Top

Così il Libano è finito a un passo dal baratro

Le difficoltà economiche aggravatesi con l’esplosione che che ha danneggiato il porto di Beirut lo scorso agosto, hanno ricevuto un colpo durissimo causato dalla pandemia di Covid

Protesta in Libano
Protesta in Libano

Umberto De Giovannangeli

7 Luglio 2021 - 17.55


Preroll

Il Libano è  a un passo dal baratro. La situazione nel Paese dei cedri è ad un passo dal collasso totale. L. L’immobilismo della politica e il continuo rimbalzo di responsabilità fra il presidente libanese Michel Aoun e il primo ministro Saad Hariri rende ancor più complicato trovare una soluzione. Intanto gli effetti delle difficoltà sono ben visibili sulla pelle dei cittaidni. È la peggior crisi economica degli ultimi 30 anni, la moneta libanese ha perso il 90% del suo valore rendendo impossibile l’accesso ai beni di prima necessità, il 60% della popolazione vive sotto la soglia di povertà, le scorte di farmaci sono quasi terminate.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Bancarotta politica, dramma sociale

Middle placement Mobile

Alla crisi economica è legata anche quella farmaceutica. L’organizzazione degli importatori farmaceutici e dei proprietari di magazzini ha annunciato che un gran numero di farmaci essenziali è ormai terminato, chiedendo misure immediate per affrontare la crisi. Il calo delle riserve della Banca Centrale libanese in valuta estera l’ha costretta a ritardare il pagamento delle quote alla società importatrici di farmaci. Attualmente 1 dollaro è scambiato a 1.515 lire libanesi, il suo suo valore sul mercato nero ha superato le 18.000 lire.

Dynamic 1

“Le importazioni si sono quasi completamente fermate più di un mese fa“, ha affermato l’organizzazione in una nota, spiegando che alla base della crisi ci sia il ritardo dei pagamenti di 600 milioni da parte della Banca ai fornitori.  L’organizzazione ha sottolineato che l’unica soluzione a breve termine sarebbe un accordo tra il ministero della Salute pubblica e la Banca centrale sul mantenimento dei sussidi ai farmaci in base, invitando poi la Banca centrale a destinare un importo mensile all’importazione di medicinali del Libano.

Il Libano è sull’orlo di un disastro che avrà delle “ripercussioni al di fuori del Paese“. Parole drammatiche quelle del primo ministro libanese uscente Hassan Diab. Al fine di prevenire quella che sarebbe una vera e propria “esplosione sociale“, il primo ministro si è rivolto televisivamente alla comunità internazionale chiedendo aiuto. Diab, che presiede il governo in carica dal 4 agosto scorso, giorno della tremenda esplosione nel proto di Beirut, ha aggiunto che qualsiasi governo avrebbe bisogno del sostegno di “nazioni amiche per salvarsi dalla situazione in cui si trova attualmente“.

Dynamic 2

“I libanesi sono stati pazienti e stanno portando il peso di questa lunga attesa. Ma la loro pazienza si sta esaurendo mentre la loro sofferenza aumenta“, ha spiegato Diab. Oltre il 60% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà.  La lira libanese ha perso oltre il 91%del suo valore, ciò rende complicato accedere anche ai più comuni beni di prima necessità. L’insolvenza dello Stato ha generato anche una carenza di carburante che ha creato diversi danni a settori vitali come gli ospedali. Soltanto due delle quattro centrali elettriche del Libano sono attualmente in funzione con scarse forniture di carburante e la società  elettrica statale, E’lectricite’ du Liban, ha avvertito che potrebbe spegnerle se le riserve di gasolio dovessero esaurirsi.

Secondo quanto ha riferito la Banca Mondiale, la recessione che vive il “Paese dei Cedri” potrebbe essere la peggiore al mondo dagli anni ’50 dell’Ottocento. Il Pil è crollato dai 55 miliardi del 2018 ai 33 del 2020 causando così un aumento dell’inflazione che si teme possa essere ancora peggiore quest’anno. Alla crisi finanziaria, si aggiunge poi quella politica. Il Libano non ha un governo da agosto, da quando cioè una esplosione al porto di Beirut ha distrutto parti della città e ha ucciso oltre 200 persone. Diab, allora, rassegnò le dimissioni, ma tuttavia resta a svolgere le funzioni di premier a interim dato che quello designato, Saad Hariri, continua a non riuscire a formare un esecutivo viste le profonde divisioni interne. Uno stallo inaccettabile considerato il dramma umano vissuto da centinaia di migliaia di libanesi a causa della grave situazione economica. Una crisi finanziaria e sociale che si protrae da tempo: già nell’aprile del 2018 una conferenza di donatori internazionale aveva stabilito per il Libano un prestito di 11 miliardi di dollari in cambio di “riforme economiche” che tuttavia non sono state ancora implementate. Beirut vorrebbe avere anche un ulteriore prestito di 10 miliardi dal Fondo Monetario Internazionale, ma per ottenerlo è necessaria prima la formazione di un nuovo governo. Proprio su quest’ultimo punto è tornato a parlare ieri Diab: “Collegare l’assistenza del Paese alla formazione di un nuovo governo è diventato una minaccia per la vita dei libanesi e dell’entità libanese”.

Dynamic 3

Israele in allarme

La crisi libanese è costantemente monitorata da Israele. A darne conto è un dettagliato report su Haaretz di Amos Harel, tra i più autorevoli analisti politici israeliani: “Il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha rilasciato una dichiarazione insolita martedì mattina: A causa della grave crisi economica del Libano ‘e degli sforzi di Hezbollah per portare investimenti iraniani in Libano’ ha inviato a Beirut un’offerta di aiuti umanitari attraverso UnifiL, la Forza Interinale delle Nazioni Unite in Libano. Un giorno prima, all’inaugurazione di un memoriale ai caduti dell’Esercito del Libano del Sud nella città settentrionale di Metula, Gantz ha detto che la vista di persone affamate nelle strade del Libano gli ha fatto male al cuore, e che Israele è disposto a lavorare con altri paesi per cercare di migliorare la situazione. Ci si aspetta che il governo libanese rifiuti il gesto di Israele, e Gantz sicuramente lo sa. Anche quando Israele ha offerto aiuti urgenti dopo l’esplosione nel porto di Beirut lo scorso agosto, il governo ha immediatamente rifiutato. A parte un comitato trilaterale (con l’Onu come terzo membro) che si occupa dei problemi di routine lungo il confine terrestre dei paesi e i colloqui recentemente ripresi per delineare il confine marittimo di Israele e Libano e il controllo delle riserve di gas in mare aperto, i libanesi hanno rifiutato qualsiasi contatto diretto. E nonostante la loro angoscia, non hanno intenzione di deviare da questa politica. Infine, anche se questa possibilità sembra attualmente remota, è consapevole che in circostanze estreme, Hezbollah potrebbe essere tentato di prendere le redini di Beirut, sfruttando la debolezza del governo provvisorio e la crescita della popolazione sciita del paese (la divisione del potere in Libano si basa su un censimento condotto nove anni fa, ma la percentuale di sciiti è cresciuta da allora, mentre quella dei cristiani è diminuita). Sullo sfondo c’è la battaglia in corso per l’influenza regionale tra l’Iran da una parte, e Israele e gli stati arabi conservatori dall’altra. Martedì, l’Iran ha ufficialmente incolpato Israele per un attacco di droni che ha danneggiato un piano di centrifuga nella città di Karaj il mese scorso. Sullo sfondo c’è la battaglia in corso per l’influenza regionale tra l’Iran da una parte, e Israele e gli Stati arabi conservatori dall’altra. Martedì, l’Iran ha ufficialmente incolpato Israele per un attacco di droni che ha danneggiato un piano di centrifuga nella città di Karaj il mese scorso. I leader politici e militari di Israele stanno monitorando da vicino i colpi di scena dei negoziati di Washington con Teheran per un ritorno americano all’accordo nucleare. Stanno anche preparando una lista delle compensazioni militari che Israele spera di ricevere dal presidente americano Joe Biden.

Dynamic 4

Israele comprende che la rimozione della maggior parte delle sanzioni imposte all’Iran dall’ex presidente Donald Trump dopo il ritiro dall’accordo tre anni fa, inietterà gradualmente miliardi di dollari nell’economia iraniana. Parte di questo denaro probabilmente troverà la sua strada verso Hezbollah. E alcuni dei profitti del petrolio iraniano potrebbero essere usati in futuro per aumentare l’influenza iraniana a Beirut.

Il collasso libanese è in corso da diversi anni, ma è stato recentemente accelerato dal coronavirus, dall’esplosione del porto e dalla paralisi politica. Negli ultimi due mesi, il capo di stato maggiore libanese Joseph Aoun ha cercato di ottenere donazioni dall’America e dalla Francia per aiutare il suo esercito a continuare a funzionare. Israele preferirebbe che il denaro per riabilitare sia il paese che il suo esercito venga dall’Occidente e dagli Stati del Golfo piuttosto che dall’Iran, dalla Russia o dalla Cina. Nonostante le sue critiche all’esercito libanese per il suo fallimento nel prevenire le infiltrazioni transfrontaliere e i suoi legami con Hezbollah, Israele preferisce averlo lì come fattore di stabilizzazione, specialmente quando l’alternativa potrebbe essere una maggiore influenza di Hezbollah.

Dynamic 5

Le Forze di Difesa Israeliane rilevano che la situazione finanziaria dei comuni cittadini libanesi è peggiore di quella di un anno fa, quando l’esplosione del porto portò decine di migliaia di persone nelle strade a protestare. Il valore della sterlina libanese è crollato, e la gente ha difficoltà a comprare beni di prima necessità al mercato nero.

Scontri. a fuoco mentre si è in fila alle stazioni di servizio sono diventati quasi una routine. La fornitura di elettricità è interrotta per diverse ore al giorno – una situazione che ricorda ciò che sta accadendo nella Striscia di Gaza, e molto lontana da ciò a cui i residenti di Beirut sono abituati. Secondo tutte le valutazioni, la carenza di prodotti essenziali è destinata a peggiorare nelle prossime settimane.

Per ora, Israele sta sperimentando solo rimbalzi di questi problemi, sotto forma di incidenti occasionali lungo il confine. Lavoratori sudanesi e turchi che hanno difficoltà a guadagnarsi da vivere in Libano cercano di intrufolarsi in Israele per trovare lavoro. C’è stato anche un aumento del contrabbando di droga e di armi, sempre a causa dei problemi economici.

Ma una possibilità che è stata discussa è che il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, potrebbe cercare di rafforzare lo status politico della sua organizzazione con il sostegno iraniano. Anche se questo non sembra attualmente molto probabile, gli eventi della primavera araba di dieci anni fa hanno dimostrato che anche paesi relativamente stabili possono crollare completamente in un tempo molto breve.

Di conseguenza, la necessità di dare aiuti al Libano per garantire la sua stabilità e prevenire una presa di potere da parte di Hezbollah viene sollevata in ogni conversazione politica o di sicurezza che i funzionari israeliani hanno con le controparti di Stati Uniti, Francia e altri paesi europei”, conclude Harel.

Il Paese dei cedri rischia di bruciare. E se così fosse, le fiamme si estenderebbero all’intero Medio Oriente. 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage