Top

Ucraina, Putin ha già perso la guerra, secondo Yuval Noah Harari: ecco perché

Per il celebre scrittore israeliano Yuval Noah Harari Putin ha perso la guerra, alimentando odio. Gli ucraini sono un popolo che non permetteranno ai russi di tenere il paese

Ucraina, Putin ha già perso la guerra, secondo Yuval Noah Harari: ecco perché
Yuval Noah Harari

globalist

1 Marzo 2022 - 10.56


Preroll

Vladimir Putin ha già perso la guerra. Questo il verdetto espresso dal celebre storico israeliano Yuval Noah Harari, sulle colonne del Guardian. A meno di una settimana dall’inizio della guerra, è sempre più plausibile che Vladimir Putin si stia avviando verso una sconfitta storica. Potrà anche vincere tutte le battaglie, ma perderà la guerra. Il suo sogno di ricostruire l’impero russo si è sempre basato sulla menzogna secondo cui l’Ucraina non è una vera nazione, gli ucraini non sono un vero popolo e gli abitanti di Kiev, Kharkiv e Leopoli anelano a essere governati da Mosca.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Le sue, però, erano soltanto spudorate falsità: l’Ucraina è una nazione con più di mille anni di storia e Kiev era già una metropoli importante quando Mosca non era neppure un villaggio. Il dittatore russo, tuttavia, racconta questa menzogna da talmente tanto tempo che, a quanto sembra, ci crede lui stesso. Quando ha pianificato l’invasione dell’Ucraina, Putin poteva contare su molti dati certi. Sapeva che dal punto di vista militare la Russia surclassa l’Ucraina. Sapeva che la Nato non avrebbe mandato truppe ad aiutare l’Ucraina. Sapeva che la dipendenza dell’Europa dal petrolio e dal gas russi avrebbe fatto tentennare Paesi come la Germania all’idea di imporre rigide sanzioni.

Middle placement Mobile

Sulla base di questi fatti certi, il suo piano consisteva nel colpire l’Ucraina in modo energico e rapido, decapitarne il governo, installare a Kiev un regime fantoccio e uscire indenne dall’impotente rabbia delle sanzioni occidentali. Nel suo piano, però, c’era un’incognita molto importante. Come hanno appreso gli americani in Iraq e i sovietici in Afghanistan, è molto più facile conquistare un Paese che tenerselo.

Dynamic 1

Secondo Harari i russi possono anche conquistare l’Ucraina, ma gli ucraini hanno dimostrato negli ultimi giorni che non consentiranno ai russi di occupare e tenere il Paese. Con il passare dei giorni, diventa sempre più evidente che la scommessa di Putin è destinata al fallimento. Il popolo ucraino sta resistendo con tutto sé stesso, attirandosi l’ammirazione del mondo intero e vincendo la guerra. Molti altri giorni cupi ci aspettano. I russi potrebbero anche riuscire a conquistare l’Ucraina intera. Ma, per vincere la guerra, i russi dovranno riuscire a tenersela, e potranno farlo soltanto se il popolo ucraino glielo permetterà. Tuttavia, sembra sempre più inverosimile che una cosa del genere possa accadere.

L’odio è il peggiore dei sentimenti. Ma, per le nazioni oppresse, l’odio è come un tesoro nascosto: è sepolto in fondo al cuore e può alimentare la resistenza per generazioni. Per ricostruire l’impero russo, Putin ha assolutamente bisogno di una vittoria che sia relativamente senza spargimento di sangue e porti a una pace relativamente senza odio. Versando sempre più sangue ucraino, Putin può star certo che il suo sogno non si realizzerà mai.

Dynamic 2

Questi ultimi giorni hanno dimostrato in modo inequivocabile al mondo intero che l’Ucraina è una vera nazione, gli ucraini sono un vero popolo e non vogliono vivere sotto un nuovo impero russo, nella maniera più assoluta. Resta irrisolta soltanto una domanda: quanto tempo servirà prima che questo messaggio penetri negli spessi muri del Cremlino?

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage