La Tunisia davanti al baratro della guerra civile

Washington si è finalmente accorta che il paese sta per implodere. E che il rischio di una guerra civile è sempre più immanente con destabilizzanti effetti a catena per tutta la Sponda Sud del Mediterraneo.

Proteste in Tunisia

Proteste in Tunisia

Umberto De Giovannangeli 1 agosto 2021

Washington si è finalmente accorta che la Tunisia sta per implodere. E che il rischio di una guerra civile è sempre più immanente con destabilizzanti effetti a catena per tutta la Sponda Sud del Mediterraneo.

Gli Usa in campo

La Tunisia deve ritrovare rapidamente la "via della democrazia", ha detto ieri sera un alto funzionario della Casa Bianca a Kais Saied pochi giorni dopo che il presidente tunisino ha preso il potere esecutivo e sospeso per un mese l'attività del Parlamento.    In una telefonata di un'ora con Saied, il consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente americano Joe Biden, Jake Sullivan, ha espresso il suo sostegno alla "democrazia tunisina basata sui diritti fondamentali, su istituzioni forti e sull'impegno per lo Stato di diritto", secondo una dichiarazione della Casa Bianca.

Alle radici di una crisi annunciata

Di grande interesse è la lettura della crisi tunisina, offerta da uno dei più autorevoli analisti politici israeliani, firma storica di Haaretz: Zvi Bar’el.

 “I manifestanti che hanno fatto irruzione nelle strade di Tunisi e di altre città tunisine – scrive Bar’el - questa settimana cantavano ‘Il colpo di stato deve fallire’ e ‘ Saied, vigliacco, il parlamento non sarà umiliato’. Un colpo di stato, nientemeno, è il modo in cui gli oppositori del presidente Kais Saied hanno descritto la sua decisione questa settimana di licenziare il primo ministro e diversi altri ministri, sospendere il parlamento e imporre un coprifuoco di 30 giorni.

Al contrario, i sostenitori del presidente e delle sue ultime mosse hanno inondato i social media con richieste di stabilire un forte sistema presidenziale di governo, spodestare il partito islamista Ennahda (‘Rinascita’) dal potere e iniziare a gestire il paese in modo più aggressivo. I media arabi e occidentali, nel frattempo, hanno sollevato le domande più ovvie. La Tunisia, l'unico paese che è riuscito a stabilire una democrazia dopo le rivoluzioni della primavera araba, sta tornando indietro? Sta tornando al regime dittatoriale di Zine El Abidine Ben Ali, che è fuggito dal paese dopo la rivoluzione del 2011? Si tratta di un evento spartiacque che potrebbe distruggere il paese, o solo un'altra crisi, per quanto grave e pericolosa, che potrebbe essere risolta con un accordo?

Negli ultimi due anni, le stesse condizioni che hanno alimentato la rivoluzione dei gelsomini del 2011 si sono realizzate. La disoccupazione è salita al livello spaventoso di quasi il 20% in generale, e al 40% tra i giovani. Il turismo, una delle fonti di reddito strategiche del paese, non si è ancora ripreso dal colpo infertogli dalla crisi del coronavirus. E la sua leadership politica non ha offerto soluzioni reali a nessuno di questi problemi. Con i suoi fallimenti, il governo ha trasformato la Tunisia nel paese africano più colpito dal virus, con circa 574.000 casi e 19.000 morti su una popolazione di circa 12 milioni. Aveva bisogno della donazione di un milione di vaccini arrivati dagli Stati Uniti questa settimana.

I preparativi per le proteste sono iniziati mesi fa. Le marce si svolgono tradizionalmente a dicembre, in memoria di Mohamed Bouazizi, un venditore ambulante che ha dato il via alla rivoluzione dei gelsomini quando si è dato fuoco quel mese. Quest'anno, i disordini sono stati relativamente silenziosi a causa del coronavirus, ma i manifestanti hanno apparentemente deciso di incendiare il paese in un anniversario non meno importante - il 25 luglio, il giorno in cui nel 1957 il paese appena indipendente abolì la sua monarchia e divenne una repubblica. Questo giorno è stato da allora una festa nazionale, ed è stato in questa data che il presidente ha scelto di prendere le misure drammatiche che hanno scosso il paese. Il 25 luglio è anche il giorno in cui è morto il precedente presidente della Tunisia, Beji Caid Essebsi. Due mesi dopo, Saied ha vinto le elezioni ed è entrato in carica nell'ottobre 2019. Quella era la seconda elezione democratica del paese (la prima fu nel 2014), e sembrava che la Tunisia avesse fortificato le mura contro il ritorno della dittatura che viveva prima della rivoluzione. Ma i video postati sui social media questa settimana hanno mostrato la polizia che picchiava i manifestanti e li disperdeva con enormi quantità di gas lacrimogeni, sollevando nuovi dubbi. Queste scene hanno ricordato le enormi manifestazioni scoppiate nel 2013, che hanno minacciato di smantellare il fragile governo istituito dopo la rivoluzione. Quello stesso anno, due figure pubbliche di spicco sono state assassinate - l'avvocato Chokri Belaid e il politico Mohammed Brahmi - che hanno scatenato rivolte. Gli assassinii hanno avuto luogo sullo sfondo degli attacchi terroristici islamisti in Tunisia, esacerbando la possibilità di una guerra civile.

Riconciliazione di facciata

Grazie a un accordo politico tra i capi dei partiti, il governo è stato in grado di ristabilire la calma, tenere le elezioni e instaurare un dialogo nazionale tra la maggior parte dei movimenti politici tunisini. Questo dialogo nazionale è culminato nell'accordo di Cartagine, che è stato firmato nel luglio 2016 da tutti i partiti della coalizione di governo, così come la maggior parte di quelli dell'opposizione, il sindacato più forte del paese e l'associazione dei produttori. Quel patto ha posto le basi per il modo in cui il paese è gestito oggi.

Formalmente, la Tunisia ha un sistema di governo ‘semi-presidenziale’. Ciò significa che il potere è diviso tra il presidente, che è eletto direttamente per un mandato di cinque anni, e il primo ministro, che è scelto dal presidente dal partito che ha vinto la maggioranza dei voti. Il primo ministro deve poi formare un governo, che deve essere approvato dal parlamento.

Secondo la Costituzione, il presidente è il comandante in capo dell'esercito. Controlla anche la politica estera e la sicurezza interna e, in ‘circostanze eccezionali’, può sospendere il parlamento. Può anche chiedere che il parlamento riveda le leggi che, secondo lui, sono incostituzionali.

Il primo ministro è responsabile di tutte le altre aree dell'attività di governo e deriva la maggior parte del suo potere dal parlamento. Questo sistema era destinato a creare un consenso governativo che avrebbe impedito le dispute ideologiche tra destra e sinistra e tra religiosi e laici - il tipo di dispute che hanno causato i disordini scoppiati tre anni prima.

Questo sistema di governo apparentemente assicura la calma politica, e quindi assicura che il governo possa fare il suo lavoro. Ma il fatto che il primo ministro sia stato sostituito tre volte dalla firma dell'accordo di Cartagine dimostra che la riconciliazione politica è solo una facciata.

Il più grande difetto del sistema è che il governo non è riuscito a promulgare le riforme necessarie per rimettere in piedi il paese. Decine di leggi sono state presentate al parlamento per essere approvate, ma poiché non hanno ottenuto un accordo ‘consensuale’, continuano a prendere polvere.

Nessuna riforma economica che possa danneggiare né i lavoratori né i produttori, due gruppi rappresentati in parlamento, può essere approvata. Una riforma dell'esercito, fortemente indebolito negli ultimi anni a favore di una forza di polizia più forte, non viene attuata a causa delle obiezioni del presidente. E una riforma legale che avrebbe dovuto includere l'istituzione di una corte costituzionale langue anch'essa nella gabbia del consenso. Saied ha annunciato questa settimana che sospendeva il parlamento e licenziava i ministri in conformità con l'articolo 80 della costituzione, che gli concede questi poteri in ‘circostanze eccezionali’. Gli esperti giuridici hanno accusato che stava distorcendo il linguaggio della costituzione. Questo è il tipo di controversia che la corte costituzionale avrebbe dovuto risolvere, ma in sua assenza, Saied può attenersi alla sua interpretazione senza che nessun altro organo statutario sia autorizzato a contraddirlo. Di conseguenza, i politici e i giornalisti tunisini possono solo sperare che il presidente, un avvocato di formazione che è stato professore di diritto prima di entrare in politica, dimostri anche di avere una coscienza professionale e riconvochi il parlamento alla fine dei 30 giorni previsti dalla costituzione.

Saied cerca di calmare queste paure dicendo che ha fatto questo passo insolito solo perché il primo ministro e il suo gabinetto hanno gestito così male gli affari del paese, in particolare durante il coronavirus, causando un'esplosione di proteste pubbliche che hanno minacciato la stabilità del paese e la sicurezza della popolazione. Ma questi argomenti non convincono i suoi oppositori, che dicono che avrebbe potuto sostituire il primo ministro e licenziare i ministri senza sospendere il parlamento, e certamente avrebbe potuto consultare prima lo speaker del parlamento.

Ma anche questo argomento è falso, perché lo speaker è Rached Ghannouchi, il fondatore di Ennahda (colpito stamane da un lieve malore, ndr)  È un discepolo dei Fratelli Musulmani che è stato perseguitato per anni dal regime di Ben Ali ed è tornato in patria solo dopo la fuga del dittatore. Ghannouchi è il principale sostenitore del primo ministro spodestato Hichem Mechichi, quindi anche se il presidente dovesse consultarlo, è improbabile che dia il via libera all'estromissione.

Lunedì, l'ottantenne Ghannouchi si è unito a un gruppo di sostenitori di Ennahda che teneva un sit-in fuori dal parlamento per chiedere che si riunisse di nuovo. Nonostante il caldo cocente, è rimasto seduto con loro per 12 ore. Ma le sue speranze di mobilitare così un movimento di protesta di massa sono state deluse.

Ghannouchi aveva pensato che anche l'Occidente, in particolare la Francia e gli Stati Uniti, si sarebbe mobilitato contro questa misura antidemocratica e avrebbe fatto pressione su Saied per invertire la rotta. Ma anche qui è rimasto deluso. Quando i leader di questi paesi hanno detto che seguivano gli eventi con preoccupazione e chiedevano il rispetto dei principi democratici, ma si sono astenuti dal pronunciare condanne o minacce, Ghannouchi ha capito che era il momento di ritirarsi. Due giorni dopo, ha annunciato che avrebbe cercato di riaprire un dialogo con il presidente per far riconvocare il parlamento.

I tunisini hanno visto l'annuncio di Ghannouchi come la fine della protesta, almeno da parte dei movimenti islamisti. Gli alti funzionari del governo stanno già facendo ipotesi su chi sarà il prossimo primo ministro e prevedono la vittoria di Saied nella battaglia politica in corso. Ma la questione della nomina di un nuovo primo ministro è secondaria rispetto alla questione delle intenzioni del presidente. I sondaggi dell'opinione pubblica mostrano un crescente sostegno alla modifica della Costituzione per rendere il sistema di governo della Tunisia completamente presidenziale, al fine di uscire dall'impasse politica che il sistema attuale ha creato. Ma se Saied cerca di acquisire più potere per sé, avrà bisogno del sostegno del parlamento. Non gli è garantita una maggioranza, poiché i partiti che compongono la coalizione di governo sono riusciti ad assicurarsi dei vantaggi economici e politici con il sistema attuale.

D'altra parte, è possibile che proprio perché temono di perdere questi vantaggi, le onde d'urto generate da Saied porteranno alcuni di questi partiti - primo fra tutti Ennahda, che teme una sorte simile a quella subita dai Fratelli Musulmani in Egitto - a concedere al presidente più potere finché il sistema attuale non sarà dissolto.

Una domanda non meno importante è come l'opinione pubblica risponderà alle prossime mosse di Saied, e in particolare, se offrirà ai gruppi per i diritti umani una maggiore partecipazione al governo e alle sue istituzioni. Se lo farà, non solo neutralizzerà la loro protesta, ma costruirà un'altra base politica per se stesso che potrebbe servirgli bene durante il tempo che gli rimane al potere”.

Qui si conclude la puntigliosa analisi di Bar’el

Non di soli gelsomini

Alla luce della crisi politica e istituzionale che scuote la Tunisia, acquista una valenza “profetica” quanto ebbe a dire a Globalist . Houcine Abassi, già Segretario generale dell’Ugtt (Union générale tunisienne du travail) Premio Nobel per la Pace nel 2015 come membro del Quartetto per il dialogo: Quello compiuto in questi dieci anni non è stato un percorso lineare, la transizione democratica è ancora in atto e non potrà dirsi conclusa se non affronta la grande questione che resta irrisolta ed anzi tende ad aggravarsi”. E quella “grande questione si chiama malessere sociale. L’ex capo del sindacato tunisino ne è assolutamente convinto: “La libertà – sostiene - non può dirsi realizzata se non hai un lavoro, se i giovani non possono costruire il loro futuro, avere una casa, diventare autonomi. In Tunisia, la rivoluzione del 2011 ha abbattuto un regime corrotto, la transizione ha consolidato le istituzioni, abbiamo una Costituzione tra le più avanzate in questa parte di mondo, ma non basta, non può bastare. Perché sul piano sociale il bilancio è negativo: il tasso di disoccupazione è aumentato del 15% a livello nazionale e raggiunto il 25% nelle regioni interne. Quello tunisino è un popolo giovane, e se ai giovani non dai una prospettiva concreta di realizzazione, il futuro è a rischio”. 

Nell'ultimo anno il Pil è cresciuto meno dell'1 per cento, la disoccupazione è schizzata invece al 15% (anche se secondo chi protesta la percentuale è almeno il doppio). I disoccupati sono oltre 600 mila, di cui più di un terzo in possesso di diploma di istruzione superiore .

Le conquiste democratiche, avviate dopo la fuga dell'ex presidente Zine El Abidine Ben Ali, il 14 gennaio 2011, non sono state accompagnate da una crescita economica in cui tutti speravano. Secondo l'ex ministro dell'Economia, Houcine Dimassi, "tutti i numeri indicano un netto peggioramento della situazione economica rispetto al 2010-2011", quando Tunisi registrava un aumento del Pil tra il 4 e il 5 per cento. Una crisi economica drammatica, che non risparmia i beni primari: tutto è caro, la carne rossa costa 25 dinari al chilo, in tavola arriva se va bene una volta al mese. Senza contare che bisogna pagare l'affitto, le bollette, l'assistenza sanitaria, che non è più gratuita per nessuno, neanche per chi ne avrebbe diritto. Un dramma per un Paese, ,  che ha la disoccupazione al 30% e ben poche speranze di mobilità sociale. 

La Tunisia in crisi racconta una verità universale: senza giustizia sociale pace e stabilità sono una illusione.