Premi negati, liste di proscrizione: breve storia del maccartismo all'israeliana

Il caso Goldreich: la caccia al nemico di sinistra. Caccia aperta in Israele. Si comincia dalle Ong pacifiste e si continua con intellettuali ritenuti “scomodi” dalla destra al potere.

Oded Goldreich

Oded Goldreich

Umberto De Giovannangeli 15 aprile 2021

Il caso Goldreich. Globalist lo ha raccontato per quello che rappresenta: la caccia al nemico di sinistra. Caccia aperta in Israele. Si comincia dalle Ong pacifiste e si continua con intellettuali ritenuti “scomodi” dalla destra al potere. Talmente “scomodi” da diventare bersaglio di un maccartismo all’israeliana. A riassumere il caso e la sua valenza politica è Or Kashti, in un documentato articolo per Haaretz

Maccartismo all’israeliana

Scrive Kashti: “Il ricercatore il cui ricevimento del Premio Israele di quest'anno in matematica e informatica è stato annullato dal ministro dell'Istruzione dha affermato che la decisione di Yoav Gallant è ‘un altro piccolo passo nella delegittimazione della sinistra in Israele’. Il Prof. Oded Goldreich ha detto che la mossa di Gallant di negargli il premio costituisce una ‘persecuzione politica’.

 

Goldreich ha espresso questo giudizio dopo la sentenza dell'Alta Corte di Giustizia di giovedì che ha dato a Gallant 30 giorni per giustificare la sua decisione. Il professore non riceverà il premio durante la cerimonia del Giorno dell'Indipendenza di questa settimana. Gallant motiva la sua decisione col fatto che Goldreich sosterrebbe il movimento Bds, nonostante Goldreich alo bbia più volte negato.

Il ministro dell'Istruzione ha detto venerdì che Israele deve verificare se la rinuncia di Goldreich al movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni è ‘sincera’ prima di assegnargli il premio.

 

Goldreich ha definito questa una ‘indagine politica’ aggiungendo che Gallant vuole ‘impedirmi di ricevere il premio a causa delle mie opinioni, perché sono di sinistra. Non c'è altro’.  Gallant ha twittato venerdì che il Premio Israele è ‘’l’onorificenza più prestigiosa che Israele possa conferire. Chiunque non abbia a cuore lo Stato d'Israele e le sue leggi non merita il Premio Israele’. Ha inoltre dichiarato che Goldreich può essere ‘un brillante scienziato’, ma che sostenendo il movimento Bds, egli "sputa in faccia allo Stato di Israele e al mondo accademico israeliano, e potrebbe anche infrangere la legge". Gallant ha detto che ‘completerà un’indagine per verificare se la rinuncia del professore al movimento di boicottaggio è sincera e se le informazioni che ha dato alla corte e allo stato sono corrette’, ribadendo che ‘non contribuirà a far sì che un sostenitore del boicottaggio stia su un palco nel giorno dell'indipendenza e riceva un premio dai capi di stato’. ‘Il ministro Gallant sta cercando delle scuse: per settimane si è opposto al fatto che io ricevessi il premio’, ha detto Goldreich a Haaretz. ‘Prima è stato a causa delle dichiarazioni sull'esercito, ma questo è stato considerato irrilevante. Poi è stato detto che io sostengo il Bds, ma poi si è scoperto che non è così’. Goldreich ha detto che l'accusa di Gallant era ‘strana’ perché ‘se avessi sostenuto il Bds non avrei accettato il premio, avrei dovuto boicottarlo’. Goldreich ha detto che Gallant ‘ha scavato e scavato fino a trovare petizioni che ho firmato 13 anni fa’. L'affermazione che Goldreich aveva chiesto il boicottaggio dell'Università di Ariel in Cisgiordania ‘è nata un giorno prima dell'udienza all'Alta Corte’. Goldreich parlerà in una piccola cerimonia alternativa al Weizmann Institute lunedì, dove il vice presidente dell'Accademia delle Scienze di Israele, il Prof. David Harel, gli consegnerà la statuetta del Premio Israele che aveva ricevuto in passato. Alla cerimonia intende citare le dichiarazioni del suo avvocato, Michael Sfard, fatte nell'udienza dell'Alta Corte giovedì: ‘Trattenere il premio è un tentativo di determinare - anche per allusione - che chiunque si opponga al progetto di insediamento e a tutta l'assistenza ad esso, non è una parte legittima della società israeliana’.

  Sfard ha detto in risposta alla sentenza dell'Alta Corte: ‘Il procuratore generale, insieme al ministro dell'educazione, ha escogitato un percorso chiaramente maccartista per impedire (l'assegnazione) del Premio Israele a chi ha opinioni contrarie all'occupazione’. I presidenti di tutte le università israeliane hanno rilasciato una lettera congiunta venerdì, chiedendo a Gallant di revocare la sua obiezione all'assegnazione del premio a Goldreich. ‘Negare a una persona un premio a causa delle sue convinzioni politiche contraddice il principio di base del Premio Israele e danneggia gravemente la libertà di parola e di pensiero’, dice la lettera. ‘La vostra decisione crea la difficile impressione che solo coloro che 'puntano sulla linea' saranno premiati, e chiunque osi esprimere un'opinione politica che è al di fuori del consenso sarà punito’, hanno concluso. Tuttavia, i presidenti hanno chiarito che non sono d'accordo con la posizione politica del Prof. Goldreich. ‘La nostra dichiarazione non è per identificazione politica con le dichiarazioni del Prof. Goldreich. Piuttosto, per quanto riguarda le sue dichiarazioni, siamo di un'opinione diversa. Tuttavia, crediamo che sia suo diritto, come persona che vive in una nazione democratica, esprimere la sua opinione senza paura e senza trepidazione’, dice la lettera”.

Difendere il diritto al boicottaggio

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha sostenuto il diritto di boicottare Israele quando ha annullato le condanne penali contro 11 attivisti per i diritti dei palestinesi in Francia, sferrando un duro colpo agli sforzi anti-Bds (movimento per iBoicottaggio, disinvestimento e sanzioni )  di Israele. In aprile, la Corte Suprema del Regno Unito ha abolito una normativa anti-Disinvestimento voluta dal governo nel 2016. La norma stabiliva che i consigli non potevano utilizzare le loro politiche pensionistiche “per perseguire boicottaggi, disinvestimenti e sanzioni contro le nazioni straniere e le industrie della difesa del Regno Unito”. Ma la Campagna di Solidarietà per la Palestina ha sfidato il governo e nel 2017 l’Alta corte si è pronunciata a suo favore. Tale decisione è stata annullata nel 2018 dalla Corte d’Appello, ma con la sentenza finale della Corte Suprema non è possibile presentare ricorso.

Negli Stati Uniti, la giornalista e regista Abby Martin ha citato in giudizio lo stato della Georgia per la sua repressiva legge anti-Bds.

Martin avrebbe dovuto tenere un discorso di apertura a una conferenza sull’alfabetizzazione mediatica tenutasi presso la Georgia Southern University. Quando i funzionari le hanno chiesto di firmare un contratto dichiarando che non si sarebbe impegnata in un boicottaggio di Israele, Martin ha rifiutato di farlo e il suo discorso è stato annullato, così come l’intera conferenza.

La causa di Martin contro la Georgia è una delle numerose intentate da attivisti, avvocati, educatori e giornalisti negli stati degli Stati Uniti.

Nel 2020, i governatori del Missouri e dell’Oklahoma hanno convertito in legge misure anti-Bds, ma i difensori dei diritti civili li stanno combattendo in tribunale.

Il movimento Bds era stato definito un “cancro” da Mike Pompeo, nella sua ultima missione in Israele da segretario di Stato. 

Un Premio “scottante”

“Questa  - ricordano su Haaretz Allisonon Kaplan Sommer e Judy Maltz -  non è certo la prima volta che il prestigioso Premio Israele ha scatenato polemiche - generalmente, ma non sempre per motivi politici. Nel 2015, mentre era in carica come ministro dell'istruzione, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha squalificato tre membri della giuria del premio per le loro opinioni di sinistra - Ariel Hirschfeld e Avner Holtzman, che erano stati nominati nella giuria del premio letterario e Chayim Sharir, che era stato nominato nella giuria del premio cinematografico. Otto altri giurati, tra cui l'autore di fama internazionale David Grossman, si sono poi dimessi per protesta. Ma in seguito all'intervento del procuratore generale Yehuda Weinstein, il primo ministro ha ceduto.

Nel 2017, l'annuncio che David Be'eri, un controverso attivista di destra, sarebbe stato il destinatario del premio Israel Prize Lifetime Achievement ha scatenato lo sdegno a sinistra. Be'eri ha fondato Elad, un'organizzazione impegnata ad acquistare proprietà per i residenti ebrei nei quartieri musulmani di Gerusalemme Est. In una petizione pubblicata all'epoca, il gruppo di sinistra Ir Amim ha descritto la scelta di Be'eri come "un grave affronto a chiunque abbia a cuore una Gerusalemme equa e pacifica".

Nel 1993, il defunto Rabbi Yeshayahu Leibowitz - uno scienziato, filosofo ed ebreo ortodosso che era anche un critico vocale dell'occupazione e dell'establishment religioso - fu scelto per lo stesso premio alla carriera. Arrabbiato perché Leibowitz aveva incoraggiato i soldati israeliani a rifiutare gli ordini, il primo ministro dell'epoca, Yitzhak Rabin, minacciò di boicottare la cerimonia. Per evitare di mettere in imbarazzo il premier israeliano, Leibowitz decise di rinunciare al premio.

Non sarebbe stato il primo. Il primo ministro David Ben-Gurion ricevette il premio Life Achievement nel 1968, in occasione del 20° anniversario di Israele. Ma rifiutò di accettarlo, notando che in tutto il suo lavoro a favore del paese, stava "semplicemente compiendo il mio dovere civico", come disse.

Yuval Ne'eman, un ex ministro di estrema destra che ricevette il premio in fisica nel 1969, lo restituì per protesta nel 1992. Sorprese il pubblico quando fece l'annuncio nel mezzo della cerimonia di premiazione, mentre il premio in letteratura araba veniva consegnato allo scrittore ed ex membro della Knesset Emil Habibi. Ne'eman era arrabbiato per il fatto che l'onore più prestigioso di Israele sarebbe stato conferito a un individuo che aveva anche accettato un premio dal leader dell'Olp Yasser Arafat.

Il pittore-scultore Moshe Gershuni doveva ricevere il premio nel 2003, ma è stato revocato dopo che ha annunciato che non avrebbe partecipato alla cerimonia. "La mia coscienza mi impedisce di salire sul podio. Non è il momento delle cerimonie e dei festeggiamenti", ha spiegato. Ma la vera ragione, è stato ampiamente presunto, era che non voleva stringere la mano al primo ministro Ariel Sharon.

La controversia intorno a Goldreich non è stata nemmeno la prima quest'anno ad oscurare il Premio Israele. Uno scandalo ancora più grande è stato evitato in tempo.

Yehuda Meshi-Zahav, il co-fondatore e presidente dell'organizzazione di pronto intervento medico volontario Zaka, era stato nominato vincitore del premio alla carriera. Ha annunciato che avrebbe rinunciato al premio dopo essere stato accusato in un'inchiesta di Haaretz di gravissimi atti di abuso sessuale contro uomini, donne e bambini nel corso di diversi decenni. La polizia ha avviato un'indagine sulle accuse. 

La vicenda Goldreich non è passata inosservata agli altri vincitori del Premio Israele di quest'anno. Dopo aver ricevuto il suo premio per il successo nel cinema, la regista Michal Bat-Adam ha detto che mentre era felice di ricevere il premio, era "molto triste" perché "ci manca un vincitore". Bat-Adam si è unita a quattro degli altri vincitori del premio in una protesta scritta contro il tentativo di Gallant di negare il premio a Goldreich”.

Una negazione punitiva per un uomo che ha la “colpa” di essere di sinistra. E’ il maccartismo all’israeliana.