Top

Global Tax, Olaf Scholz netto: "Anche chi è contrario dovrà adeguarsi"

L'esponente dell'Spd e ministro delle Finanze, fiducioso in un accordo al G20 di Venezia

Olaf Scholz
Olaf Scholz

globalist

9 Luglio 2021 - 09.51


Preroll

“Sono molto fiducioso che saremo in grado di concordare questo importante obiettivo al G20 di Venezia. In questo modo taglieremo le gambe all’insana corsa al ribasso sulle tasse e garantiremo alle nostre comunità una base finanziaria”.
Lo ha affermato il ministro delle Finanze tedesco, Olaf Scholz, in un’intervista a La Repubblica.
“L’accordo – ha continuato Scholz – prevede due pilastri. Il primo è che le grandi aziende attive a livello globale non possano più evitare di pagare le tasse spostando i loro profitti nei paradisi fiscali. La tassazione sarà resa più equa e ridistribuita in modo nuovo tra tutti. In secondo luogo, c’è la questione della tassazione minima al 15%, che dovrà essere applicata in tutto il mondo”.
Quanto all’opposizione manifestata da Paesi come Irlanda, Ungheria ed Estonia, “l’accordo è appena stato raggiunto tra 131 paesi dell’Ocse. Anche quei pochi Stati che non hanno ancora aderito non potranno sottrarsi a lungo – ha affermato il ministro – a questa travolgente dinamica. Sono anni che mi batto per questo risultato. È un passo storico e senza precedenti verso una maggiore giustizia fiscale globale. Ed è un forte segnale per il multilateralismo e la cooperazione globale, che rafforza la fiducia nei nostri sistemi fiscali”.
Chi riguarderà questa tassa? solo Amazon, Google e le Big Tech americane o anche le grandi aziende europee?
“Si applica – ha risposto Scholz – in linea di principio a tutte le multinazionali. In futuro, tutti i profitti realizzati da un’azienda nel mondo saranno tassati ad un’aliquota minima del 15%, indipendentemente da dove sono generati”.
Riguardo all’Europa, il vicecancelliere ha frenato, però, sulla riforma del Patto di Stabilità. Durante la pandemia i criteri di Maastricht “hanno dimostrato di avere tutta la flessibilità necessaria”.
Quanto al Recovery Plan italiano, esprime “piena fiducia” nel nostro Paese e condivide “la valutazione positiva della Commissione Ue sulle riforme e gli investimenti previsti”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage