Top

La velocista bielorussa in esilio a Varsavia: "Continuo a ricevere minacce"

Kristina Timanowskaja terminati i Giochi di Tokyo s'è rifugiata in Polonia per aver criticato il regime di Lukashenko

Kristina Timanowskaja

globalist

25 Novembre 2021


Preroll

Una storia che dimostra quanto sia difficile la vita per chi osa criticare i boiardi al potere a Minsk.

OutStream Desktop
Top right Mobile

 La velocista bielorussa Kristina Timanowskaja vive ancora sotto minacce. Sono passati più di tre mesi da quando, terminati i Giochi di Tokyo s’è rifugiata in Polonia per aver criticato il regime di Lukashenko. “Ho paura. E continuo a ricevere minacce, anche su Instagram. ‘Ti spezzeremo braccia e gambe’, mi scrivono”, ha detto l’atleta alla rivista Stern.

Middle placement Mobile

Durante le Olimpiadi in Giappone, Timanovskaya aveva detto pubblicamente di essere stata messa sotto pressione dal suo allenatore e dal vicecapo del centro di allenamento nazionale.

Dynamic 1

Avrebbe dovuto volare a casa contro la sua volontà prima della sua gara di 200 metri dopo aver criticato pubblicamente il suo allenatore.

Temendo conseguenze al rientro in patria si è rivolta alla polizia e alla fine ha trovato aiuto presso l’ambasciata polacca.

Dynamic 2

La decisione “ha completamente scosso la sua vita”: “Ma rifarei la stessa cosa oggi. Se fossi tornata in Bielorussia, mi avrebbero portato in una clinica psichiatrica. Era tutto pronto”.

Anche suo marito, l’atleta Arseniy Sdanewitsch, è riuscito a fuggire. La coppia ora vive in esilio a Varsavia, con rigorose misure di sicurezza.

Dynamic 3
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage