Top

La denuncia: "Le bombe israeliane hanno ucciso un disabile in carrozzina con la figlia di tre anni"

I media locali raccontano una storia struggente: Eyad Salha era con la moglie incinta e la bambina quando un missile ha centrato la sua casa"

Gaza

globalist

20 Maggio 2021


Preroll

Una terribile storia arriva dai territori martoriati dalle bombe israeliane a Gaza, dove una di queste ha centrato la casa di una famiglia con un disabile, rimanendo tutti uccisi.
“Sono dieci giorni che non dormo, io e la mia famiglia abbiamo paura. Stanotte ho temuto di morire, ero terrorizzata: di continuo si sentono esplosioni e grida. Non faccio che pregare Dio affinchè protegga me, la mia famiglia e i miei amici. Oltre che da cielo e da terra, ora l’esercito israeliano ci bombarda anche dal mare”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Così una giovane di 21 anni residente a Gaza City.

Middle placement Mobile

 “Di giorno siamo costretti a restare in casa, perché se usciamo potremmo essere ritenuti obiettivi e colpiti. Circolare in auto è ancora più pericoloso”. Ieri verso l’ora di pranzo “è stato colpito un edificio non lontano da casa mia dove viveva un uomo disabile costretto su una sedia a rotelle. Il missile ha centrato la casa e ha ucciso tutta la famiglia”.

Dynamic 1

La storia è stata confermata anche da media locali e dalla testata Al jazeera, che ha fornito maggiori dettagli: Eyad Salha, di 33 anni, e sua moglie Amani, in attesa del secondo figlio, si erano appena messi a tavola con la figlia Nagham, di tre anni, quando il missile ha distrutto le tre stanze del loro appartamento.

Alla stampa internazionale Omar Salha, fratello dell’uomo, ha detto: “Mio fratello era in sedia a rotelle da 14 anni, non poteva neanche lavorare. Non era un miliziano. Perché ucciderlo? E cosa avevano fatto di male sua moglie e i suoi figli?”.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage