Top

Partygate, Scotland Yard multa 20 persone per le feste a Downing Street durante il lockdown

Boris Johnson non è tra le persone multate da Scotland Yard per le feste organizzate nella sede del governo mentre il paese era in lockdown. Uno scandalo che ha fatto precipitare la popolarità del Primo Ministro.

Partygate, Scotland Yard multa 20 persone per le feste a Downing Street durante il lockdown
Scotland Yard

globalist Modifica articolo

29 Marzo 2022 - 15.06


Preroll

Scotland Yard, il comando della polizia britannica, ha confermato di aver notificato 20 multe alle persone coinvolte nello scandalo ‘Partygate’, ossia le feste organizzate a Downing Street, sede del Governo di Londra, nel pieno del primo lockdown, che hanno costretto il primo ministro Boris Johnson a chiedere scusa in Parlamento. 

OutStream Desktop
Top right Mobile

Johnson non è comunque tra le persone multate, come ha specificato il suo portavoce. L’identità delle persone multate non è stata rivelata da Scotland Yard. Le feste su cui si svolgono le indagini sono addirittura dodici, avvenute tutte nel periodo più drammatico dell’epidemia di Covid-19 nel Regno Unito. Una di esse è stata una festa a sorpresa per il compleanno di Boris Johnson. 

Middle placement Mobile

L’opposizione al governo chiede con insistenza le dimissioni di Johnson, accusando Downing Street di aver violato la legge. Persino dentro il partito conservatore c’è chi ha pubblicamente condannato Johnson, chiedendone le dimissioni. Tuttavia queste ‘ribellioni’ interne al partito (Nel Regno Unito sono molto più normali che in Italia, poiché ogni parlamentare non ha nessun impegno di voto verso il partito con cui è stato eletto) sono rientrate al momento dello scoppio del conflitto in Ucraina, che Johnson sta usando per ristabilire la propria popolarità, diventando uno dei più attivi nemici di Putin. 

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile