti gli altri argomenti trattati negli studi televisivi. Si trattava della Corte Suprema degli Stati Uniti e della storica opportunità di nominare diversi giudici nell’arco di quattro anni. È questa la posta in gioco nel 2016: una questione complicata rispetto alle notizie appariscenti che hanno riempito l’etere durante la campagna elettorale. E, come si è scoperto, molto importante.

Il resto della storia è facile da riassumere. Trump ha vinto, ha nominato tre giudici conservatori che hanno mentito nelle loro dichiarazioni quando gli è stato chiesto di rovesciare la Roe, e da quel momento in poi la morte della Roe è stata solo una questione di tempo – una questione di quando, non di se. È successo finalmente venerdì 24 giugno, una data che tra qualche anno sarà discussa come un punto di svolta nella politica americana. Ma il giorno in cui la Roe è stata veramente ribaltata è stato l’8 novembre 2016, quando la Clinton ha perso le elezioni a favore di Trump a causa di decine di migliaia di elettori di sinistra in stati chiave che hanno scelto di dare il loro voto al Partito Verde o di scrivere il nome di Bernie Sanders, permettendo così a Trump di vincere nonostante abbia ottenuto solo il 47% dei voti in Wisconsin e Michigan e solo il 48% in Pennsylvania.

La vittoria di Trump nel 2016 ha aperto le porte a un grande cambiamento nella composizione ideologica della Corte Suprema – i cui risultati sono stati testimoniati negli ultimi mesi con decisioni drammatiche non solo sull’aborto, ma anche sulle armi, la religione e lo Stato, l’istruzione e altro ancora. Qui in Israele, una vittoria della coalizione di partiti religiosi e di estrema destra guidata da Netanyahu in autunno avrà lo stesso tipo di impatto. Non sarà un risultato elettorale “come tanti”. Cambierà Israele in modi che la maggior parte degli israeliani attualmente fatica a immaginare, proprio come la maggior parte degli americani non pensava che le elezioni del 2016 avrebbero effettivamente portato al ribaltamento di un precedente legale pluridecennale sostenuto dalla stragrande maggioranza degli americani.

Netanyahu ha un piano per il giorno successivo alle elezioni, nel caso in cui lui e i suoi alleati vincano il numero magico di 61 seggi alla Knesset e riescano a formare il governo più estremo e religioso di Israele di sempre. Vogliono trasformare la Corte Suprema di Israele, oggi un ramo del potere forte e indipendente, in un’entità debole e sottomessa che non oserà ostacolarli nell’attuazione di cambiamenti radicali all’ordine attuale di Israele.

Trump ha cambiato l’equilibrio della Corte Suprema degli Stati Uniti nominando giudici ultraconservatori per sostituire sia il moderato Anthony Kennedy che la liberale Ruth Bader Ginsburg, che sarà per sempre ricordata come la giudice che non sapeva quando andare in pensione. Il piano di Netanyahu, tuttavia, non lo vedrà nemmeno preoccuparsi di cambiare la composizione della Corte, almeno non subito. Ha una soluzione più semplice e veloce: approvare una legge che aggiri la capacità della Corte di condurre una revisione giudiziaria, dando alla più piccola maggioranza possibile della Knesset il potere di annullare le decisioni della Corte Suprema.

Cosa significherebbe questo per la vita quotidiana in Israele? Che se un governo dipendente dai partiti religiosi e di estrema destra, come quello che Netanyahu intende formare dopo le elezioni, sarà trascinato da questi partiti ad approvare leggi che discriminano le donne, gli israeliani LGBTQ o i cittadini arabi di Israele, la Corte non sarà più in grado di proteggere questi gruppi da tali leggi. Addio uguaglianza, “il Paese più gay friendly del Medio Oriente”, “l’unica vera democrazia in una regione autoritaria”. Benvenuti in un Israele diverso.

Ci sono molte lezioni importanti per gli elettori americani in questa triste storia, ma una ancora più urgente per gli israeliani, che presto si recheranno alle urne per la quinta elezione in meno di tre anni. Questa elezione, che non ha ancora una data ma che si terrà quasi certamente entro la fine del 2022, sarà la versione israeliana delle elezioni statunitensi del 2016. Non si deciderà solo chi sarà il primo ministro, ma anche questioni molto più importanti.

Questo è stato il sogno dei politici ultraortodossi israeliani per molti decenni; ma fino a quando Netanyahu non ha deciso di far saltare il sistema legale israeliano per sfuggire alla sua stessa incriminazione penale, non sono mai stati neanche lontanamente vicini a realizzarlo. Ebbene, ora ci sono riusciti. È su questo che si giocheranno le elezioni israeliane del 2022, a prescindere da quanto i media israeliani, pigri, guidati dai sondaggi e a caccia di voci, cercheranno di concentrarsi su questioni più sensazionali. Volete capire le potenziali conseguenze? Non guardate oltre il nostro amico e alleato, gli Stati Uniti d’America”, conclude Tibon.

Il “trumpismo” sopravviverà al suo fondatore. E avrà volti nuovi e vecchi sodali in giro per il mondo. Uno di questi, tra i più pericolosi e agguerriti, sta in Israele. Il suo nome è Benjamin Netanyahu.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile